none_o

Da molte fonti internazionali l'Italia è situata ai primi posti per evasione fiscale nel mondo. Un fenomeno mai affrontato con decisione ed ora elemento fondamentale per la crisi di famiglie e imprese. Il nuovo governo non potrà ignorarlo e alcuni strumenti di contrasto efficaci sarebbero invece molto semplici.

La gazzella fa il tifo per il leone, questo è lo .....
. . . ex compagno sarai te!
Caro ex compagno di quelli che portavano l' unità, .....
. . . i vostri manifesti elettorali ve li hanno staccati .....


Matilde Baroni in, Carta Bianca 1, Casa della Donna di Pisa 2008 

Novembre 1918: ritorno a casa di Alfonso.

Di Bruno Pollacci
none_a
CIMITERO DELLA PROPOSITURA: PURTROPPO NIENTE È CAMBIATO
none_a
Verso le elezioni politiche di Domenica 25 settembre
none_a
di Umberto Mosso
none_a
25 settembre 2022
none_a
Io, Medico
none_a
none_a
di Antonio Campo
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
Il desiderio di luce porta pace nel mio cuore.
Risplende la gioia della vita in ogni cosa che vive, che fa parte di me e
dell’universo che mi circonda. .....
Buongiorno,

queste mie parole sono per evidenziare il menefreghismo di un ente del Comune di San Giuliano Terme che ad oggi non mi ha risposto ad .....
Curiosità
Bravo anestesista Rob Hackett!

6/1/2018 - 18:22

I colleghi deridono un medico perché scrive il proprio nome sulla cuffia.

Dopo l’operazione capiscono il perché

Ricordare tanti nomi è difficile, farlo in situazioni che non aiutano il riconoscimento, lo è ancora di più.Immaginate un gruppo di medici, assistenti, infermieri , in sala operatoria.
Rob Hackett, medico australiano, anestesista in diverse strutture di Sydney, ha avuto un’idea brillante, derisa inizialmente da diversi colleghi.
Come egli stesso racconta, lavorando con tante e diverse persone, tutte con mascherine sul viso, era evidente la difficoltà dei pazienti e del team medico, nel ricordarsi nomi o non confonderli.
Così ha scritto il proprio sulla cuffia, invitando i colleghi a fare altrettanto. All’inizio le critiche e qualche sorriso hanno avuto spazio, ma Rob ha insistito motivando la cosa come un aiuto al lavoro d’equipe, e all’efficienza.
“In sala operatoria – ci dice questo dottore – spesso i secondi sono vitali. In una circostanza un paziente andò in arresto cardiaco e in sala operatoria c’erano circa 20 tra medici e personale. Sbagliare un nome, creare confusione, può significare perdere una vita umana.
Così mi sono detto: se ognuno scrivesse in evidenza il proprio nome, aiuterebbe la comunicazione, la velocità, l’efficienza del lavoro. Non dovremmo più dire forbici, ma Bill, forbici. Si creerebbe anche maggior spirito di squadra.”
Cosi il medico ha lanciato, sul suo profilo twitter, una campagna per sensibilizzare colleghi e direzioni sanitarie verso la sua idea.
L’obiettivo dichiarato è quello di dare valore al proprio nome, di facilitare la comunicazione, di essere riconoscibili dai pazienti.
E rompere alcuni tabù all’interno del sistema ospedaliero.
L’iniziativa di Rob, all’inizio osteggiata ed anche un poco derisa, ha cominciato a riscuotere molto successo, non solo in Australia, ma in giro per il mondo.
Ha contribuito a far riflettere sull’importanza del tempo e della comunicazione in situazioni delicate come quelle nella sala operatoria.
Condividiamo, pensando che sia una gran bella iniziativa!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri