none_o

Il 29 settembre è una data particolare. Non solo fa subito venire in mente la celebre canzone dell’Equipe 84 ma è anche il giorno del compleanno di Silvio Berlusconi (1936) e di Pier Luigi Bersani (1951). Sarà una combinazione ma proprio in questa data un noto ristorante viareggino della Marina di Levante organizza una “Cena con Corona”, nel senso del Fabrizio. Chi è interessato basta cercare in Internet....

I 10 anni della Voce
none_a
Compleanno
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
IN RISPOSTA A CICCIO

CANTIERIZZAZIONE E CRONOPROGRAMMA .....
Per qualcuno è finita la pacchia delle lamentele . .....
. . . . . . . . . . . . . appelli di persone " disperate .....
Premetto che non intendo criticare e polemizzare e .....
A cura di: Leonardo Debbia
none_a
Uno Sguardo dal Serchio
none_a
Rottamazione: era l'ora!
none_a
Tecnologia e robotica
none_a
San Giuliano Terme, 28 settembre
none_a
San Giuliano, 22-23 settembre
none_a
Arena Metato, 25 settembre
none_a
San Rossore, 22 settembre
none_a
ARCI Migliarino
none_a
Migliarino Biodanza ASBUC
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Domani forse piove.
Festival MusikArte
Il concerto di Georgi Mundrov alla Villa Scorzi di Calci

14/4/2018 - 18:16


Una nuova "location" si è affacciata nel panorama delle Dimore Storiche del Festival MusikArte, la Villa Scorzi di Calci, molto ammirata da chi non la conosceva,  di straordinario interesse architettonico, con strutture che si sono aggiunte dal XIV° al XVII° secolo, con una fontana molto simile a quella della Certosa.


Ai fini musicali, perfetta è risultata la grande sala, sormontata da due giganteschi lampadari, dall'acustica notevole.


Sala strapiena, secondo consuetudine, con la presenza del Sindaco  Chimenti, le Assessore Ricotta e Lupetti di Calci e dell'Assessore Ferrante di Pisa.


Le dimensioni della sala, con circa 50 posti a disposizione in più rispetto al solito, avevano fatto sperare di poter soddisfare tutte le richieste, essendo anche di giovedì.
Ma non è stato così. A tre giorni dal concerto le prenotazioni sono state bloccate.


Comunque è la dimostrazione di come il Festival stia crescendo in modo esponenziale nella conoscenza e nell'apprezzamento degli appassionati locali e non solo, visto che ci sono ormai stabilmente persone che vengono da tutta la Toscana e anche da fuori, pernottando a San Giuliano, come sottolinea Sandro Petri, presidente dell'Associazione La Voce del Serchio:
" Grazie al grande lavoro fatto dalla Fanny Mendelssohn e dalla direttrice artistica Sandra Landini, capaci di creare una manifestazione musicale di livello internazionale in grado di attirare l'interesse di chi ama questo settore, è possibile ottenere risultati con il binomio Cultura e Turismo sia nel territorio sia per il territorio, aggiungendo anche alla musica le mostre di artisti e degustazione di prodotti enogastronomici locali.
Il Festival è pronto ormai a diventare un chiaro punto di riferimento nazionale, se si riuscirà a rafforzare la collaborazione tra Associazioni e Istituzioni e ad ottenere le risorse necessarie".


Ma parliamo del concerto.
Ancora una volta, come con Carabellese a Villa Alta, Georgi Mundrov non ha solo dimostrato il suo grande virtuosismo al pianoforte ( per l'occasione uno splendido coda lunga Yamaha di Menicagli) per cui è famoso nel mondo, ma ha anche condotto lo spettatore alla comprensione di quanto stava suonando.
In un chiarissimo italospagnolo ha spiegato il confronto di brani di autori diversi basati sullo stesso ritmo ( valzer, tango, polacca) facendo capire i risultati dei diversi approcci.
Più complesso il pezzo finale di Schumann, Carnaval, che non era solo una celebrazione del Carnevale, bensì una storia basata sul Carnevale di Venezia, la Commedia dell'Arte e le maschere, classiche e alcune nuove rappresentanti l'autore e i suoi amori.
E' stato un po' come seguire un film ascoltandone solo la musica, ma reso comprensibile dalle parole iniziali di Georgi.


Applausi convinti e persistenti di una sala gremitissima, come si può vedere dalle foto di Maria Luzi.


Prossimo appuntamento il 20 aprile a Vicopisano, al Teatro di Via Verdi.
 

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: