none_o


Guardati allo specchio! Il volto che vedi riflesso è il risultato di milioni di anni di evoluzione e riflette le caratteristiche più distintive, che utilizziamo per identificarci e riconoscerci.  E' il risultato che si è plasmato secondo i nostri bisogni, legati al mangiare, al respirare, alla vista, alla comunicazione.  Ma come si è evoluto nei millenni il volto che abbiamo, per arrivare a mostrarsi com' è oggi?

ARPAT Toscana
none_a
Conad City e Pubblica Assistenza di Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Per chi non lo sapesse, da martedi il comune comincerà .....
Francesco T è Primo? ed Ultimo sono io!
Si perchè .....
Caro lettore, ho fatto anc'io quello che mi consiglia, .....
Caro Francesco T, lettore e scrittore del Forumm VdS. .....
Vecchiano, 26 aprile
none_a
Pisa, 28 aprile
none_a
Pontasserchio
none_a
FIAB-Pisa
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Per una Pasquetta partigiana
none_a
San Giuliano Terme
none_a
di Fabrizio Manfredi
none_a
CAMPIONI D’ITALIA!!! #W8NDERFUL!!!
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Sogno San Giuliano:
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Parco Regionale MSRM
none_a
di Umberto Minopoli
Una parola pero' voglio dirla su Maurizio Martina

5/2/2019 - 9:19

Una parola pero' voglio dirla su Maurizio Martina, il ne' carne ne' pesce del congresso Pd, l'unico italiano che aspira, consapevolmente e programmaticamente, alla carica di Re Travicello ( leggete, vi prego, la filastrocca di Giuseppe Giusti).

Ci tratta (gli iscritti del Pd) come cavie di Pavlov. Conosce, da funzionario di partito, il vantaggio gratis, il dividendo che offre la parola unita'.

E lo sfrutta a totale sproposito per far scattare simpatie e adesioni ( purtroppo per lui non abbondanti). Martina per promuoversi , invece di idee e programmi, ha scelto il "riflesso condizionato": la litania dell'unita' (dei gruppi dirigenti) sostituisce i contenuti. Spera, come i cagnetti di Pavlov, di ottenere simpatie con il "riflesso acquisito" ( come lo chiamava l'etologo russo): usare parole o gesti-stimolo per condizionare le reazioni dei cagnetti.

Nella retorica politica dei comunisti fu passata dai cagnetti agli uomini, creando la forma piu' epica e durevole della propaganda. Ma oggi siamo nel 2019. Un po' datata. E quello che fu epico e tragico scade a farsa. Che cosa diventa, infatti, l'unita' invocata da Martina nella sua evocazione congressuale? Un pastrocchio indigeribile. L'unita' delle cose piu' opposte: rivendicare l'azione dei governi Pd ma, anche, chiedere scusa per essi; difendere il riformismo del Pd del nuovo corso di Renzi ma anche predicare la "discontinuita' " programmatica per il futuro; dichiarare la contrarieta' al programma dei 5 Stelle ma anche votare in Puglia il suo primo e piu' netto esponente ( tal Emiliano); candidarsi contro Zingaretti e Giachetti ma anche dirsi indistinguibile da essi.

E l'elenco degli ossimori "unitari" dell'autoflagellante Martina potrebbe continuare. Ma non dovrebbe esagerare. Il rispetto dei militanti e delle regole di un congresso democratico esigerebbe anche chiarezza dei contenuti. Martina, oltre a piagnucolare sul fatto che Zingaretti e Giachetti non sono i " suoi avversari " ( e ci mancherebbe) dovrebbe anche farci capire perche' si e' candidato in alternativa a questi due: per quali motivi distinti da essi, per quali ragioni e progetti diversi. E' un congresso, vivaddio: la sede piu' nobile e democratica del confronto, delle scelte, delle alternative di linea, progetto, piattaforme. E della conta tra esse.

L'unita' viene dopo.

Cosi' funziona in un partito moderno e liberale ( e non nei partiti-chiesa). E' irrispettosa la pappa del cuore propinata a un popolo fiaccato. Che avrebbe bisogno, in un congresso, di capire i progetti, le linee, gli obiettivi, l'identita', le idee, le bandiere dei diversi candidati. Non piagnistei opportunistici per catturare consensi con i mezzucci di Ivan Pavlov, il fisiologo di Stalin.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




5/2/2019 - 15:41

AUTORE:
Sofia

Ma da quando la stampa tutta non è al soldo dei partiti ?
Perché stupirsi della voce che da sempre è megafono del PD e di una certa specifica corrente del PD, quella renziana.

5/2/2019 - 13:57

AUTORE:
BARBARO

che Umberto Minopoli si sperticasse le mani per gli avversari di Giachetti e non mi pare assolutamente strano che la voce pubblicasse questo articolo per fare pubblicità al portaborse di REnzi.
Di una cosa bisogna rendere atto alla voce è la sua ossessiva fede nel renzismo.
Viva l'Italia viva l'Europa viva le donne che danno ......