none_o

Mi verrebbe istintivamente di dire che i controlli sono inesistenti. Ma ripensandoci dico: magari fossero inesistenti, sarebbe meglio!         Sono infatti inesistenti i controlli tesi a far rispettare i limiti di velocità, quelli sì che sono COMPLETAMENTE INESISTENTI, mentre purtroppo esistono invece, ma OGNI TANTO, controlli che servono quasi esclusivamente a fare cassa da parte delle amministrazioni. E ve lo dimostro sùbito....

Metato - Pubblica Assistenza
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Migliarino - Pubblica Assistenza
none_a
Soccorso Alluvionale
none_a
. . . . . . . . . . . . ICI, IMU, Condoni, Cartelle, .....
Un conto è dire, un conto è fare.
Questi parlano, .....
Oggi il professor Panebianco scrive un magistrale .....
. . ma unti viene mai annoia a stammi ghietro?

buon .....
Piante e giardini
none_a
Teatri della Resistenza
none_a
Concorso di Poesia
none_a
con Fulvio Pisani Guida Ambientale Escursionistica
none_a
San Giugliano Terme, 2 dicembre
none_a
Orzignano, 23 novembre
none_a
Pisa
none_a
"Terre di Pisa".
none_a
FIAB-Pisa
none_a
Invito alla lettura
none_a
  • Teatro del Popolo 26 ottobre

      Sulla mia pelle film di A. Cremonini

    È prevista, via Skype, una rappresentanza della famiglia Cucchi.

     

  • ASSEMBLEA ASBUC

      giovedì 4 ottobre, ore 21


    Si avvicina il giorno dell’assemblea pubblica per far sì che venga rinnovato il Comitato di amministrazione dei beni di uso pubblico di Migliarino con votazione Domenica 28 ottobre, presso l’Auditorium ASBUC- Via S. D’Acquisto 1.


Campionato provinciale di seconda categoria
none_a
Giovanissimi B girone A
none_a
Pontasserchio
none_a
#VecchianoSport #Karate
none_a
Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Cerco ragazza / signora per la gestione di un appartamento In Penia di Canazei . Il lavoro consiste nel gestire check in/ out -pulizie cambio lenzuola .....
Redazionale
Un vero onore...

11/8/2018 - 19:31


Dalla prossima settimana il Giornale avrà l’onore di ospitare alcuni brevi articoli di Professor Piero Paolicchi. Personaggio estroverso e anticonformista ha deciso di partecipare alla Voce con alcuni suoi piccoli saggi che hanno per oggetto le parole. Come non mai, in questo momento storico del nostro Paese, le parole hanno importanza e significato. Soprattutto perché agiscono prevalentemente su soggetti che egli stesso ha trattato in un suo precedente libello di cui mettiamo sotto un breve commento dal web.


Per far capire il personaggio di seguito la definizione che egli da di sè stesso.


Piero Paolicchi, psicologo, esercita la propria attività eversiva di docente presso l’Università di Pisa. Dopo la teoria generale dell’imbecillità, descritta nel suo precedente libro, Il fattore I, continua a essere ostinatamente ottimista e crede che, tutto sommato, la situazione sia “disperata ma non seria”.
 
Un breve commento del suo libro
Piero Paolicchi, che insegna Psicologia sociale a Pisa, ha scritto un agile trattatello dedicato all’imbecillità. Condizione umana di cui si hanno continue manifestazioni su scala anche vasta e nei campi più disparati, vita politica compresa. Titolo: Il Fattore I, sottotitolo: Per una teoria generale dell’imbecillità . I lettori più avvertiti ricorderanno che il compianto storico dell’economia Carlo Maria Cipolla aveva pubblicato anni fa un breve saggio d’argomento analogo, cercando di individuare le leggi fondamentali della stupidità umana.


Paolicchi riprende e aggiorna il tema partendo dal presupposto che “l’imbecillità è diffusa statisticamente in modo uniforme nel tempo e nello spazio”, però con alcune concentrazioni statistiche di cui è interessante ricercare ragioni e modalità di sviluppo. Solo gli imbecilli , poi, non possono diventare pazzi : “l’Imbecillità è la caricatura della normalità, la pazzia è la caricatura del genio”. Interessante anche la notazione che “l’assenza di umorismo e di ironia è uno dei principali indicatori del pensiero “I””, laddove gli ” I ” “sono sempre aggiornati, alla moda, e apprezzano moltissimo le novità”.


L’autore si pone anche lo spinoso problema se “I” si nasca o si diventi : “Nel 98,3 per cento dei casi (gli “I”, ndr) sono persone cresciute in famiglie abbienti o impegnate allo spasimo per dare loro tutto quello che potevano desiderare, transitate per una scuola che non seleziona per non commettere soprusi, collocate infine in un posto di lavoro dove non devono misurarsi con problemi di confronto o di concorrenza”.


La tesi di fondo del professor Paolicchi è che “I” non si nasce, ma per lo più si diventa: “I più giovani e soprattutto i bambini non sono stati ancora spinti verso tale destino come lo sono gli adolescenti e gli adulti”. Nelle conclusioni l’autore precisa che l’imbecillità è un fenomeno che si sviluppa su basi biologiche, ma è determinato e regolato da fattori socioculturali.

 

Tra questi: la povertà di sollecitazioni che impegnino il cervello a crescere, l’amore materno [!], l’orgoglio paterno [!], lo spirito del clan, l’attribuzione di risorse e privilegi in base al solo criterio dell’appartenenza al gruppo. L’imbecillità rappresenta , ahinoi , “una risorsa utile per il sistema” : se non ci fossero tanti ” I ” in giro non sarebbe così facile trovare un furbone che li seduce . Ecco perché “un imbecille è molto più pericoloso di un mascalzone”.
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/8/2018 - 17:54

AUTORE:
Lettore

Lo vidi da Augias e mi spinse a leggere il libro molto divertente.
Sono contento di questa partecipazione, sarà utile a molti di noi e spero anche divertente.