none_o

Una quarantina di anni fa, rientrando sporadicamente dalla residenza in nord Italia, per visite parentali e reimmergermi nelle acque locali, dove un grande Alessandro sciacquava solitamente i panni il secolo precedente, non appena valicato l’Appennino, mi rendevo conto di quanto siamo “ghiozzi”, pesanti, a volte grevi, blasfemi, volgari, bischeri e sciamannati noi toscani! Man mano che mi avvicinavo a Vecchiano, avvertivo sempre più chiaramente ....

Il Diario di Trilussa
none_a
Storia
none_a
Compleanno
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Ho fatto caso, è da tempo che il sig. Bertelli predilige .....
Sig. Gori si calmi , la troppa foga le può fare .....
Continuo a sentire politici “sinistroidi” (d'alema .....
Vorrei ringraziare pubblicamente i Senatori che con .....
San Giuliano Terme
none_a
ANIMALI CELESTI
none_a
Migliarino
none_a
Soci Unicoop
none_a
Primaziale Pisana, conf stampa
none_a
Tornando vella sera dalla fiera
La mì moglie a casa mi viense a mente
Grassa pallata dice brutta gente
Linguacce malidette da galera

Certo pasta .....
Causa trasferimento abitazione, vendiamo mobili usati in ottimo stato.
Visibili a Nodica, comune di Vecchiano.

cinzia. mantellassi@ virgilio. .....
ConfcommercioPisa
Auto tassarsi per la sicurezza sull'asse commerciale? Siamo contrarissimi

4/12/2017 - 17:26

Auto tassarsi per la sicurezza sull'asse commerciale? Siamo contrarissimi


Pisa, 4 dicembre 2017

- Respinge risolutamente al mittente ConfcommercioPisa l'ipotesi che le attività commerciali assoldino dei vigilantes per il controllo dell'asse commerciale di Pisa.

Non ne vuol sentire parlare il direttore Federico Pieragnoli: “E' una strada completamente sbagliata e un messaggio dalla deriva pericolosa.

Non è pensabile né proponibile che le attività commerciali, già costrette ad investire tanti soldi in sicurezza, debbano ulteriormente auto-tassarsi e sobbarcarsi nuovi oneri con lo scopo di garantire più sicurezza lungo l'asse commerciale.

Come si può chiedere ulteriori sforzi economici a locali e attività – si domanda Pieragnoli - già tartassate da innumerevoli adempimenti e costrette a sopportare un carico fiscale abnorme vicino al 70%?”.
Su questa sicurezza fai-da-te la posizione di ConfcommercioPisa è chiara: “Siamo contrarissimi nel far gravare sulle spalle degli imprenditori ulteriori costi e nuove, indebite, responsabilità, in un contesto molto difficile in cui i consumi sono radicalmente cambiati, i margini di guadagno si sono ridotti, i tempi di lavoro sono diventati sempre più frenetici e tenere i conti in ordine è via via più complicato. No, la soluzione non può essere questa, anzi a passare è un messaggio distorto che genera un equivoco pericoloso in cui, visto che lo Stato non è in grado di garantire i diritti sanciti costituzionalmente come la sicurezza e la libera iniziativa economica, si assume l'errato principio che i privati possano gestire collettivamente quote di pubblica sicurezza.

Ora, se per assurdo la città fosse sporca, nessuno oserebbe proporre un auto-tassazione dei commercianti per assumere nuovi netturbini, ma al contrario si chiederebbe a chi di dovere di intervenire. Ma se ciò vale per i rifiuti, figuriamoci per la sicurezza, il cui impatto sulla vita di tutti noi è decisamente maggiore e la cui competenza spetta in via esclusiva alle forze dell'ordine”.
“La sicurezza non è un kit fai-da-te, ma una questione troppo delicata per essere lasciata all'auto-organizzazione di chicchesia” - questa la conclusione del direttore di ConfcommercioPisa.
 
 




Fonte: Alessio Giovarruscio Comunicazione & Stampa Confcommercio Provincia di Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: