none_o


 La notizia è di pochi giorni fa e ha lasciato a bocca aperta il grande pubblico; ma non gli addetti ai lavori.  Uno studio del Centro tedesco Helmholtz per la ricerca oceanografica GEOMAR, di Kiel, pubblicato sulla rivista Science Advanced, fa sapere che il nostro Etna, il vulcano più grande d'Europa, sta scivolando lentamente nelle acque dello Ionio....

Vecchiano: Percorsi Partecipativi
none_a
Invito
none_a
Teatro del Popolo Migliarino 26 ott.
none_a
Migliarino - Pubblica Assistenza
none_a
Applicati, leggi meglio. Sono daccordo con loro per .....
. . . morire in conoscenza sia il miglior viatico per .....
Bomba I
bomba II
e giggetto pupazzo perfetto

ASPETTIAMO .....
Tiri in ballo me, ma fai cilecca. La risposta "nel .....
I luoghi dell'eccellenza gastronomica
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Ass. La Voce del Serchio
none_a
Uno Sguardo dal Serchio
none_a
Parrocchia Madonna dell'Acqua
none_a
Circolo Il Fortino di Marina di P.
none_a
Fiab Pisa
none_a
San Giuliano, 21 ottobre
none_a
Palaia
none_a
ASBUC Migliarino, 19 ottobre
none_a
  • Teatro del Popolo 26 ottobre

      Sulla mia pelle film di A. Cremonini

    È prevista, via Skype, una rappresentanza della famiglia Cucchi.

     

  • ASSEMBLEA ASBUC

      giovedì 4 ottobre, ore 21


    Si avvicina il giorno dell’assemblea pubblica per far sì che venga rinnovato il Comitato di amministrazione dei beni di uso pubblico di Migliarino con votazione Domenica 28 ottobre, presso l’Auditorium ASBUC- Via S. D’Acquisto 1.


Pontasserchio
none_a
Pappiana
none_a
COMUNICATO MIGLIARINO VOLLEY 1984
none_a
ASD PISA BOCCE
none_a
Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Il giorno sabato 22 ottobre, dalle ore 9 alle ore 12, a San Giuliano Terme, in Piazza Italia,
GAZEBO LEGA . . . per un'iniziativa veramente interessante .....
Confcommercio
Saldi Invernali al via: “Cauto ottimismo: la ripresa se c'è ancora non si vede”

3/1/2018 - 14:26

Saldi Invernali al via: “Cauto ottimismo: la ripresa se c'è ancora non si vede”
Si parte il 5 gennaio. Sconti tra il 30% e il 50%. 330 euro il budget a disposizione delle famiglie. 36 milioni di euro il giro d'affari in provincia di Pisa


Pisa, 3 gennaio 2018 - Via ufficiale dei saldi invernali 2018 il prossimo venerdì 5 gennaio in Toscana. Interessano 15,6 milioni di famiglie, muovono in totale 5,2 miliardi di euro, con un budget di spesa a persona di 143 euro: sono i numeri dei saldi invernali secondo l'indagine di Federazione Moda Italia.

A livello provinciale il numero delle famiglie pisane che approfitteranno degli scontisaranno 110.000, per un acquisto medio a famiglia di 330 euro e un giro d'affari intorno ai 36 milioni di euro. “Previsioni leggermente al ribasso rispetto allo scorso anno, per una serie di motivazioni” – chiarisce la presidente di Confcommercio Provincia di Pisa Federica Grassini: “Da un lato la ripresa è annunciata ma non ancora effettivamente percepita da parte dei consumatori. Dall'altro, iniziative nuove come il Black Friday hanno portato vantaggi solo nell'immediato. Arriviamo da un autunno senza infamia e senza lode, e se a questo sommiamo il sistematico bombardamento di promozioni che vengono fatte nonostante il divieto in vigore nei trenta giorni precedenti ai saldi, è chiaro che le previsioni non possono indulgere ad un troppo facile ottimismo.

Non ci sono i controlli necessari, e di fatto, il nostro è un settore liberalizzato per tutto l'anno”.
“Su questo specifico punto non possiamo nasconderci” – prosegue Grassini: “le liberalizzazioni selvagge hanno portato ad un generale impoverimento, danneggiando il consumatore finale invaso da una offerta sempre più massiccia ma di scarsa qualità, mentre i rivenditori che continuano ad investire in qualità resistono ancora sul mercato ma con grande fatica. Se a questo sommiamo l'ulteriore e inatteso incremento delle tariffe energetiche, le previsioni per il nostro settore non sono certo delle migliori. Il dato positivo è che cresce la fiducia dei consumatori e che i sadli continuano a rappresentare un momento significativo e di ottime opportunità di acquisto per i nostri acquirenti”.
“Gli sconti oscilleranno in media tra il 30% e il 50%” - continua la presidente di ConfcommercioPisa - “diffidare di sconti eccessivi, e l'invito che rivolgiamo è quello di rivolgersi ai negozi di vicinato, capaci di garantire la massima assistenza e professionalità anche nel post vendita”.
Per il corretto acquisto degli articoli in saldo, Confcommercio Provincia di Pisa ricorda che: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme; non c'è obbligo della prova dei capi, che è rimesso alla discrezionalità del negoziante; le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante qualora sia esposto nel punto vendita l'adesivo che attesta la relativa convenzione; i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo.

Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso; obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.
 
 
 
 



Fonte: Alessio Giovarruscio Comunicazione & Stampa Confcommercio Provincia di Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




3/1/2018 - 20:59

AUTORE:
Karbugi

Quei tre bicci in più della tredicesima se ne sono andati per allestire una tavola decente a casa durante le feste, comprare qualche modesto regalo,pagare i parcheggi i tiket medicinali,le bollette le multe, far riparare guasti e disagi casalinghi e non...basti pensare alle pile e alle lampadine che si bruciano di continuo e che costano una frana, ecc ecc ecc!
Ora mi dite come si fa a pensare di comprare calzature e abbigliamento con quel poco che è rimasto?!
Al solo pensiero di arrivare a fine gennaio viene l'orticaria, che sommata alla pandemia dell'influenza fa venì il patema!