none_o

Riprendiamo con piacere la ricerca di storie e leggende del nostro territorio. Dopo Villa Alta e Ripafratta, approfondiamo questa volta i misteri dei fantasmi della Villa di Corliano.Sono numerose le ipotesi sui fenomeni paranormali che si manifesterebbero a Corliano; la  leggenda più conosciuta è quella del fantasma di Teresa Scolastica della Seta Gaetani Bocca che, secondo tradizione, si manifesterebbe solo nelle notti di luna piena...

Arpat Toscana
none_a
Alma Pisarum choir
none_a
Convocazione Assemblea ordinaria Soci
none_a
ARCI Migliarino-Sabato 18
none_a
Quando si mostra un simbolo, sia religioso che laico, .....
mostrare un rosario che la falce e il martello
Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori di questo .....
Ma perché un fate una bacheca e ci schiodate dentro .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
POSTE ITALIANE: a poste vita il PREMIO GOVERNANCE
di capital finance
none_a
A cura di Maini Riccardo
none_a
Libri ed altro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito .....
di Renzo Moschini
none_a
Dal 24 al 26 maggio
none_a
di Renzo Moschini
none_a
none_o
Aiutiamoli a morire a casa loro

21/1/2019 - 10:43


Aiutiamoli a morire a casa loro. Se non partono, non muoiono in mare. Quando la soluzione è lì, a portata di mano, e tu sei talmente accecato dai tuoi pregiudizi che non la vedi. È vero, a pensarci bene: perché morire in mare quando si può morire comodamente a casa propria? Di fame, di sete. Di ebola e malattie varie. Per le percosse della polizia. Per un colpo di machete. Per una bomba nel cortile di casa. Per le torture in una cella. Uno stupro di gruppo. Una raffica di mitra. 
 C’è solo l’imbarazzo della scelta.
Aiutiamoli a morire a casa loro, è l’uovo di Colombo. 
 Noi umani non ci eravamo arrivati. Volevamo aprire corridoi umanitari, salvarli in mare, prestargli soccorso, avvolgerli in una coperta, dargli da mangiare e bere, farli sbarcare nel nostro Paese, ascoltare la loro storia, capire la loro volontà, condividere un abbraccio, un sorriso, consentirgli di andare dove desiderano e se avessero scelto di rimanere in Italia inserirli in percorso di integrazione, legalità, diritti e doveri, lavoro, sanità e scuola.

 Qualcuno riteneva giusto anche impegnarsi in prima persona, manifestare pubblicamente, finanziare la cooperazione, devolvere il suo otto per mille alle Ong (a questi scafisti, che vergogna!) ed alla Chiesa Valdese. Qualcuno plaudiva alle parole di questo Papa, magari essendo anche un non credente che non va a Messa dalla Comunione, che ipocriti!Altri ancora, addirittura, pensano che Mimmo Lucano sia un eroe, e che opporsi al decreto sicurezza del Capitano per un sindaco sia un dovere, perché non applicandolo al contempo si rispettano i diritti umani e si tutela la propria comunità di cittadini, non consentendo a migliaia di migranti di piombare improvvisamente nella illegalità e nella marginalità sociale, perdendo ogni diritto.

 E ci sono ancora, nonostante tutto, persone che a vedere i migranti morire, a leggere le dichiarazioni di odio sui social che non risparmiano neanche i bambini, ad assistere allo scaricabarile sulle morti da parte dei governi europei, a conoscere le condizioni dei lager libici e dei campi profughi europei, a sapere che ci sono migliaia di minori senza una casa, un tetto, un pasto caldo, ci stanno proprio male, provano un dolore fisico, profondo, da non dormirci la notte. 

Ma guarda te che gente strana che c’è al mondo. Roba da non credere. Aiutiamoli a morire a casa loro e non pensiamoci più.

Ci vediamo in spiaggia, questa estate


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




21/1/2019 - 11:02

AUTORE:
Proserpina

Questo pessimo atteggiamento di chiusura di rifiuto e di apatica indifferenza lo noto anche da parte delle nostre famiglie verso i parenti meno fortunati...che strazio!!!
Se è vero che l'esempio dovrebbe insegnare più di qualsiasi libro o insegnamento...allora sono davvero più allarmata che preoccupata perché mi guardo intorno e sento e vedo atteggiamenti disarmanti e disumani che vengono giustificati col dire "bisogna occuparsi dei nostri guai e delle nostre situazioni finanziarie" come dire occupiamoci soltanto delle nostre mutande...senza capire che se non c'è chi coltiva il cotone chi lo lavora chi lo trasporta chi lo vende...le nostre mutande resteranno sporche!!