none_o

Mettiamola cosi: in Medio Oriente c’è stata grande confusione sotto il sole e molte forze e fazioni locali e longa manus di potenze vicine e lontane, si sono accapigliate in un contezioso complesso, per certi versi sorprendente e apparentemente incoerente. Una difficile partita a scacchi, giocata cinicamente a più mani a diversi livelli di interessi palesi e occulti, legittimi e inconfessabili e strati sovrapposti di tattiche o strategie conflittuali....

Accadde oggi
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
La pagina di Michele
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Caro Riccardo informati!

il principale avversario .....
Un governo con la legge elettorale ( anche attuale) .....
Per me rimarrà sempre una naturale incapacità a capire .....
La legge elettorale a doppio turno alla francese é .....
Agrifiera di Pontasserchio, 28 apri
none_a
25 Aprile
none_a
Pontasserchio, 24 aprile
none_a
PONTEDERA
none_a
25 Aprile
none_a
Vecchiano
none_a
Vecchiano
none_a
Pappiana
none_a
San Giuliano Terme, 15 aprile
none_a
COME UN SASSO NEL FIUME


Resto in silenzio ad aspettare te,
a contemplare il tuo tenero viso,
i tuoi occhi candidi, dolcissimi,
semplici che .....
A Migliarino Pisano Viale dei Pini lato Salviati affittasi appartamento arredato di 90 mq. sviluppato su unico piano composto da Ingresso indipendente .....
SENTENZA A SORPRESA
Vittorio Feltri: Matteo Renzi è sparito e ora non ci resta che il suicidio

13/4/2018 - 8:54

SENTENZA A SORPRESA
Vittorio Feltri: Matteo Renzi è sparito e ora non ci resta che il suicidio

Sparito. Renzi non conta più niente e non si capisce perché.

È stato protagonista della vita politica italiana per alcuni anni e, inaspettatamente, è stato giubilato come fosse un bandito.

Mettiamo pure che abbia commesso degli errori, abbia tradito le aspettative, ma non riusciamo a capire perché sia stato accantonato quale reietto. Se il suo Pd è caduto dal 40 per cento delle ultime europee al 18 per cento delle politiche, perdio, non sarà solo colpa sua. Mi pare improbabile.I guai di Matteo cominciarono col referendum sulle riforme istituzionali. Che erano necessarie anche se non piacevano ai compagni e non soltanto a loro. La più ridicola era l' abolizione a metà del Senato. Tutti, tranne i senatori poltronisti, erano contro il bicameralismo, anche noi.Ma Renzi non ebbe il coraggio di eliminare in toto Palazzo Madama. Lo ridusse a una schifezzuola senza senso, e nessuno comprese perché non cancellarlo del tutto. Cominciarono le polemiche. E non finirono più. Anzi, si estesero alla legge elettorale e ad altro. Berlusconi, che inizialmente era d' accordo con Matteo, ruppe il patto per via di Mattarella, preferito dal premier ad Amato, indicato dal Cavaliere.

Fu un disastro totale. Il declino di Renzi nonché quello di Silvio è figlio dello sfascio del Nazareno.

Dal momento in cui i due leader si separarono iniziarono le disgrazie per entrambi. Il referendum si trasformò in un plebiscito pro o contro il presidente del Consiglio. Il quale, odiato da vari esponenti del proprio partito, venne osteggiato al punto da rendersi odioso persino all' elettorato, e quindi perdente.

A un certo punto il comandamento in Parlamento e nel Paese fu: uccidere il bullo di Firenze allo scopo di liberare l' Italia dalla schiavitù, tornare a votare e avere finalmente un governo serio. L' opposizione si alleò con i compagni contestatori del segretario.

Bella roba.

Vinsero i no e non accadde nulla di positivo. Viceversa la politica si incartò e produsse una legge elettorale da vomito.

Si andò alle urne alla carlona e ora siamo nella melma, peggio che pria. Non c' è soluzione tranne il suicidio. Renzi si è eclissato, ma il fango ci copre più abbondante che in passato. E allora che ragione c' era di fargli la guerra? Incomprensibile.

Sarebbe bastato approvare il referendum e aspettare la scadenza della legislatura e ora avremmo un esecutivo in grado di reggere. Che viceversa non abbiamo e non costituiremo.

Pur di sbarazzarci di Matteo il giovane ci siamo impigliati tra le zampine dei grillini. Il salto da Andreotti a Di Maio ci distruggerà per sempre. Sprofonderemo nel ridicolo, notoriamente più nefasto del tragico.I democratici si sono squagliati, sono diventati pesi piuma, degli sbandati. Dei poveri fessi senza una guida. Renzi paga la sua supponenza e i suoi colleghi pagano la loro stupidità.

All' Italia spetta l' onere di saldare il conto della dabbenaggine dei propri rappresentanti.

..................................................................................................................

ACCORDO IMPOSSIBILE
Vittorio Feltri: "Staffetta Salvini-Di Maio modo migliore per farci ridere dietro dal mondo"


Fonte: Vittorio Feltri
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: