none_o

Qualche anno fa, se chiedevi ad un bambino, cosa volesse fare da grande, rispondeva l’astronauta, oppure il calciatore, le bambine invece volevano fare le hostes, le maestre oppure le cantanti.
Con ingenuità mista a fanciullesca inesperienza, esprimevano desideri e formulavano auspici irrealistici oppure fin troppo concreti, ma campati per aria, spesso destinati a rimanere pie illusioni, o diventare mediocri realtà.

Libri
none_a
Ricordo
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Compleanno
none_a
la Pagina di Michele
none_a
http:/ / www. lavocedelserchio. it/ vediarticolo. php?id=27917&page=0&t_a=sagra-della-zuppa-2018

Comunque. .....
. . . . . . . . . . . . . che studi abbia fatto il .....
. . . . . . . . . . . . . . . . al programma che il .....
Bersani 25% (con cui un paio di persone hanno governato) .....
La Natura vista da Simona Tedesco
none_a
Agrifiera di Pontasserchio, 22 aprile
none_a
Agrifiera di Pontasserchio, 21 aprile
none_a
Agrifiera di Pontasserchio, 21 aprile
none_a
-Il Fortino- sabato 26
none_a
Pisa, 23 maggio
none_a
San Giuliano Terme, 27 maggio
none_a
Pisa, 22 maggio
none_a
Vecchiano
none_a
Pisa, 19 maggio-7 ottobre
none_a
  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


  • GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA LINGUA MADRE

      Una domenica un poco strana il 25


    Anche per quest’anno la GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA LINGUA MADRE, evento che il G.U.T. (Gruppourturatoscana) porta in giro nella zona pisana, ed oltre, sarà ospite dell’ASBUC di Migliarino 


Pontasserchio
none_a
Campi solari (vedi locandina)
none_a
Pisa
none_a
Migliarino, 21 maggio
none_a
COME UN SASSO NEL FIUME


Resto in silenzio ad aspettare te,
a contemplare il tuo tenero viso,
i tuoi occhi candidi, dolcissimi,
semplici che .....
A Migliarino Pisano Viale dei Pini lato Salviati affittasi appartamento arredato di 90 mq. sviluppato su unico piano composto da Ingresso indipendente .....
Firenze
CAMBIO LUOGO INIZIATIVA DI SABATO CON ANDREA ORLANDO A FIRENZE

18/4/2018 - 23:24

 
CAMBIO LUOGO INIZIATIVA DI SABATO  CON ANDREA ORLANDO A FIRENZE 
 
 
Sabato 21 Aprile a Firenze, presso la Casa del Popolo San Quirico, via Pisana 576 - via Baccio da Montelupo 35, dalle ore 10,00, si terrà l’assemblea aperta promossa da militanti e dirigenti del Partito Democratico toscano  che non hanno condiviso la scelta di annullare la riunione dell’Assemblea nazionale che si sarebbe dovuta tenere proprio sabato a Roma. “Le ragioni addotte a sostegno della scelta di annullare l’assemblea nazionale sarebbero state piuttosto valide motivazioni per farla quella riunione e per aprire un confronto vero fra di noi e con la società– sostiene Valerio Fabiani, fra gli organizzatori dell’evento fiorentino - Il complicato scenario internazionale, la situazione di stallo in cui versa il quadro politico nazionale, la sconfitta più dura di sempre per la sinistra italiana esigono che il Pd apra una discussione profonda e vera. Negarla è stato un grave errore, per questo abbiamo pensato di “rimediare”, organizzando comunque un momento di confronto aperto non solo a militanti ed  elettori  del PD  toscano, ma anche a quelle forze della società con le quali il nostro Partito da tempo fatica ad interloquire.” L’appuntamento, di carattere regionale, vedrà la partecipazione di vari esponenti  provenienti da tutte le province. 
A concludere sarà il Ministro della Giustizia Andrea Orlando.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




21/4/2018 - 19:04

AUTORE:
Umberto

..... non si potranno piu’ sciogliere. E diventera’ obbligatorio, per Mattarella, dare un governo al paese. La scena cambiera’: il duello rusticano tra Salvini e Di Maio diventera’ affanno e costrizione. Se si paleserà’ lo stallo, l’impossibilità dei due a trovare un accordo, la soluzione che il voto del 4 marzo imporrebbe, allora il Capo dello Stato dovrà’ obbligatoriamente imporre una soluzione: cercata tra tutti i partiti e indipendentemente dai vincoli del voto ultimo. Sarà di Di Maio e Salvini la colpa. E anche per questo loro fallimento non potrà essere, nessuno di loro due, a guidare il governo. Solo allora il Pd e’ legittimato ad entrare in gioco. Non prima. E, soprattutto, non in base alla ignobile e umiliante logica del “secondo forno” come continua, dilettante, a definirlo Di Maio, avviandosi, anche così’, verso il fallimento. La linea del Pd e’ stata limpida e ha pagato: la responsabilita’ di fare il governo e’ dei due che hanno guadagnato voti ( non chiamiamoli vincitori). Se non ci riescono, hanno fallito. E si deve pensare ad altro, diverso da loro due. Se il Pd avesse seguito la linea assurda e scodinzolante di Orlando, Franceschini, Emiliano e di LeU, ora non avremmo, lo stesso, il governo ma avremmo il Pd spappolato , confuso, squagliato. Nessuno piu’, nemmeno tra gli avversari, chiede la scomparsa di Renzi. Tutti hanno bisogno di un Pd unito e con una leadership non impalpabile. E Renzi, lo vogliate o no, e’ una garanzia per questo. Lo hanno capito gli avversari. Lo capiranno anche gli “strateghi” dirigenti del Pd? E metteranno gli interessi dell’Italia davanti alle loro infantili, presuntuose e mortificanti ambizioni a “fare il segretario” del Pd? Speriamo.