none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

Non mi sono mai sognato di voler attaccare personalmente .....
Non so se hanno pagato per il suolo pubblico o se fosse .....
Caro Amico che ti firmi affamato forse sei affamato .....
Vogliamo anche dire, visto che a Pontasserchio non .....
Intervista a Matteo Renzi
none_a
RICCARDO MAINI sempre Residente a MdA
none_a
di GIUSEPPE TURANI
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Vecchiano 5 Stelle
www.vecchianoa5stelle.it
none_a
Governo Conte
none_a
"Guarisce da solo, anche ascoltando Iglesias".
none_a
LILIANA SEGRE, 89 anni oggi.
none_a
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
Circolo Arci Filettole
none_a
San Giuliano Terme, 15 settembre
none_a
Cioccolato
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Vecchiano, 27 settembre
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Umberto Minopoli
Una parola pero' voglio dirla su Maurizio Martina

5/2/2019 - 9:19

Una parola pero' voglio dirla su Maurizio Martina, il ne' carne ne' pesce del congresso Pd, l'unico italiano che aspira, consapevolmente e programmaticamente, alla carica di Re Travicello ( leggete, vi prego, la filastrocca di Giuseppe Giusti).

Ci tratta (gli iscritti del Pd) come cavie di Pavlov. Conosce, da funzionario di partito, il vantaggio gratis, il dividendo che offre la parola unita'.

E lo sfrutta a totale sproposito per far scattare simpatie e adesioni ( purtroppo per lui non abbondanti). Martina per promuoversi , invece di idee e programmi, ha scelto il "riflesso condizionato": la litania dell'unita' (dei gruppi dirigenti) sostituisce i contenuti. Spera, come i cagnetti di Pavlov, di ottenere simpatie con il "riflesso acquisito" ( come lo chiamava l'etologo russo): usare parole o gesti-stimolo per condizionare le reazioni dei cagnetti.

Nella retorica politica dei comunisti fu passata dai cagnetti agli uomini, creando la forma piu' epica e durevole della propaganda. Ma oggi siamo nel 2019. Un po' datata. E quello che fu epico e tragico scade a farsa. Che cosa diventa, infatti, l'unita' invocata da Martina nella sua evocazione congressuale? Un pastrocchio indigeribile. L'unita' delle cose piu' opposte: rivendicare l'azione dei governi Pd ma, anche, chiedere scusa per essi; difendere il riformismo del Pd del nuovo corso di Renzi ma anche predicare la "discontinuita' " programmatica per il futuro; dichiarare la contrarieta' al programma dei 5 Stelle ma anche votare in Puglia il suo primo e piu' netto esponente ( tal Emiliano); candidarsi contro Zingaretti e Giachetti ma anche dirsi indistinguibile da essi.

E l'elenco degli ossimori "unitari" dell'autoflagellante Martina potrebbe continuare. Ma non dovrebbe esagerare. Il rispetto dei militanti e delle regole di un congresso democratico esigerebbe anche chiarezza dei contenuti. Martina, oltre a piagnucolare sul fatto che Zingaretti e Giachetti non sono i " suoi avversari " ( e ci mancherebbe) dovrebbe anche farci capire perche' si e' candidato in alternativa a questi due: per quali motivi distinti da essi, per quali ragioni e progetti diversi. E' un congresso, vivaddio: la sede piu' nobile e democratica del confronto, delle scelte, delle alternative di linea, progetto, piattaforme. E della conta tra esse.

L'unita' viene dopo.

Cosi' funziona in un partito moderno e liberale ( e non nei partiti-chiesa). E' irrispettosa la pappa del cuore propinata a un popolo fiaccato. Che avrebbe bisogno, in un congresso, di capire i progetti, le linee, gli obiettivi, l'identita', le idee, le bandiere dei diversi candidati. Non piagnistei opportunistici per catturare consensi con i mezzucci di Ivan Pavlov, il fisiologo di Stalin.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




5/2/2019 - 15:41

AUTORE:
Sofia

Ma da quando la stampa tutta non è al soldo dei partiti ?
Perché stupirsi della voce che da sempre è megafono del PD e di una certa specifica corrente del PD, quella renziana.

5/2/2019 - 13:57

AUTORE:
BARBARO

che Umberto Minopoli si sperticasse le mani per gli avversari di Giachetti e non mi pare assolutamente strano che la voce pubblicasse questo articolo per fare pubblicità al portaborse di REnzi.
Di una cosa bisogna rendere atto alla voce è la sua ossessiva fede nel renzismo.
Viva l'Italia viva l'Europa viva le donne che danno ......