none_o

Percorrere la via Traversagna dal monte fino a Migliarino andando lentamente e guardandosi intorno può essere molto istruttivo. La prima cosa che salta agli occhi è la maleducazione di noi cittadini. Spazzatura ovunque. La maggior quantità è ammassata sotto il ponte che spassa oltre la Barra. Un cumulo di rifiuti fra cui frigoriferi e mobili vetusti che non sono passati per la Geofor.

Il Diario di Trilussa
none_a
LIBRI
none_a
Personaggi
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
. . . . . . . . . . . . ricordo che il virus del " .....
oggi sono stato a santa anna di Stazzema ho partecipato .....
. . . . . . . . . . . . . inorgoglisce è nella fantasia, .....
Quello che mette in difficoltà il nostro paese, creando .....
Volterra-domenica 19 agosto
none_a
Tirrenia,14 agosto
none_a
Marina di Pisa, 10 agosto
none_a
Palaia, 10 agosto
none_a
Tirrenia, 7 agosto
none_a
Calci, 12 agosto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Dopo l’ultimo consiglio comunale abbiamo finito di capire chi sono i consiglieri di minoranza. Incapaci, ignoranti egocentrici. Il tema ponte si discute .....
Intervista di Giulia Baglini
Tofanelli ricorda Silvano Ambrogi

12/5/2018 - 0:42

Bella iniziativa su Silvano Ambrogi, scrittore e sceneggiatore romano ma che a Migliarino ha vissuto tutta l'infanzia e la giovinezza... da rileggere e riscoprire.

Ritrovo e ripropongo le parole che su di lui raccolsi quando qualche anno fa intervistai Alessandro Tofanelli, regista e pittore che lo conobbe molto da vicino:


Silvano Ambrogi: uno scrittore nato a Roma e cresciuto a Migliarino e che ha saputo comunicare l’amore per questo paese attraverso il suo romanzo “Le Svedesi “. Quale ricordo conserva di questa importante figura della cultura italiana contemporanea?


Io ho un ricordo vivo di Silvano perché abbiamo fatto diverse cose insieme e insieme abbiamo scritto la sceneggiatura de “Le Svedesi” per tirarci fuori un film.
Quando sono venuto ad abitare a Migliarino non conoscevo ancora questo romanzo, me lo avevano sempre rammentato ma non lo avevo mai letto.
Alla fine riuscii a trovare una copia fotocopiata … lo lessi in una notte ed ebbi questa illuminazione: “Ma questo è un film, ma questo è fantastico!” Contattai subito Silvano e andai da lui a Roma, gli parlai e venne fuori questa collaborazione.
E’ stato un lavoro travagliato perché se io vado a parlare con una persona che non è pronta o che non si vuol sentir raccontare certe cose, è finita.
Parlando del progetto con un dirigente Rai questi mi disse che c’erano già due illustri precedenti : “Sapore di Mare 1" e “Sapore di Mare 2”.

A quel punto capii che sarebbe stato difficile andare avanti, perché si trattava di film che non avevano niente a che fare con “Le Svedesi”.
Questo romanzo era un vero e proprio esperimento culturale: è vero che si parla di un paese, di un gruppo di vitelloni toscani che aspettano queste mitiche svedesi che non arrivano mai, ma è anche uno spaccato di uno spazio senza tempo. Io lo avevo ribattezzato Il deserto del Tartari a Migliarino Pisano.

Insieme abbiamo fatto tante altre cose, per esempio ho curato la regia di una bellissima edizione dell'Histoire du Soldat di Stravinskij, con l'orchestra dei solisti del Bolshoi e Giancarlo Giannini come narratore.

Silvano ne fece la traduzione in un dialetto nostro della costa, una via di mezzo tra un versiliese e un vecchianese-migliarinese.

Fu un’esperienza fantastica, le riviste specializzate ne parlarono benissimo, fu considerato uno dei migliori lavori del periodo.

Riusciva a passare da tutta una serie di situazioni in modo geniale, era una fucina continua di idee.

Era un grande personaggio e ha avuto il merito di avere scoperto Benigni, facendolo debuttare in teatro con “I Burosauri”, la commedia scritta da Silvano e portata al successo da Ernesto Calindri.


Grandi personaggi dello spettacolo con la s maiuscola come Poli, Gassman e Salines hanno lavorato con lui.

 

Era una persona molto umile, non era entrante, non era furbo: Silvano era Silvano.

In un mondo dove tutto è gestito da gente che spesso vende quello che non è e quello che non ha, Silvano era una figura fuori dal tempo ma fantastico per quello. Soprattutto in un mondo come il nostro dove le capacità, la bravura, la genialità arrivano sempre dopo una serie di furbizie, ammanicamenti, appartenenze, tessere.

 

Io ho letto diversi testi suoi. Flaiano diceva che per imparare a scrivere bisognava leggere anche Ambrogi. Aveva tutta una serie di elementi che facevano di lui una figura importante. Io lo ricordo ancora molto bene, non è una di quelle persone che si dimenticano nel giro di poco tempo.

 

Silvano è una di quelle figure che quando chiudo gli occhi lo vedo ancora, vedo il sorriso, risento anche la tonalità della voce. E’ una di quelle persone di cui sento ancora la mancanza e di cui avverto sempre la presenza.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: