none_o


Guardati allo specchio! Il volto che vedi riflesso è il risultato di milioni di anni di evoluzione e riflette le caratteristiche più distintive, che utilizziamo per identificarci e riconoscerci.  E' il risultato che si è plasmato secondo i nostri bisogni, legati al mangiare, al respirare, alla vista, alla comunicazione.  Ma come si è evoluto nei millenni il volto che abbiamo, per arrivare a mostrarsi com' è oggi?

Conad City e Pubblica Assistenza di Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Per chi non lo sapesse, da martedi il comune comincerà .....
Francesco T è Primo? ed Ultimo sono io!
Si perchè .....
Caro lettore, ho fatto anc'io quello che mi consiglia, .....
Caro Francesco T, lettore e scrittore del Forumm VdS. .....
Vecchiano, 26 aprile
none_a
Pisa, 28 aprile
none_a
Pontasserchio
none_a
FIAB-Pisa
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Per una Pasquetta partigiana
none_a
San Giuliano Terme
none_a
di Fabrizio Manfredi
none_a
CAMPIONI D’ITALIA!!! #W8NDERFUL!!!
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Sogno San Giuliano:
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Parco Regionale MSRM
none_a
redazioneweb@provincia.pisa.it
Prima settimana di lavori sul Ponte di Pontasserchio-Vecchiano

5/7/2018 - 20:33

Comunicato stampa:

Prima settimana di lavori sul Ponte di Pontasserchio-Vecchiano


Sono iniziati regolarmente lunedì 2 luglio i lavori sul ponte di Pontasserchio-Vecchiano sulla SP 30 per consentire la riparazione delle componenti strutturali dell’impalcato.
SICUREZZA. L’intervento di chiusura al transito, come più volte ricordato, è reso necessario per garantire la sicurezza dell’infrastruttura e, quindi, l’incolumità dei cittadini nell’attraversamento del ponte, stanti le condizioni rilevate per lo stesso.
ALTERNATIVE. Rispetto a soluzioni alternative  per garantire la viabilità, i tecnici della Provincia  - come già comunicato nell’Assemblea pubblica nel Comune di Vecchiano dello scorso 28 giugno - hanno verificato per tempo  l’impossibilità per motivi tecnico-ambientali sia di ricorrere alla tipologia di ponte Bailey (per altro data la distanza tra i due argini la situazione è molto diversa da quella di Cascine di Buti), sia di ricostruire un nuovo ponte affiancato, per il quale sarebbero occorsi tempi, costi e rispetto di prescrizioni idrogeologiche di realizzazione molto difficilmente sostenibili.
DISAGI. Stante la necessità di intervenire  e la valutazione delle alternative, insieme ai Comuni e con la collaborazione di altri soggetti (118, Società della Salute) si è cercato di ridurre al minimo i disagi per i cittadini.

È vero che tali disagi, pur esistenti, devono essere commisurati all’obiettivo di evitare situazioni di insicurezza che, purtroppo, in alcuni casi si sono manifestate con episodi drammatici che hanno interessato infrastrutture simili nel nostro Paese e che sono stati all’attenzione dei media e della pubblica opinione e non solo.
LAVORI. La prima settimana di lavorazioni si è svolta secondo il programma, e nel fine settimana la ditta opererà  - fuori cantiere - nell’approvvigionamento del materiale tecnico necessario per avviare, da lunedì 9, le prima fasi di ricostruzione delle parti già demolite nel corso di questa settimana.


RIPAFRATTA. Nel corso della prossima settimana, sulla base di accordi presi con RFI, si verificherà la possibilità di sincronizzare al meglio il semaforo con il passaggio a livello.


Tutti gli aggiornamenti alla pagina:

http://www.provincia.pisa.it/pontesicuro  e sulla pagina Facebook della Provincia di Pisa https://www.facebook.com/provinciapisa

Fonte: Istituzione dei Comuni per il governo dell’area vasta Scuole, Strade e Sistemi di trasporto, Territorio e Ambiente Gestione associata di servizi e assistenza ai Comuni
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/7/2018 - 12:24

AUTORE:
cittadino

Bravo Flavio. Ieri pomeriggio 52 minuti in fila passando dal Ponte di Ripafratta, ero fermo al cartello con la scritta "RIGOLI"...e tutti noi, come l'addetto che da solo lavorava domenica sul ponte di pontasserchio e a differenza della signora lucia, non eravamo in fila per andare al mare!

16/7/2018 - 12:45

AUTORE:
flavio

C'è gente che lavora tutte le domeniche e fa lavori anche meno importanti per la COLLETTIVITA'. Sai che sforzo se c'è uno che lavora, di domenica, in un cantiere così IMPORTANTE per il TERRITORIO. Dovrebbe esserci una squadra intera di operai, non uno !

15/7/2018 - 15:20

AUTORE:
Lucia

Salve.
Stamani giornata calda e festiva un addetto al cantiere stava lavorando invece di essere in fila per andare al mare.
Buona domenica a tutti

12/7/2018 - 10:44

AUTORE:
Luigi Pini

Andate a rivedervi l' intervista su canale 50 dove il primo cittadino di Vecchiano fa il sunto della situazione.Intervista integrale anche su Segnalazioni Vecchiano di qualche giorno fa.

12/7/2018 - 9:34

AUTORE:
Lettrice

Beata ignoranza disinformazia ma qualcuno ha la coda di paglia.
Confermo quanto letto: lunghissima fila sull'Aurelia in direzione Pisa sicuramente da Migliarino, oltre non vado, e da Pisa anche oltre del pontelungo.
Provare per credere.
Buona vita e buone file quotidiane!

11/7/2018 - 23:11

AUTORE:
Lettore

Guarda che questo comunicato stampa è stato inviato dalla Provincia di Pisa e la Provincia non ha un primo cittadino da smentire.
Se il cittadino Luigi mette su una chiacchiera, tu lo segui alla cieca?
Imparare a leggere i comunicati è doveroso per chi risponde.

11/7/2018 - 22:54

AUTORE:
Mario

Mi spiace smentire il primo cittadino ma la fila sull'Aurelia non c'era sempre. Adesso c'è sempre.
Prima potevo permettermi di rientrare a pranzo a casa e poter stare con mio figlio adesso devo pranzare al lavoro, rientrare tardi la sera e partire almeno 40' prima di sempre.
io non posso andare al lavoro in bicicletta, probabilmente arriverei prima ma rischierei la vita.
Ho idea che qualcuno viva sulla luna!

11/7/2018 - 15:38

AUTORE:
residente anco io

O AUTORE FUTURO& ci poi arrivà anco te se ti sforzi un briciolino, un c'è bisogno del politennìo, fai un sarto lì, al ponte, vai a guardà e poi osì la pianti di dì bischerate..almeno che anco te chiaccheri perché sei uno di quelli che va a lavorà in biciletta in via Barsuglia.

11/7/2018 - 11:03

AUTORE:
Futuro&

Ma quanti ingegneri che ci sono a Vecchiano! Chi l'avrebbe detto che una tale competenza fosse concentrata in un territorio così ristretto: esperti di urbanistica, di materiali, di tecnologia delle costruzioni, Sono ammirato davvero, di abitare in mezzo a tante eccellenze.

11/7/2018 - 9:41

AUTORE:
Residente

Scusate , mi sbaglio o in tutti gli articoli precedenti alla chiusura del ponte c'era scritto: "L’andamento dei lavori sarà scandito da un conto alla rovescia alla riapertura del ponte, tramite display di cantiere" ?
Dalla parte di Vecchiano display non ce ne sono...ma allora non è ancora iniziato il conto alla rovescia..e quindi non sono ancora iniziati i lavori? perché nei due sabati e nelle due domeniche passate di operai non c'era ombra..e dal lunedì al venerdì ce ne sono 2 al massimo 3! ecco perché ci vogliono 120 giorni per ridare il ponte ai cittadini..complimenti ai TECNICI per la scelta della ditta!

9/7/2018 - 12:58

AUTORE:
Luigi Pini

Come dice il nostro primo cittadino di Vecchiano,non lamentatevi che la coda sull'Aurelia c'è sempre stata.... Tantu lui a lavoro ci va in bicicletta.
Grazie
L.P.

6/7/2018 - 16:15

AUTORE:
Bastiano

Ma la foto numero 1 è dei lavori del ponte o di altre realtà?

6/7/2018 - 16:10

AUTORE:
Maria

Mi lasciano molto perplesse le difese di un operato molto discutibile da parte delle amministrazioni coinvolte:
La provincia inesistente, di quali tecnici stiamo parlando?
i due comuni che sembra non abbiano la più pallida idea delle conseguenze non solo di mobilità,ma economiche, sociali e sanitarie che questo provvedimento, seppur necessario, abbia sul territorio.
La questione della chiusura del ponte non è nata ieri e nessuno nelle rispettive campagne elettorali hanno trattato l'argomento. Troppo spinoso ed impopolare. Si veda i risultati elettorali dei comuni limitrofi.
Ritengo che ci sarebbe stato tutto il tempo per un'organizzazione meno invasiva dei lavori.
Qualcuno probabilmente se ne ricorderà a tempo debito.
Intanto passiamo il nostro tempo in fila e non mi interessa alzarmi 1 ora prima ma quest'ora, che poi diventano anche due, non poterle utilizzare per altro: stare con i miei figli, visitare la parente ammalata o rilassarmi in giardino.
La sicurezza avanti a tutto ma si poteva, si può e si deve fare di meglio

6/7/2018 - 9:32

AUTORE:
Gastone B.

Ad incomprensibile voglio dire: è facile fare il grande coi quattrini degli altri. 150.000 euro anticipali te visto che sono pochi. Parti prima la mattina! Perchè io che sono di Campo devo far spendere alla mia amministrazione comunale dei soldi in più perche te c'hai da passare di lì e non vuoi fare la fila?!
sistemiamoci piuttosto le strade rotte con quei soldi.
Bona!!

5/7/2018 - 21:54

AUTORE:
incomprensibile

Lunga coda a Migliarino, fino al campo sportivo. Ed è luglio. Una situazione che peggiorerà da settembre: con l' inizio dell'anno scolastico la coda non potrà che tragicamente aumentare. Un disagio evitabile? Direi di sì, quanto meno comprimibile.
Infatti ritengo che si sarebbe potuto tenere il cantiere attivo 24h su 24h. Certamente sarebbe costato di più. Ma la domanda a cui rispondere è: questo maggiore costo sarebbe stato superiore ai costi sociali e ambientali derivanti dalle lunghe code cui sono sottoposti i cittadini del comune di vecchiano? Proviamo a tradurre in numeri. Con la soluzione scelta il costo del cantiere è 300.000€ e starà aperto per 4 mesi, da luglio a novembre. Lavorando invece su tre turni il tempo si ridurrebbe ad un terzo. Ma siamo cautelativi e diciamo che si ridurrebbe della metà: il cantiere terminerebbe in 2 mesi, a fine agosto. Certamente costerebbe di più ma quanto? Mediamente gli straordinari di un metalmeccanico sono pagati il 50% in piu: il cantiere sarebbe quindi costato 450.000€, ossia 150.000€. troppi per evitare a centinaia di cittadini di farsi 20 minuti di fila ogni giorno?
E per andare al lavoro, non al mare. Visto il dissenso che c'è intorno a questo fatto, un amministrazione intelligente è che ha a cuore i propri cittadini, potrebbe dichiarare i motivi di tale decisione rispetto ad altre.