none_o

Il 29 settembre è una data particolare. Non solo fa subito venire in mente la celebre canzone dell’Equipe 84 ma è anche il giorno del compleanno di Silvio Berlusconi (1936) e di Pier Luigi Bersani (1951). Sarà una combinazione ma proprio in questa data un noto ristorante viareggino della Marina di Levante organizza una “Cena con Corona”, nel senso del Fabrizio. Chi è interessato basta cercare in Internet....

I 10 anni della Voce
none_a
Compleanno
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
. . . . . fai le mattie per davvero, oppure visto .....
E vorrei anche far riflettere anche tutti quelli che .....
. . . . . . . . . . . . . anche a Vecchiano . . . .....
Massimiliano Ghimenti
23 settembre alle ore 11:55 .....
#meteopisano #incendioserra
none_a
A cura di: Leonardo Debbia
none_a
Uno Sguardo dal Serchio
none_a
Rottamazione: era l'ora!
none_a
San Giuliano Terme, 30 settembre
none_a
San Giuliano Terme, 28 settembre
none_a
San Giuliano, 22-23 settembre
none_a
Arena Metato, 25 settembre
none_a
San Rossore, 22 settembre
none_a
ARCI Migliarino
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Domani forse piove.
none_o
Maialini d'India, conigli, maiali, galline e le vacche.

9/9/2018 - 22:25


 
Assieme alle mie sorelle a turno accudivamo gli animali da cortile e parzialmente quelli di grossa taglia, per sgravare gli adulti dediti al lavoro dei campi. Gli animali erano parte della famiglia e quando venivano venduti od uccisi per necessità, sgorgavano i lacrimoni. Vita e morte andavano a braccetto e la morte quando ero piccolo non la constatavo direttamente, ma vedevo l’animale vivo e poi dopo la sua morte: si aiutava a bruciare con la paglia il pelo al maiale sacrificato, a strofinargli con un mattone la pelle con l’acqua calda per liberarlo dalla desquamazione annerita dal fuoco con l’odore di bruciato nel naso; si vedeva il norcino con i miei fratelli issare a capo all’ingiù ai ganci di ferro, già predisposti sulla trave nella sala per essere squartato e liberato dai ventrami, tutti utilizzati fino alla sugna per impermeabilizzare le scarpe o gli zoccoloni. Una specie di  ”mors tua, vita mea" in una gioia incontenibile con l’assaggio della gota, il confezionamento del bilordo, della soppressata, della salsiccia, dei salametti, dei salami, dei prosciutti, del lardo, della mezzina, con le bistecche alla brace di carbonella, di cui poi si ricordava il sapore per un anno (I), se andava bene.

I maialini d’India pezzati o unicolori, svelti, pisciosi, prolifici, (ho avuto una femmina che ne figliò 22 e gli ultimi giorni di gravidanza strusciava la pancia per terra), di carne squisita da far concorrenza al pollame ruspante o ai conigli teneri di un anno.

Non ero capace di tirare il collo ai polli, mansione di mio padre, che sembrava ipnotizzarli sulle cosce prima che l'abile mossa del pollice e indice sul collo donassero la dolce morte.

Io eccellevo nel sacrificare i conigli, di cui poi vendevo la pelle seccata all’aria, tesa con due monconi di canna: li accarezzavo a capo all’ingiù, gli orecchi penduli, gli occhi chiusi, un colpo secco e via per essere pulito togliendo i "rigni" maleolenti e quindi appesi per gli zampucci a scolare l’ultimo sangue dalla carne bianco—rosata.

Una vera fatica dar da bere a due o tre vacche e tre o quattro vitelloni, tra tutto potevano bere anche tre paioli d’acqua a testa, beveroni compresi. Mentre era bello allattare i vitellini al petto materno, odorosi di doc0iastro, la pelle liscia, col musino rotondeggiante di tenerezza; schioccavano il capezzolo con l'abile lingua, schiumosa di latte, zuccando ritmicamente il seno generoso in un festoso scodinzolio. Durava 60 giorni l’idillio, salvo alcuni più fortunati da allevare per la carne, erano destinati a vivere lo spazio di un mattino e per noi amici, in mano la benedia tra le lacrime.

Coi maiali c’era il piacere di vederli mangiare nel trogolo, sbuffando tra brodaglie e d'estate sgranocchiare le bucce delle zucche, dei cocomeri o le mele difettose; novelli Gargantua sempre più rimpinzati con dolci farine e patate lessate nei lardi terminali fin quasi a non muoversi nella merda puzzolente e dura da pulire negli angusti stallini delle corte o in porcilaie moderne in cemento.

Schifoso accudire il pollaio, per quel polvericcio che ti prendeva la gola; fatto di piume tritate e di sterco secco, pestato nervosamente la mattina all’uscita gioiosa del gallo foriera di monte e al rientro serale con le galline ordinate in fila più solerti del gallo, attraverso l'angusto pertugio d’accesso.

 
 Tratto da “La danza dei ricordi” di Lamberto Gori di Marlia (LU) edito 2007

 
 

 
 

 
 

    
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




10/9/2018 - 10:05

AUTORE:
Paco

Se cresci con gli animali della fattoria, difficilmente li vedi morire di morte naturale, e se succede crea grande preoccupazione perché significa che qualcosa non va e che una malattia o un'epidemia mina e minaccia il bestiame.
Quando piangevo per un capretto o un agnello o comunque per una creatura che doveva essere sacrificata per la mensa e per lo più durante le feste, babbo diceva: Ma non vedi quanto duro lavoro siamo costretti a fare tutti i santi giorni? loro mangiano bevono pascolano razzolano si riproducono senza faticare e senza dover fare una brutta fine per la vecchiaia come invece tocca a noi...perciò pensa quanto dolore vien loro risparmiato!
A dir la verità non mi convincevano tanto le sue spiegazioni e fuggivo ogni volta che veniva macellato un animale...però poi a tavola...fame profumo e sapore mi facevano dimenticare la mattanza e apprezzavo la bontà della carne...anche perché era festa soltanto qualche volta e si sgarrava piuttosto di rado!