none_o


Proseguiamo il percorso annunciato nel presentare questa serie di articoli, arrivare a dare una immagine precisa e approfondita della realtà della vita delle comunità rurali dell'800 nel territorio di Vecchiano.E così, dopo aver presentato la storia e l'albero genealogico della famiglia Salviati e in modo più completo la vita di Scipione Salviati, il Padrone nel senso più completo del termine, entriamo quello che è il cuore del lavoro di Franco Gabbani, la descrizione della vita sociale e il ruolo in ogni evento della famiglia dominante.

Massimiliano Angori
none_a
Lunedì 6 dicembre dalle 18 al @Teatro del Popolo di Migliarino
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Infatti Landini e i politucoli sciagurati ostacolano .....
Accusarono Renzi di aver dato 10 miliardi (gli 80 euro) .....
Draghi, in consiglio dei ministri, ha proposto un .....
. . . . . . . . . . ovvero i giornalisti seri e bravi .....
....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

di Riccardo Ricciardi
none_a
di Anna Ferretti e Michele Passarelli Lio (Coordinatori Provinciali)
none_a
di Renzo Moschini
none_a
I Consiglieri di Vecchiano Civica
none_a
Comitato Comunale di Italia Viva Pisa
none_a
di
Vincenzo Marini Recchia
none_a
Di Alberto Maggi
none_a
di Davide Faraone IV
none_a
Renzi e Toti lanciano il partito di Draghi: per il Colle salgono le quotazioni di Marcello Pera
none_a
Montacchiello (PI)
none_a
Marina di Pisa, 10-12 dicembre
none_a
ARCI Migliarino e CSEN S.Andrea in P.- 12 dicembre
none_a
Circolo ARCI Migliarino
none_a
Marina di Pisa, 3 dicembre
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Seduto al freddo e piove neve
Ma non ti nota quella gente
Con quello sguardo cerchi aiuto
Tu sei per loro inesistente
Mentre tu geli fra il cartone
Passan .....
Buongiorno, stamattina anche complice il forte vento e' caduto un palo della luce stradale in via d'ombra zona largo tazio Nuvolari, solo il "caso" a fatto .....
di Renzo Moschini
AMBIENTE E RUOLI ISTITUZIONALI; SEMPRE PEGGIO

14/11/2018 - 19:06

   AMBIENTE E RUOLI ISTITUZIONALI; SEMPRE PEGGIO

 

 
Che l’ambiente non potrebbe passarsela  peggio è fin troppo evidente e ben pochi possono ignorarlo. Non altrettanto chiaro per molti è che la causa  principale  e determinante sta nei sempre più confusi ruoli istituzionali.

Quell’ormai famoso e traballante Titolo V che affida allo stato la tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali che dovrebbe essere gestito in leale collaborazione costituzionale con regioni ed enti locali ha via via  inciampato nei più diversi tentativi di ricondurre allo stato quello che andava invece gestito d’intesa e –appunto- in leale collaborazione con gli altri livelli istituzionali.
L’ultimo e rovinoso tentativo fu il Referendum all’insegna renziana; ‘le regioni vanno punite’ ma non tutte perché per quelle speciali si è sostenuto quel regionalismo differenziato e asimmetrico che faceva comodo al Senato. Il referendum è fallito impedendo anche la cancellazione delle province dalla Costituzione, ma i danni non sono mancati. Infatti le regioni risultano oggi anche con maggiore competenze ma amministrative e non legislative comprese alcune delle province che si sono viste togliere ulteriori ruoli amministrativi traslocati nei capoluoghi regionali.
Prima però di passare ad alcuni altri aspetti rilevanti di questa situazione sempre più ingarbugliata voglio fare un rapidissimo accenno ai parchi e alle aree protette, cioè il soggetto istituzionale speciale a cui è affidata la gestione dei nostri territori più pregiati oggi alle prese con i disastri peggiori.
Non pochi di questi parchi dalle 5 Terre alle Dolomiti Bellunesi, Dal Gargano al Delta del Po mancano anche da più di un anno del Presidente e sovente anche del direttore con casse in più d’un caso a secco che negli anni non sono stati in grado e capaci di predisporre strumenti essenziali con il piano del parco che ha reso questi territori del tutto esposti e disarmati di fronte a fenomeni che per alcuni
aspetti avrebbero potuto e dovuto essere meglio fronteggiati. Il che la dice lunga sugli anni persi in parlamento a discutere della riforma della legge sui parchi perché secondo i sostenitori non funzionava a dovere. Per nominare presidenti, direttori, fare il piano e rimpinguare casse la legge non solo non lo impedisce ma lo prescrive. Il fatto è che la legge la si voleva modificare -e alcuni lo vorrebbero ancora- ridimensionando gli enti di gestione limitandoli a pochi rappresentanti e escludere quelle ambientaliste e scientifiche, per sostituirle con quelli di categorie. Insomma roba che non avrebbe più niente a che fare con organismi indispensabili per un parco.
Tornando a bomba e partendo proprio dalle leggi considerate da alcuni la condizione determinante per qualsiasi iniziative, vale la pena di ricordarne alcune molto recenti. La Madia è stata considerata costituzionalmente non corretta perché taglia fuori le regioni da qualsiasi coinvolgimento e anche informazione. La Commissione bicamerale per le questioni regionali avrebbe dovuto coinvolgere anche una rappresentanza delle regioni ma non è stato fatto. Sulle province scampate al referendum non sono riuscite a fare altrettanto dalla legge Delrio che le ha rese quasi senza poteri e ancor meno risorse.
Che l’ambiente abbia visto negli anni crescere i reati; abusivismo, interventi non in regola con le leggi sulle coste come sui fiumi e i laghi, in montagna come in città è noto e per questo giustamente era stata salutata l’entrata in vigore della legge sugli ecoreati. Finora però sembra sia servita a ben poco. Idem sulla legge anch’essa recente sui piccoli borghi i cui finanziamenti previsti  restano nei cassetti, perché i piani previsti non sono stati presentati. In compenso si prosegue come nei giorni scorsi  in Toscana con i referendum per accorpare piccoli comuni (che in Italia sono oltre il 70%) dove su 10 solo uno è passato. Insomma si continua con questa storia che in Italia i comuni sono troppi quando la Francia, la Germania e altri paesi  europei ci superano alla grande. I comuni non vanno accorpati per legge ma coinvolti in politiche specie nelle aree interne, più spopolate e isolate, in politiche integrate possibili solo con quelle politiche di leale collaborazione che si è persa per strada.
Il rilancio dei parchi che operano nei territori più pregiati e anche esposti può servire anche a queste nuove politiche che frantumate non servono a nessuno. Anzi servono all’abusivismo, ai reati e ai pretesti per non fare quello che si deve in base alla legge.
Renzo Moschini
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri