none_o

Riprendiamo con piacere la ricerca di storie e leggende del nostro territorio. Dopo Villa Alta e Ripafratta, approfondiamo questa volta i misteri dei fantasmi della Villa di Corliano.Sono numerose le ipotesi sui fenomeni paranormali che si manifesterebbero a Corliano; la  leggenda più conosciuta è quella del fantasma di Teresa Scolastica della Seta Gaetani Bocca che, secondo tradizione, si manifesterebbe solo nelle notti di luna piena...

Arpat Toscana
none_a
Alma Pisarum choir
none_a
Convocazione Assemblea ordinaria Soci
none_a
ARCI Migliarino-Sabato 18
none_a
mostrare un rosario che la falce e il martello
Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori di questo .....
Ma perché un fate una bacheca e ci schiodate dentro .....
l'unica certezza è la sentenza che dice che il comune .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
POSTE ITALIANE: a poste vita il PREMIO GOVERNANCE
di capital finance
none_a
A cura di Maini Riccardo
none_a
Libri ed altro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito .....
di Renzo Moschini
none_a
Dal 24 al 26 maggio
none_a
di Renzo Moschini
none_a
none_o
Il vecchio ponte riaffiora
di Stefano Benedetti

4/1/2019 - 18:24


Riprendo dalla pagina di "Sei di Pontasserchio se…" un interessante ricordo di Stefano Benedetti sulle storie dei nostri luoghi.
Questo ha animato un nutrito dibattito, da cui ho estratto il commento di Davide Gaspari, altrettanto interessante.
Sandro Petri

Il vecchio ponte riaffiora
Una volta Don Otello Guerrazzi, tanti anni fa, durante un catechismo, tutti seduti sulle panche di chiesa, ci racconto’ quella che ci disse fosse una leggenda, cioè che da sotto la chiesa di Pontasserchio, proprio sotto i nostri piedi, un tempo partiva un tunnel, un cunicolo che passava da sotto il Serchio e andava a finire dentro la torre del Rosaiolo, proprio di la’ dal fiume, sul monte d’Avane.


Chiedo riscontro a qualcuna o qualcun miei coetanei e non solo, magari presenti quel giorno se si ricorda di questo particolare.


Ci disse poi, il nostro pievano, che comunque il ponte di Pontasserchio non era sempre stato la’ dove si trova adesso, ma anticamente si trovava proprio qui dietro la chiesa.


E che se andavamo a vedere l’acqua, riaffiorava ancora una parte della pigna in legno che lo sorreggeva, ed era vero, ricordo di aver visto affiorare degli spunzoni di legno dall’acqua.

 

L’altro giorno e’ successo un fatto, visto il riaffiorare di tutti questi ricordi di tutti noi Pontasserchiesi qui su queste pagine, di tante foto di noi bambini e di tanti racconti paesani, sono andato sul Serchio e per mia sorpresa, con l’acqua bassa, sono ritornate alla luce quelle vecchie vestigia del vecchio ponte!


Quando riaffiorano i ricordi, riaffiora davvero tutto. Se andiamo di questo passo, magari troveremo anche il vecchio camminamento sotto il fiume. Penso basti volerlo trovare. Siamo capaci di tutto.



Commento di Davide Gaspari
Quello che riporta Stefano, del racconto di don Otello potrebbe essere un altro bel tema di ricerca.


Perché se non ho capito male, e devo dire che è un argomento che non ho molto approfondito, anche se mi paicerebbe farlo, tra gli storici che si occupano di storia locale non c'è accordo sulla collocazione e l'entità del castello di Pons ad Serclum, quel castello costruito per sorvegliare il ponte, appunto, e che fu distrutto nel 1315 dai pisani perché non cadesse in mano lucchese. (lo dice il Repetti nel suo atlante Toscano).


Ora, la maggior parte degli storici è convinta che il castello fosse un semplice recinto fortificato eretto sul Poggio Rosaiolo, che è quello della torre d'Avane.


Quindi intorno a quella torre ci sarebbe stata una fortificazione che alcuni chiamano castello d'Avane mentre altri ritengono che in Avane ci fosse un altro castello.


Però non è molto chiaro dove fosse, e per me non è molto sensato che fosse dove si trova la attuale Avane: che ci faceva?


E d'altra parte i documenti del tempo in cui esisteva il castello non potevano fari riferimento a Pontasserchio che le cronache raccontano essere sorto intorno alle rovine del castello (Fanucci e Giannelli) .


L'unico che credo abbia sempre sostenuto dell'esistenza di un castello nei pressi della nostra chiesa è Fabio Redi, di cui non ho però ancora letto il saggio.


Però, qualche tempo fa Sabrina Corti mi ha raccontato della memoria scritta da Matteo Fanucci (archivio parrocchiale) che nel 1713 (ma l'anno potrebbe essere sbagliato) a causa dello straripamento del Serchio, proprio nei pressi della Chiesa e segnatamente nella proprietà Redi-Giannelli, le acque fecero riaffiorare delle fondamenta molto consistenti che potevano essere del vecchio castello.


Quindi, il prof. Fabio Redi potrebbe aver già ricostruito questa vicenda e sarebbe allora necessario domandargli qualcosa o leggerlo.

Peraltro, anche andando a lume di naso, io credo che se i pisani avessero voluto difendere quel ponte avrebbe avuto poco 'senso militare' costruirne solo uno e dall'altra parte del territorio che potevano controllare meglio perché meglio collegato a Pisa (senza Serchio in mezzo per intenderci).


Cerco di spiegarmi meglio.
Nel caso che fosse esistito solo il castello intorno alla torre d'Avane, se i lucchesi avessero voluto prendersi ponte e castello, un ponte indifeso dalla parte di Pontasserchio sarebbe stato facile preda.


Cosicché il castello di Poggio Rosaiolo, o d'Avane, sarebbe stato facilmente assediabile e prendibile senza che i pisani potessero aiutare per nulla gli assediati dall'altra parte del fiume...

E nella prospettiva che esistesse una fortificazione intorno alla chiesa (chiesa che don Otello diceva essere stata originariamente costruita con le pietre del vecchio castello), la storia che Stefano Benedetti riporta del corridoio sotterraneo fa molto senso, perché fa pensare ad un dispositivo difensivo che permetteva di spostare soldati da una parte all'altra dell'avanposto pisano senza esporli alle minacce nemiche.


Naturalmente questi sono ragionamenti a lume di naso e oltre un certo limite non ci si può inoltrare senza prendere sonore cantonate.

Ma avanzare qualche ipotesi serve anche a indirizzare la ricerca.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: