none_o


Guardati allo specchio! Il volto che vedi riflesso è il risultato di milioni di anni di evoluzione e riflette le caratteristiche più distintive, che utilizziamo per identificarci e riconoscerci.  E' il risultato che si è plasmato secondo i nostri bisogni, legati al mangiare, al respirare, alla vista, alla comunicazione.  Ma come si è evoluto nei millenni il volto che abbiamo, per arrivare a mostrarsi com' è oggi?

ARPAT Toscana
none_a
Conad City e Pubblica Assistenza di Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Per chi non lo sapesse, da martedi il comune comincerà .....
Francesco T è Primo? ed Ultimo sono io!
Si perchè .....
Caro lettore, ho fatto anc'io quello che mi consiglia, .....
Caro Francesco T, lettore e scrittore del Forumm VdS. .....
Vecchiano, 26 aprile
none_a
Pisa, 28 aprile
none_a
Pontasserchio
none_a
FIAB-Pisa
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Per una Pasquetta partigiana
none_a
San Giuliano Terme
none_a
di Fabrizio Manfredi
none_a
CAMPIONI D’ITALIA!!! #W8NDERFUL!!!
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Sogno San Giuliano:
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Parco Regionale MSRM
none_a
di Emilia Patta
Renzi guida la rivolta contro le riforme del M5s

6/2/2019 - 18:20

IL NO DEL PD AL TAGLIO DEI PARLAMENTARI
Renzi guida la rivolta contro le riforme del M5s


A guidare la rivolta dem contro il Ddl Fraccaro che modifica la Costituzione tagliando di netto il numero dei parlamentari è un po' a sorpresa Mateo Renzi (nella foto Ansa), che dell'abolizione del Senato elettivo aveva fatto a suo tempo una bandiera sottolineando anche il tema della riduzione dei costi della politica

Per una volta il Pd si ritrova unito contro il M5s, se l’antirenziano Luigi Zanda e lo stesso Matteo Renzi gridano in Senato contro il progetto di «svuotare il Parlamento»: il risultato è che sul Ddl Fraccaro che modifica la Costituzione tagliando di netto il numero dei parlamentari (da 630 a 400 alla Camera e da 315 a 200 al Senato) i senatori democratici voteranno no dopo che in commissione si erano astenuti.

Dopo la Manovra: dagli Ncc al decreto semplificazioni, ecco le priorità delle Camere
E a guidare la rivolta dem contro le riforme del M5s è un po’ a sorpresa proprio Renzi, che dell’abolizione del Senato elettivo aveva fatto a suo tempo una bandiera sottolineando anche il tema della riduzione dei costi della politica. All’incirca 500 milioni a legislatura, lo stesso risparmio stimato per il taglio targato 5 Stelle.


Il punto è che il taglio prefigurato dal Ddl Fraccaro è una taglio sic et simpliciter, che lascia intatta l’anomalia italiana del bicameralismo paritario, con due Camere chiamate a fare le stesse identiche cose.

Per questo gli emendamenti del Pd puntano ad abbinare al taglio del numero parlamentari la differenziazione delle funzioni tra Camera e Senato, con quest’ultimo trasformato in una Camera della Autonomie e di garanzia. Un po’ come prevedeva la riforma Boschi bocciata al referendum confermativo il 4 dicembre 2016.

LA RIFORMA FRACCARO
 
 Il M5s cede sul quorum: il referendum propositivo si fa più «soft»
«Tagliare i parlamentari senza superare l’anomalia del bicamerismo paritario rientra in un altro disegno, quello dello svuotamento del Parlamento e del superamento della democrazia rappresentativa tramite democrazia diretta», è il ragionamento fatto da Renzi con i senatori dem. Un ragionamento condiviso anche da Zanda. Il combinato disposto del referendum propositivo, che dà al corpo elettorale la potestà di legiferare direttamente, e il taglio del numero dei parlamentari rientra insomma per il Pd nel disegno Casaleggio di «superare la democrazia rappresentativa con soluzioni plebiscitarie».
Queste le motivazioni, ma c’è naturalmente il contesto generale che aiuta la posizione contraria sulle riforme costituzionali. E il no renziano sul taglio dei parlamentari trascina con sé anche il referendum propositivo all’esame della Camera nonostante i molti emendamenti del Pd accolti dalla relatrice pentastellata Fabiana Dadone.

CONFRONTO M5S - PD
 
17 gennaio 2019

Referendum propositivo: allarme su leggi di spesa e conflitto elettori-Camere
Una posizione, quella di Renzi, che va inquadrata anche nel dibattito congressuale in corso nel Pd: il paladino del no all’accordo con il M5s non può avallare il voto favorevole su temi importanti come le modifiche costituzionali. In Aula al Senato, a partire da oggi, il Pd sceglierà di schierarsi contro il taglio dei parlamentari. E lo stesso farà alla Camera quando l’Aula ricomincerà a votare sul referendum propositivo nella seconda metà di febbraio.
Certo, se il Pd vota no si porrà il problema del referendum confermativo alla fine del percorso (le modifiche costituzionali necessitano della doppia lettura di Camera e Senato), che a quel punto andrà chiesto. Ma, se proprio si arriverà alla fine del percorso, sul taglio dei parlamentari il Pd può paradossalmente contare sul probabile sì finale di Fi: in questo modo si raggiungerebbe il quorum dei due terzi che impedisce la celebrazione del referendum. E fare la consultazione popolare solo sul referendum propositivo lasciando fuori il tema popolarissimo del taglio dei parlamentari è tutta un’altra storia.



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




7/2/2019 - 14:36

AUTORE:
B d B

Ciai da mangianne di 'nzuppa prima di falla a Enzo Rametti.
bona.

7/2/2019 - 14:10

AUTORE:
ALVARO

La banderuola, o segnavento, è un tipo di anemoscopio cioè uno strumento che serve ad indicare la presenza e la direzione del vento
Proprio per la sua caratteristica di girare a seconda della direzione del vento, il termine "banderuola" è anche diventato sinonimo di persona volubile, pronta a cambiare opinione con una certa facilità.
Ma non è che stiamo mica parlando del senatore Renzi?