none_o

Riprendiamo con piacere la ricerca di storie e leggende del nostro territorio. Dopo Villa Alta e Ripafratta, approfondiamo questa volta i misteri dei fantasmi della Villa di Corliano.Sono numerose le ipotesi sui fenomeni paranormali che si manifesterebbero a Corliano; la  leggenda più conosciuta è quella del fantasma di Teresa Scolastica della Seta Gaetani Bocca che, secondo tradizione, si manifesterebbe solo nelle notti di luna piena...

Arpat Toscana
none_a
Alma Pisarum choir
none_a
Convocazione Assemblea ordinaria Soci
none_a
ARCI Migliarino-Sabato 18
none_a
Quando si mostra un simbolo, sia religioso che laico, .....
mostrare un rosario che la falce e il martello
Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori di questo .....
Ma perché un fate una bacheca e ci schiodate dentro .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
POSTE ITALIANE: a poste vita il PREMIO GOVERNANCE
di capital finance
none_a
A cura di Maini Riccardo
none_a
Libri ed altro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito .....
di Renzo Moschini
none_a
Dal 24 al 26 maggio
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Lorenzo Del Zoppo: Vicesindaco Assessore Istruzione, Cultura, Politiche Sociali presso il Comune di Vecchiano.
IL RICORDO E L’OMAGGIO PER SILVANO AMBROGI

15/5/2018 - 12:48

IL RICORDO E L’OMAGGIO PER SILVANO AMBROGI

Sabato scorso, 12 maggio, il Comune di Vecchiano ha ricordato il migliarinese (d’adozione) Silvano Ambrogi, scrittore, sceneggiatore, giornalista, personalità assai importante nel teatro anche se poco conosciuta alla giovani generazioni.

L’iniziativa è stata possibile grazie alla collaborazione della famiglia dello scrittore e dell’associazione di teatro Attiesse che ha rappresentato “I burosauri” (con la regia di Paolo Giommarelli), una delle commedie satiriche più importanti di Ambrogi.

Prima dello spettacolo si è svolta una discussione sulla figura di Ambrogi alla quale hanno partecipato: Eva Marinai, ricercatrice di storia del teatro e vice presidente del Corso di studi in Discipline della Comunicazione e dello Spettacolo Università di Pisa, che ha parlato dell’opera di Ambrogi, delle influenze e dell’importanza che questa ha avuto; Antonio Salines, attore e regista teatrale, che ha parlato del suo rapporto anche di amicizia oltre che di collega con Ambrogi; Fabio Ivan Pigola, editore, che ha ristampato “Le svedesi” qui il link alla nuova edizione, romanzo di Ambrogi ambientato a Bocca di Serchio; Iacopo Bertoni, presidente dell’Attiesse Associazione Teatro Spettacolo, che ha parlato dell’importanza di rappresentare e riscoprire classici proprio come “I burosauri”.

Io, dopo i saluti del Sindaco, ho avuto il piacere di leggere un messaggio – emozionato ed emozionante – della giornalista Francesca Franceschi, assente giustificata, e poi ho introdotto la discussione con la riflessione che vi trascrivo qua sotto. Ancora più sotto, alcune foto de “I burosauri” durante la rappresentazione dei bravissimi attori dell’Attiesse e la rassegna stampa de Il Tirreno e La Nazione.
Con l’assenza di Francesca, in modo molto più modesto, cercherò di introdurre questa discussione con una riflessione, o meglio, con una impressione. L’impressione di chi, come me, non conoscendo l’opera di Ambrogi e non essendo un esperto della materia, ha avuto la possibilità di leggere alcune commedie e alcuni commenti.
L’impressione che ho avuto, quindi, è quella di un’autore e un’opera che si inserisce pienamente nel contesto letterario della seconda metà del ‘900 italiano.

Ambrogi rappresenta la società che vive, quella italiana, ma non si limita a registrarne i comportamenti, i vizi e le virtù, ma riesce – come i grandi artisti – ad anticipare i temi e i tempi, a mettere in luce aspetti che solo l’occhio attento dell’acuto osservatore intellettuale riesce a fare. E lo fa al pari di un’ottima compagnia di altri autori: ne “Le svedesi” del 1959 si leggono le influenze de “I vitelloni” di Fellini che aveva soggetto e sceneggiatura scritti da Flaiano; ne “I burosauri” ci sono discendenze di Gadda; “Neurotandem” del ’67 è già proiettato in un’epoca diversa e anticipa i temi della “coppia in crisi” cari a Woody Allen. Così fino alle opere degli anni ’90: “I sessantottonni” è una riflessione ancora attualissima sulla crisi dei valori e della politica; “I malmangianti” una satira del consumismo e delle mode delle diete in ambito alimentare.
Con l’arma appuntita dell’ironia, con un linguaggio affilato, attraverso tutti i mezzi espressivi a disposizione, la sua è una satira feroce di quello che noi siamo, se è vero che secondo alcuni burocrati, non necessariamente “burosauri”, la satira “è quella manifestazione di pensiero, talora di altissimo livello, che nei tempi si è addossata il compito di castigare ridendo mores ovvero di indicare alla pubblica opinione aspetti criticabili o esecrabili, al fine di ottenere un esito finale di carattere etico”.
Allora, io penso che le opere di Ambrogi possano essere lette così: pienamente dentro la nobile tradizione della satira più alta, avendola innovata nei temi e nei linguaggi, anticipando i tempi, e sempre con un fine etico, Ambrogi ha consegnato ai posteri lavori sempre attuali; è per noi un piacere oggi rendere omaggio ad un’opera di così grande valore.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: