none_o


Era nata per sosta di preghiera ai pellegrini che si recavano a Roma, poi per santificare la processione del Corpus Domini che dalla chiesa di San Ranieri vi si recava a messa e a festeggiare la giornata con bancarelle di dolciumi e  “coperte” per merenda sugli “aguglioli”. Poi, per la cattiva strada che aveva preso la bella strada, tutto si dissolse lentamente fino a che un gruppo di migliarinesi si diedero da fare per chiuderne il transito...

. . . . . . . . . . . . l'epidemia corona virus, .....
. . . si perchè di bullismo se ne parla solo se succedono .....
Quasi tutti conoscono il detto "chi rompe paga ed i .....
. . . o a Migliarino martedì?
Adnkronos Salute
none_a
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Per gli atleti pisani 19 medaglie
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Pisa Bocce
none_a
Se fossi nata albero sarei cresciuta molto, almeno spero,

invece sono corta e mingherlina e accrescere è un mistero.

Mi è stata tolta l'occasione .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Le aree naturali protette
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
Le Parole di Ieri
Da Trebbiata a Tribolo

14/5/2018 - 12:17


TREBBIATA
Lett: TREBBIARE. [Tritare, triturare. Battere le biade sull’aia col correggiato].
Per similitudine con i colpi battuti sull’aia col correggiato (il nostro cerchiale), il termine trebbiata indica una caduta accidentale. In genere è una caduta non troppo rovinosa ed è molto simile alla cerchialata, che ha probabilmente la stessa origine fonetica.
I due modi di dire quindi:
t’ ho fatto una trebbiata!” e “t’ho battuto una cerchialata!
sono abbastanza simili ed indicano entrambi una sonora caduta, priva però di gravi conseguenze.
 
TREMOTIO  (accento sulla “i”)
Lett: TREMOTIO. [Fracasso. Rumore grande, di robe pesanti che si trasportano].
In dialetto potrebbe tradursi con terremoto, disordine, anche confusione ma perdendo il riferimento al rumore e al fracasso.
“Fare un tremotio” significava creare un grande disordine, buttare tutto all’aria, anche causare una zuffa o una rissa.
 
TREMOTO
Lett: TREMOTO. [Terremoto. Ragazzo o cavallo troppo vivo, irrequieto].
E’ proprio un tremoto” è frase riferita di solito ad un bambino molto vivace, che non sta mai fermo e che combina sempre guai, proprio come un terremoto.
 
TRENCI
Lett: nc.
Non ha corrispondenze in italiano e quasi sicuramente deriva dall’inglese trench, impermeabile.
Trenci si chiamavano quegli impermeabilini sottili, di nylon, solitamente di colore nero, lucidi, che andavano di moda negli anni 60. Si mettevano sopra la giacca, perché a quel tempo i ragazzi, quando si cambiavano, si mettevano in giacca e cravatta.
Di moda fino verso la fine degli anni 60 quando la contestazione giovanile ha determinato un cambiamento radicale nel modo di vestire, di portare i capelli ed anche di pensare delle giovani generazioni.
 
TREPPIARE
Lett: TREPPIARE.
Verbo arcaico, derivato probabilmente dal tedesco trippen, che significa scalpitare.
In dialetto aveva assunto il significato più modesto di calpestare.
M’e treppiato un piede!” : mi hai calpestato un piede!
  
TRIBOLO
Lett: TRIBOLO. [Pianta delle rutacee, spesso formante bassi cespugli con foglie pennate e frutti verrucosi. La specie terrestris ha frutti spinosi infesti al bestiame].
Si trovano specialmente nelle zone sabbiose del Troncolo e si attaccano tenacemente a tutto ciò con cui vengono a contatto: scarpe, calze, lacci, vestiti, perfino ai fascioni delle biciclette.
A piedi scalzi sono capaci di perforare la pelle e provocare ferite.
Non per niente da questo deriva il verbo tribolare, ad indicare il soffrire pene e sofferenza..
I romani per contrastare la cavalleria nemica gettavano sulle strade consolari il tribolum (tri significa tre e bolum palla), una specie di sfera a tre punte di ferro di cui una rimaneva sempre rivolta verso l’alto.

 

FOTO. Trattoria Baroncini e via della Chiesa

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: