none_o


Ho risistemato la mia vespa PX 150 a miscela. Mi porto sempre dietro l'olio in una tanichetta; vivo come un atto d'eroismo miscelare artigianalmente benzina e olio. Vedessi come i benzinai mi aiutano nel "fabbricare" il carburante. Sono solidali, romantici, tornano anche loro più giovani. Il mezzo è del1982. Un ex meccanico che sapeva dove mettere le mani l'ha rimessa al pezzo e poi è stata tirata al lucido. Ritinta rosso fuoco....

Le Parole di Ieri
none_a
Personaggi
none_a
Ricordo
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Tranquillo che io sono informatissimo sia sull'offerta .....
. . . sordo di chi non vuol sentire,
e non c'è .....
. . . era molto tempo che non visitavo questo forum .....
Vedi Bruno basta poco per svegliare i moribondi della .....
San Giuliano
none_a
Domenica 21 Gennaio
none_a
“Agorà

RACCONTARE
none_a
Pisa, 18 gennaio
none_a
Comitato Carnevale Vecchianese
none_a
Vecchiano
none_a
CSI Pisa
none_a
CSI
none_a
Vecchiano
none_a
Tornando vella sera dalla fiera
La mì moglie a casa mi viense a mente
Grassa pallata dice brutta gente
Linguacce malidette da galera

Certo pasta .....
IL GIORNO 18 GENNAIO DALLE ORE 16. 30 ALLE ORE 18. 30 LE INSEGNANTI ACCOGLIERANNO TUTTI I GENITORI PER VISITARE LA SCUOLA IN OCCASIONE DELLE ISCRIZIONI .....
Curiosità
Bravo anestesista Rob Hackett!

6/1/2018 - 18:22

I colleghi deridono un medico perché scrive il proprio nome sulla cuffia.

Dopo l’operazione capiscono il perché

Ricordare tanti nomi è difficile, farlo in situazioni che non aiutano il riconoscimento, lo è ancora di più.Immaginate un gruppo di medici, assistenti, infermieri , in sala operatoria.
Rob Hackett, medico australiano, anestesista in diverse strutture di Sydney, ha avuto un’idea brillante, derisa inizialmente da diversi colleghi.
Come egli stesso racconta, lavorando con tante e diverse persone, tutte con mascherine sul viso, era evidente la difficoltà dei pazienti e del team medico, nel ricordarsi nomi o non confonderli.
Così ha scritto il proprio sulla cuffia, invitando i colleghi a fare altrettanto. All’inizio le critiche e qualche sorriso hanno avuto spazio, ma Rob ha insistito motivando la cosa come un aiuto al lavoro d’equipe, e all’efficienza.
“In sala operatoria – ci dice questo dottore – spesso i secondi sono vitali. In una circostanza un paziente andò in arresto cardiaco e in sala operatoria c’erano circa 20 tra medici e personale. Sbagliare un nome, creare confusione, può significare perdere una vita umana.
Così mi sono detto: se ognuno scrivesse in evidenza il proprio nome, aiuterebbe la comunicazione, la velocità, l’efficienza del lavoro. Non dovremmo più dire forbici, ma Bill, forbici. Si creerebbe anche maggior spirito di squadra.”
Cosi il medico ha lanciato, sul suo profilo twitter, una campagna per sensibilizzare colleghi e direzioni sanitarie verso la sua idea.
L’obiettivo dichiarato è quello di dare valore al proprio nome, di facilitare la comunicazione, di essere riconoscibili dai pazienti.
E rompere alcuni tabù all’interno del sistema ospedaliero.
L’iniziativa di Rob, all’inizio osteggiata ed anche un poco derisa, ha cominciato a riscuotere molto successo, non solo in Australia, ma in giro per il mondo.
Ha contribuito a far riflettere sull’importanza del tempo e della comunicazione in situazioni delicate come quelle nella sala operatoria.
Condividiamo, pensando che sia una gran bella iniziativa!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: