none_o

Mettiamola cosi: in Medio Oriente c’è stata grande confusione sotto il sole e molte forze e fazioni locali e longa manus di potenze vicine e lontane, si sono accapigliate in un contezioso complesso, per certi versi sorprendente e apparentemente incoerente. Una difficile partita a scacchi, giocata cinicamente a più mani a diversi livelli di interessi palesi e occulti, legittimi e inconfessabili e strati sovrapposti di tattiche o strategie conflittuali....

Accadde oggi
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
La pagina di Michele
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Caro Riccardo informati!

il principale avversario .....
Un governo con la legge elettorale ( anche attuale) .....
Per me rimarrà sempre una naturale incapacità a capire .....
La legge elettorale a doppio turno alla francese é .....
Agrifiera di Pontasserchio, 28 apri
none_a
25 Aprile
none_a
Pontasserchio, 24 aprile
none_a
PONTEDERA
none_a
25 Aprile
none_a
Vecchiano
none_a
Vecchiano
none_a
Pappiana
none_a
San Giuliano Terme, 15 aprile
none_a
COME UN SASSO NEL FIUME


Resto in silenzio ad aspettare te,
a contemplare il tuo tenero viso,
i tuoi occhi candidi, dolcissimi,
semplici che .....
A Migliarino Pisano Viale dei Pini lato Salviati affittasi appartamento arredato di 90 mq. sviluppato su unico piano composto da Ingresso indipendente .....
di Renzo Moschini
L’Ambiente resta nei guai anche nel Pd

6/4/2018 - 15:27

L’Ambiente resta nei guai anche nel Pd


L’ambiente non è certo nei guai solo per la latitanza del Pd di cui si è discusso anche molto vivacemente in campagna elettorale. Latitanza che si si sposa peraltro–come avevamo visto chiaramente anche con il referendum- con politiche istituzionali che hanno sempre più complicato il governo del territorio sul piano nazionale, regionale e locale. Nelle ultime elezioni amministrative su questo avevamo pagato dazio salato  infatti anche in regioni e città come la Toscana e l’Emilia nonostante le loro tradizioni.
La speranza era quindi innanzitutto che il nuovo parlamento non ripartisse sull’ambiente con leggi per fortuna bloccate come quella sui parchi da cui il Pd usciva molto malamente e non poco  screditato politicamente. Ora si apprende che lunedì prossimo l’On Borghi del Pd che prenderà il posto di Realacci sfrattato ripresenterà la legge sfasciaparchi. Il Pd sarà anche all’opposizione ma questa decisione, che non andava certo presa con Di Maio, si potrebbe sapere dove e da chi è stata presa? Possibile che negli stessi giorni in cui la regione Toscana approva una buona legge a sostegno dei suoi parchi a Roma il Pd sui parchi non sappia fare di meglio che risputtanarsi? E non si venga a scocciarci con il rancore, i caminetti  perché qui come direbbe sempre Renzi, ci vuole il lanciafiamme. Il 10 giugno poi ce la vedremo tranquillamente con altre batoste ma a questo ormai siamo avvezzi.
Renzo Moschini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: