none_o


La quantità di anidride carbonica che quotidianamente le attività terrestri riversano nell'atmosfera ha ormai raggiunto livelli tali da cui sarà arduo, se non impossibile, tornare indietro, in mancanza di adeguate politiche economiche che prendano seriamente in considerazione questo problema, nonostante i continui appelli degli scienziati sulla salvaguardia del clima.

Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Sistena Nazionale per la Protezione dell'Ambiente
none_a
. . . . . . . . . . . nell'immediato dopoguerra a .....
Dispiace vedere che la Voce pubblichi commenti imbecilli .....
Ma il MONGOLINO D'ORO, il PD lo ha vinto a mani basse. .....
Siamo forti! Abbiamo vinto! Alè! Hip hip! Bravi!. .....
Cinema Lumiere
none_a
Pisa, Presentazione del libro
none_a
Il Fortino,Marina di Pisa,23 marzo
none_a
Pontasserchio, 22 marzo
none_a
Vecchiano 29 marzo
Progetto Libri
none_a
Calci, 23 marzo
none_a
none_a
NICOSIA-Festa di Primavera.
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Val di Serchio
none_a
2018/2019 fase interprovinciale.
none_a
Pappiana
none_a
Pisa Beach Soccer
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
none_o
Come si muovono i rifiuti di plastica nell'ambiente

10/12/2018 - 9:04

Come si muovono i rifiuti di plastica nell'ambiente
 
 Con una ricerca dell'Università di Washington, che può considerarsi la prima ad essere indirizzata sull'argomento, si è riusciti a riprodurre mediante un processo computerizzato, il movimento di fibre microplastiche nell'ambiente.
  Lo studio è stato pubblicato nel numero di novembre della rivista Advances in Water Resource e potrebbe aiutare a comprendere meglio le dinamiche dell'inquinamento plastico e a ridurne, nel tempo, gli effetti, che in questo momento sono un problema serio e in crescendo ovunque sul nostro pianeta.
  E' noto che milioni di tonnellate di rifiuti plastici, ridotti in piccolissimi pezzi, spesso microscopici, galleggiano dappertutto negli oceani della Terra, accanto a rifiuti di maggiori  dimensioni, dando luogo ad ammassi superficiali giganteschi, vere e proprie isole che si estendono per migliai di chilometri quadrati, quali il Great Pacific Garbage Patch.
  Non viene tuttavia sottolineato a sufficienza che purtroppo questi rifiuti stanno accumulandosi gradualmente anche nel suolo, nei sedimenti e nelle acque dolci.
 
  Le fonti di provenienza dei detriti di plastica sono svariate, dalle fibre sintetiche per abbigliamento ai cosmetici, dagli imballaggi di qualsiasi genere e dimensione alle scorie dei grandi processi industriali.
  Questi residui di plastica finiscono per la maggior parte negli oceani, procurando danni ingenti anche agli organismi marini che li ingurgitano e, di conseguenza, anche all'uomo.
  Sono continui gli appelli di ambientalisti e non, che si levano a tutela delle faune esposte a questi rischi, ma purtroppo, anche a fronte di episodi eclatanti, talora portati alla ribalta, in concreto poco o niente viene fatto dai vari Paesi per porre in atto politiche di sorveglianza e attenzione particolare a queste problematiche.
  Finora i ricercatori hanno studiato e misurato microplastiche in ambienti molto diversi, ma Nick Engdahl, un professore del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell'Università di Washington, è stato il primo ad effettuare una simulazione sul movimento effettivo di queste fibre sintetiche nei loro percorsi ambientali.
  “Volevo indagare se queste microplastiche si muovono realmente, diffondendosi, o se tendono a formare accumuli in luoghi preferenziali”, afferma Engdahl, che ha studiato il movimento nell'ambiente di una varietà di contaminanti.
  Per questa simulazione, il ricercatore ha usato un nuovo approccio rivolto alle fibre microplastiche in particolare.
  Queste fibre sintetiche sono presenti nell'abbigliameno e vengono prodotte durante il loro processo di fabbricazione.
  “Ogni volta che cammini o strofini i tuoi abiti su una qualsiasi superficie, i tuoi vestiti perdono fibre”, dice Engdahl.
  Le microfibre che vengono poi rilasciate quando gli indumenti vengono lavati, finiscono nelle acque reflue, dalle quali una percentuale significativa riesce comunque a passare attraverso i sistemi di filtraggio degli impianti.
  Le acque filtrate finiscono nei fanghi di depurazione che possono venire utilizzati su terreni agricoli come fertilizzanti oppure vengono gettati nelle discariche.
  Engdahl ha scoperto che il deposito delle fibre nel terreno o la loro diffusione nell'ambiente sono in stretta relazione con la loro lunghezza e con la velocità dell'acqua che le trasporta.
  E' stato anche osservato che il movimento delle microfibre più corte risulta più complesso e diviene più rapido nelle sostanze disciolte nell'acqua.
  Engdahl sta lavorando ora per verificare e perfezionare il suo modello con le osservazioni dirette del movimento delle fibre in laboratorio, progettando di misurare le fibre in funzione del trattamento delle acque reflue.
  “Più dati riesco ad ottenere dal mondo reale, più sarò in grado di distinguere se questi rifiuti si muovono o rimangono ammassati”, sostiene lo studioso. “I dati ottenuti ci aiuteranno a verificare con più accuratezza il loro impatto ambientale, che al momento è in gran parte sconosciuto”.
 
 
 
                                                                                                          

Fonte: Leonardo Debbia
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: