none_o


Ognuno di noi sa che non siamo messi bene come Paese, ma alcuni episodi recenti fanno pensare di essere messi ancora peggio di quanto possiamo immaginare. Sorvolo soltanto sulla brutta figura della Nazionale di calcio e sui comportamenti dei principali responsabili di tale storica disfatta. Giampiero Ventura che ha dimostrato di essere molto più interessato ai soldi che alla faccia e alla dignità e Tavecchio...

I 10 anni della Voce
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Concorso di prosa, poesia
none_a
Compleanno
none_a
. . . . . . . . . . . . c'è chi fa il nullatenente .....
. . . tutti i governi cercano di sostentare , almeno .....
. . . . in Australia sia in funzione quel che sostieni .....
Come al solito , caro Osservatore , la fai più lunga .....
Che fai bambina mia
su quella porta
guardando da lontan
per quella via?
Ah, se sapessi,
quando la fu morta
se la portaron via
di là la mamma .....
Speedy Wash di Gambini Cinzia
Via Mazzini 6 Migliarino Pisano
Aperto dalle 08:00 alle 22:00 tutti
i giorni anche festivi
Tel. 328 4122388

Solo .....
di Stefano Ceccanti
Italia. La patria dei tanti presidenzialismi sregolati

13/11/2017 - 15:58

Eravamo nel 2008 e l’allora Presidente del Senato Franco Marini mi telefonò per chiedermi se fosse opportuno candidarsi per l’assemblea Costituente del Pd. “Dall’Abruzzo me lo chiedono con insistenza – mi disse – e so che non ci sono impedimenti formali, ma mi chiedo se sia opportuno”. Franco Marini poi non si candidò e si rivelò anche in quel caso persona saggia.
Non credo sia stato per il mio parere negativo, in cui gli segnalai i problemi a entrare in campo sia per un Presidente di assemblea (che in un partito deve parlare di contenuti, ossia di leggi che devono passare al vaglio della sua Assemblea dove deve garantire tutti), ma anche per il supplente del Presidente della Repubblica (lunga vita ai Presidenti: ma se poi succede oro qualcosa e il supplente si trova nel mezzo di una crisi?).
Mi sbaglierò, ma in buona e ristretta compagnia, tra gli altri, di Fabio Martini, Gabriele Cané e Dino Cofrancesco, mi sembra invece che i nostri Presidenti di assemblea non solo decidano in senso opposto, ma non si pongano nemmeno il problema.
Si copre retoricamente  la figura del Presidente di Assemblea con una “mistica dell’imparzialità” che tende a nascondere anche suoi poteri ampiamente discrezionali  con decisioni non scontate. Ma questa mistica crolla del tutto, lasciando il re nudo, se i Presidenti, al di là delle posizioni di merito e di schieramento sostenute, che potrebbero essere le più giuste e condivisibili, entrano del tutto nelle dispute politiche contingenti. Fanno del male alle istituzioni e non è detto che facciano bene neanche a loro stessi e alle cause sostenute.
L’Italia è in fondo il Paese dove per non avere un (semi)presidenzialismo regolato si accettano come normali tanti presidenzialismi sregolati.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: