none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

Non mi sono mai sognato di voler attaccare personalmente .....
Non so se hanno pagato per il suolo pubblico o se fosse .....
Caro Amico che ti firmi affamato forse sei affamato .....
Vogliamo anche dire, visto che a Pontasserchio non .....
Intervista a Matteo Renzi
none_a
RICCARDO MAINI sempre Residente a MdA
none_a
di GIUSEPPE TURANI
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Vecchiano 5 Stelle
www.vecchianoa5stelle.it
none_a
Governo Conte
none_a
"Guarisce da solo, anche ascoltando Iglesias".
none_a
LILIANA SEGRE, 89 anni oggi.
none_a
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
Circolo Arci Filettole
none_a
San Giuliano Terme, 15 settembre
none_a
Cioccolato
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Vecchiano, 27 settembre
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Umberto Minopoli
Il Pd si e' castrato da solo. E ora e' frustrato e impotente.

6/2/2019 - 13:11

Il Pd si e' castrato da solo. E ora e' frustrato e impotente.

Ragioniamo.

Il Pd e' prigioniero di due dogmi. Il primo lo chiamerei il teorema D'Alema ( perche' e' stato lui ad enunciarlo esplicitamente). Che recita: "se cade questo governo seguira' un governo peggiore, con il centrodestra unito". Dal teorema D'Alema discende la conseguenza: che il Pd, nei fatti, teme la caduta di questo esecutivo (che pero' si tiene con lo sputo) e rischia di trovarsi spiazzato da un'accelerazione della crisi. Il teorema D'Alema non regge.

Occorrerebbe abbandonarlo: al governo Conte puo' seguire un governo migliore. E qui emerge il secondo dogma che paralizza il Pd, quello di Zingaretti (anche di Martina ma lui ha perso). Che recita: la alternativa a questo governo deve essere il ritorno ad un bipolarismo destra /sinistra. Il problema e' che la destra, magari, la vediamo. La sinistra, col Pd al 18%, qual'e'? Questa nostalgia del vecchio bipolarismo ( nella realta' del multipolarismo proporzionale) costringe il Pd a giocare senza carte di riserva. Senza variabili che non siano una sola litania: l'inevitabilita' di comprendere i 5 Stelle come alleato nel ( sognato) polo di sinistra. Ma se il primo teorema sta franando, il secondo e' al totale disarmo: un polo di sinistra con i 5 Stelle e' fuori da ogni ipotesi e fantasia. Anche la piu' perfida. Per innumerevoli motivi. Scegliamone solo tre: primo, i 5 Stelle sono oggi l'epicentro, la ragione del disastro economico del Paese. Come dice Berlusconi, sono loro la vera guida economica del governo ( e Salvini un bullo a parole che cede su tutto). Oggi una crisi sarebbe sull'economia. Quale dialogo il Pd e i 5 Stelle potrebbero avere sull'economia? Nessuno; secondo, i 5 Stelle hanno ribadito un posizionamento internazionale incompatibile col Pd: persistente ambiguita' ed ostilita' all'euro cui si unisce oggi la aggressione ad un paese fratello, la solidarieta' con le dittature (Venezuela) rosse e nere, l'ambiguo rapporto con la Russia; terzo, infine, i 5 Stelle involvono, ulteriormente, in senso regressivo: danno la guida a Di Battista, un improbabile chavista rossobruno, e all'anima movimentista, la piu' scopertamente eversiva, oscura, giustizialista, manettara, aziendale ( nel senso di Casaleggio), portatrice di tutto il ciarpame di demagogia, e rischi per la nostra liberta', che chiamano "democrazia diretta".

Ecco i 5 Stelle. Come puo' il Pd ancora illudersi, scioccamente, di immaginare un polo di sinistra con i 5 Stelle? E qui nasce il problema: Zingaretti e mezzo Pd sono prigionieri dei due dogmi, dei due teoremi suddetti che non reggono piu'. Il congresso ha detto che questo gruppo dirigente post-renziano non ha alernatve, non gioca carte di riserva, e' prigioniero di un solo schema, l'attesa dei 5 Stelle. Irrealistico, frustrante e impotente. Se cade il governo, il saggio Mattarella dovra' esercitare una grande creativita' per comporre la crisi. Le elezioni non saranno possibili.

 

Che sponda trovera' Mattarella nel Pd? Si blocchera' sullo schema: "solo con i 5 Stelle"? Sarebbe idiota e suicida. Invece di un congresso senza politica e dominato dai due dogmi in frantumi, il Pd dovrebbe aprirsi allo sghiacciamento, alla creativita', al coraggio, alla fantasia e all' innovativita'. Anche sulla politica, se non vuole, come inizia la mozione di Giachetti e Ascani , "trasformare la fase del populismo nell'era del populismo". Per carita'!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




6/2/2019 - 22:57

AUTORE:
Filettolino

Io mi chiedo, da tempo, cosa aspettano i dirigenti del Pd a nominare segretario del partito questo Minopoli. Sa di politica come pochi, ha tutte le ricette in tasca, possibile che nessuno lo ascolti ?
Ah già, ci deve essere il veto di D'Alema...