none_o


Dopo la solita razione di catastrofi ingurgitata nei telegiornali, insieme ad altre notizie nefaste, scorso l’elenco di malversazioni, truffe, omicidi, scontri, annunci eclatanti e dichiarazioni preoccupanti, rilasciate in libertà, da politici volponi, in campagna elettorale, sbirciato la lista delle previsioni economiche apocalittiche, sorbito le analisi pessimistiche a dir poco, sui futuri fenomeni e sviluppi sociali ....

Ricordo
none_a
Anniversario
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
Mi scuso con Alias e Cittadino 2 , ma non posso condividere .....
Il Sig Maini invece ci narra e ci illustra ciò che .....
Il problema è l'approccio mentale, signor Maini. .....
Egr. democratico, sono stufo di vedere i turisti .....
Migliarino, 21 febbraio
none_a
Il programma di +Europa
none_a
Verso le elezioni politiche
none_a
Lungomonte Pisano, 20 febbraio
none_a
Verso le elezioni politiche
none_a
Le foto di Luigi Polito
none_a
Le foto di Luigi Polito
none_a
Curiosando
none_a
Accadde Oggi
none_a
Tornando vella sera dalla fiera
La mì moglie a casa mi viense a mente
Grassa pallata dice brutta gente
Linguacce malidette da galera

Certo pasta .....
Mercoledì 21 Febbraio alle ore 21
21 30 presso la sede della Lega
Sezione Val di Serchio a Vecchiano in
Piazza P. Pasolini avrà luogo un incontro .....
di Vincenzo Carni
Il P.S.I. per il rafforzamento dell’area vasta costiera Toscana

14/11/2017 - 16:18

Il P.S.I. per il rafforzamento dell’area vasta costiera Toscana
 
                Non ci troviamo nulla di strano che i sindaci di due importanti città quale Firenze e Bologna, si siano seduti in un tavolo di lavoro comune e abbiano firmato un protocollo d’intesa per lo sviluppo interregionale di due grandi città europee, che grazie a un’ attenta politica infrastrutturale sono diventate “vicine vicine”.
         Troviamo invece singolare e negativo che una cosa analoga  non succeda lungo la costa tirrenica della Toscana.
         La politica pisana ha saputo costruire il pisamover , spendendo milioni di euro con scarsa utilità, con gli stessi soldi si poteva fare ben altro.
         Lungo la costa tirrenica ancora si viaggia su una viabilità obsoleta e con una  linea ferroviaria vecchia e quindi lenta che non risponde più alle esigenze del terzo millennio, Pisa non ha una circonvallazione di area pisana, ancora inefficiente è il collegamento ferroviario con Lucca e con Firenze non è adeguato.
         Non si avverte ancora nessuna progettazione tra le città costiere :Livorno, Lucca, Massa e Pisa: è su questo che bisogna interrogare i politici pisani comunali regionali e nazionali che ci hanno governato ininterrottamente da venticinque anni piuttosto che criticare la scelta del sindaco di Firenze e le sollecitazioni dei politici dell’area metropolitana fiorentina.
         Le responsabilità per un eventuale indebolimento dello scalo aeroportuale pisano vanno cercate nelle ambiguità e nel provincialismo sterile  della politica locale.
 
 

 
Vincenzo Carni (segreteria P.S.I. Pisa)

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: