none_o

 
Si chiama Tappeto del mondo ed è il frutto del lavoro di tantissime donne che hanno aderito all'iniziativa dell'associazione i Colori della Pace di Stazzema, ovvero realizzare un tappeto coloratissimo. 

. . . bello sbirciare in casa altrui, visto che la .....
Ci deve essere una interruzione sulle linee . Vedo .....
Ho raccolto qualche dichiarazione, difficile da pubblicare, .....
. . . è andato fuori dal seminato!
La direzione .....
Solidarietà
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
Pisa
Una bella mattinata per la mobilitazione sociale e politica a Pisa

17/1/2019 - 17:22

Una bella mattinata per la mobilitazione sociale e politica a Pisa: la speranza è che gli studenti riaccendano la miccia del conflitto sociale in tutto il Paese

A cura di RIFONDAZIONE COMUNISTA della Federazione di Pisa
Pisa, 17 gennaio 2017.Gli studenti delle scuole superiori pisane sono in movimento.

 Alle occupazioni è seguita stamattina una manifestazione per denunciare la situazione drammatica in cui versano le scuole pisane, come di tutte le altre province e regioni. Circa un migliaio di studenti medi hanno attraversato le strade centrali di Pisa, come era successo la scorsa settimana a Livorno.

ùLe rivendicazioni sono centrate sulla richiesta di investimenti per l’istruzione e per l’edilizia scolastica, contro il degrado culturale e materiale della scuola pubblica, contro i rischi che ci sono in alcuni edifici che cadono addirittura a pezzi. Contro la giunta e la Lega sono stati rivolti cori antifascisti. La manifestazione è poi continuata sul Ponte di Mezzo, occupato per un’assemblea spontanea, e si è poi conclusa in P.zza dei Cavalieri.Una bella mattinata per la mobilitazione sociale e politica a Pisa: la speranza è che queste nuove mobilitazioni studentesche si estendano in altre province e regioni, e riaccendano la miccia del conflitto sociale in tutto il Paese: sarebbe la migliore risposta all’involuzione politica e all’arretramento sociale di questi anni, per responsabilità bipartisan dei governi di destra e di centrosinistra, e che l’attuale governo pentaleghista accentua ed esaspera.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




19/1/2019 - 14:33

AUTORE:
Prof.

Rifondazione Comunista non rinuncia alle sue origini di partito di sterile violenta contestazione.
Farebbe salti di gioia nel vedere gli studenti manifestare nelle strade, aggredire poliziotti con lanci di pietre ad immagine e somiglianza di atti perpetrati da alcuni esponenti politici di sinistra che frequentavano si fa per dire l'università pisana come accadde nel 1968(nomi non se ne possono fare ma tutti li conoscono).