none_o

Riprendiamo con piacere la ricerca di storie e leggende del nostro territorio. Dopo Villa Alta e Ripafratta, approfondiamo questa volta i misteri dei fantasmi della Villa di Corliano.Sono numerose le ipotesi sui fenomeni paranormali che si manifesterebbero a Corliano; la  leggenda più conosciuta è quella del fantasma di Teresa Scolastica della Seta Gaetani Bocca che, secondo tradizione, si manifesterebbe solo nelle notti di luna piena...

Arpat Toscana
none_a
Alma Pisarum choir
none_a
Convocazione Assemblea ordinaria Soci
none_a
ARCI Migliarino-Sabato 18
none_a
Quando si mostra un simbolo, sia religioso che laico, .....
mostrare un rosario che la falce e il martello
Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori di questo .....
Ma perché un fate una bacheca e ci schiodate dentro .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
POSTE ITALIANE: a poste vita il PREMIO GOVERNANCE
di capital finance
none_a
A cura di Maini Riccardo
none_a
Libri ed altro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito .....
di Renzo Moschini
none_a
Dal 24 al 26 maggio
none_a
di Renzo Moschini
none_a

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




28/5/2018 - 1:37

AUTORE:
Giovanni

Al netto dell’italico “cui prodest?” ( oggi sono tutti profeti perché il cittì della nazionale di calcio purtroppo da domani c’é giá....) e cioè se M5 S é caduto nella trappola di Salvini oppure se puntano assieme ( ma con chi si presenta Salvini ? Col centrodestra?Con o contro i cinque stelle ?) al cosiddetto “80 per cento” (D’Alema dixit),alcune riflessioni che faccio per me ed i 1500 lettori di Forcelliana memoria ( Enzo Forcella ed i suoi 1500 lettori interessati alla politica ndr....):

1. Il povero prof. Conte, come é venuto, così se ne é andato....con tutto il rispetto, mandatario era e mandatario é rimasto......
2. A Mattarella si può dire tutto meno che sia parte dei cosiddetti poteri occulti,economici o complottardi,se non altro perché fratello ed erede politico di Piersanti,assassinato dalla mafia con un killer prestato (Fioravanti ndr) dai Nar,organizzazione terroristica fascista molto connessa con Banda della Magliana e P2,che tra strage di Bologna e scambi di armi e soldi molto trafficava con i veri poteri occulti....
Sergio Mattarella ha dimostrato in tutta la sua attivitá politica da che parte é stato lui....la Casaleggio associati invece fino a che non consegna software ed algoritmi all’Agcom non sappiamo bene a chi risponda.
Salvini ha invece -va detto,con molta chiarezza-mutato geneticamente la Lega Nord in partito lepenista ma mi piacerebbe sapere di più sulle relazioni con Putin per esempio....
3. Non si può dire che il Presidente della Repubblica non conosca le pieghe della Costituzione visto il ruolo di docente di diritto parlamentare e di giudice della Corte Costituzionale né che non sappia riconoscere gli effetti politici delle leggi elettorali visto che é il padre della legge maggioritaria che finora ha funzionato meglio.
4. Vogliamo dirci che lo scontro sia davvero sul prof. Savona che ha scoperto la minigonna ad 82 anni ( si legga la pericolosità dell’Europa dopo aver servito come “tecnico” da Ministro del Ciampi patriota europeo e dunque italiano) ?
E’ evidente che così non é o almeno questa é la ragione superficiale.
Molto più profonda la ragione reale ovvero l’inaccettabilità istituzionale di uno stravolgimento della Costituzione che pensata comma per comma immagina non una democrazia diretta per cui chi vince prende tutto ma una repubblica democratica parlamentare in cui pesi e contrappesi esistono per garantire con consuetudini e norme l’agibilità politica.
Il Presidente della Repubblica firma il decreto di nomina dei Ministri propostigli dal Presidente del Consiglio. Si può pensare che non ne porti la responsabilitá ? Immaginare di imporgli oggi un Ministro oggettivamente discutibile significherebbe dichiarare definitivamente superata la repubblica democratica parlamentare in cambio di una democrazia diretta per cui chi vince é padrone assoluto anche quando si tratta di una delle minoranze parlamentari,sia pure la più numerosa,con evidenti conseguenze di Spoil System a tutti i livelli amministrativi e politici( e in Parlamento giá é successo con le nomine dei questori per esempio creando un precedente che ogni forza politica dovrebbe aborrire pensando al futuro quando dovesse tornare ad essere forza di opposizione democratica).
Savona o non Savona,perfino Berlusconi,il Berlusconi vincente col maggioritario e candidato Premier,alla opposizione sul nome di Previti Ministro della Giustizia fece un passo indietro. ( e non é l’unico caso della Repubblica).
Salvini e Di Maio no.
Perché in gioco c’é una concezione intera della democrazia. Non un nome di Ministro.
E quando in gioco sono i princípi della democrazia non c’é mediazione possibile.
É l’inverno del nostro scontento quello che viviamo ma alla fine c’é sempre un Campo di Bosworth per ogni sconfinata ambizione!