none_o


A Pisa quest'anno ricorre il settantacinquesimo Anniversario della Liberazione da parte delle truppe alleate (2 settembre 1944): settantacinque anni non sono ancora un tempo remoto, tuttavia è esperienza comune che molti pisani - giovani e meno giovani per non parlare di quelli “d’adozione” - sembrano aver gettato nel dimenticatoio collettivo le memorie dei loro nonni.

Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Sistena Nazionale per la Protezione dell'Ambiente
none_a
. . . . . . . . . . . . anco i cinque stelle esultavano .....
In democrazia rappresentativa è così; una volta si .....
Conquistata dopo 24 anni l'ex roccaforte rossa.
Grande .....
. . . . . . . . . . . dai redattori agli scrivani .....
Pontasserchio, 31 marzo
none_a
Tempo di Fiera = tempo di TORTE
none_a
FIAB-Pisa
none_a
Pisa, 31 marzo
none_a
Capodanno pisano
none_a
Marina di Pisa
none_a
Pisa Libreria Feltrinelli 29 marzo
none_a
Cinema Lumiere
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Val di Serchio
none_a
2018/2019 fase interprovinciale.
none_a
Pappiana
none_a
Pisa Beach Soccer
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
Il presidente di Azione Ncc: chiediamo di poter lavorare senza subire continue intimidazioni e minacce
Ncc aggredito da due tassisti a Firenze

1/1/2019 - 12:50

Il presidente di Azione Ncc: chiediamo di poter lavorare senza subire continue intimidazioni e minacce


Ncc aggredito da due tassisti a Firenze, Dell'Artino: “Basta soprusi, subito incontro con sindaco e prefetto”

Firenze, 1 gennaio 2019 - “Forse c'è chi pensa che non siamo più in uno Stato di Diritto ma nel Far West e che quindi ci si possa fare giustizia da soli. E' una deriva molto pericolosa che sindaco e prefetto devono fermare immediatamente per evitare che la situazione, già grave e preoccupante, degeneri. Per questo ci siamo già attivati per avere un incontro sia con il sindaco che con il Prefetto” così Giorgio Dell'Artino, presidente di Azione Ncc (l'associazione delle aziende di servizio di trasporto pubblico con conducente) commenta l'aggressione avvenuta a danno di un imprenditore di trasporto pubblico non di linea con conducente.
“I fatti sono gravissimi - continua Dell'Artino -, ieri notte un nostro associato stava aspettando con il suo mezzo 8 clienti già regolarmente prenotati davanti all'Hotel Baglioni di Firenze quando un tassista lo ha assaltato chiedendogli prima di fargli vedere, non si sa a quale titolo, i documenti e la prenotazione e poi iniziandolo a fotografare. Non contento della prima aggressione quel tassista è stato raggiunto da un altro tassista, evidentemente avvisato a tale scopo, e insieme, due contro uno, prima hanno minacciato e insultato il Ncc e poi hanno bloccato il suo mezzo con le loro auto. Una vera e propria aggressione avvenuta con le 8 persone a bordo del van che erano evidentemente molto spaventate da quello che vedevano accadere davanti ai propri occhi”.
“Abbiamo già dato mandato al nostro studio legale di valutare se ci sono gli estremi per denunciare i due aggressori – spiega il presidente di Azione Ncc – ma quello che ora dobbiamo evitare è che questa spirale di violenza nei nostri confronti prenda il sopravvento e quindi chiediamo formalmente al sindaco di Firenze Dario Nardella e al prefetto Laura Lega di intervenire per far rispettare la legge e i nostri diritti di imprenditori”.
“Già ora siamo stati sottoposti a misure molto repressive della nostra libertà di impresa da parte del Governo col decreto del ministro Toninelli che ha di fatto ripristinato, sotto dettatura dei tassisti, l'obbligo di rientrare in rimessa alla fine di ogni servizio con grave danno del principio di concorrenza. E' una misura che se non verrà cambiata porterà molti di noi a chiudere la propria azienda e in Toscana siamo oltre 2mila imprese Ncc. Adesso oltre al danno si aggiunge anche la violenza intimidatrice di qualche “tassista sceriffo”. Le associazioni sindacali dei tassisti dovrebbero richiamare all'ordine la categoria e farebbero bene a ricordare ai propri associati cosa si rischia a tenere certi comportamenti. E' onestamente una situazione che non può andare avanti così e chi ha responsabilità di governo della cosa pubblica deve agire immediatamente per impedire altre e ulteriori violenze ai nostri danni” conclude Dell'Artino.



































+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




2/1/2019 - 12:07

AUTORE:
Cocco Bill

E come ormai di consueto la violenza e la prepotenza fanno da padrone e mi sembra purtroppo avallata tacitamente anche da chi invece ha il dovere di salvaguardarci.
Paura? Ricatti? Estorsioni? Chiunque si trovi al timone di qualsiasi carica istituzionale ha il dovere di mantenere la democrazia senza se e senza ma!!!