none_o


Un nuovo studio della Grotta di Bajondillo (Malaga, Spagna), svolto da ricercatori spagnoli, giapponesi e statunitensi per conto dell’Università di Siviglia, ipotizza che gli esseri umani moderni (Homo sapiens), intorno ai 44mila anni fa, si siano sostituiti ai Neanderthal che vivevano in questo sito

Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Centro ASBUC a Migliarino (Vecchiano - Pisa)
none_a
SPORTERAPIA: Attività Fisica per tutti
none_a
Con Borgo di Pratavecchie
none_a
. . . . . . . . . . il comune e senti la solita puzza. .....
Chi gira per le frazioni di San Giuliano Terme sente .....
. . . cosa c'incastra Matteo Renzi tutte le volte anche .....
Magari però è solo la voglia finalmente di rivendicare .....
Lo zio Alceste
none_a
Pro Loco San Giuliano Terme
none_a
Libri
none_a
FIAB-Pisa
none_a
Alla stazione Leopolda
none_a
Vecchiano, 2 marzo
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
L'arse argille consolerai.
none_a
Lunedi 25/2 Sala Gronchi SR
none_a
Carnevale di Viareggio
none_a
Pontasserchio, 17 febbraio
none_a
Pisa, 15 febbraio
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


E poi fate l’amore.
Niente sesso, solo amore.
E con questo intendo
i baci lenti sulla bocca,
sul collo,
sulla pancia,
sulla schiena,
i .....
Senti questa, Chiube, che ti garba anche la tradizione popolare:

Gennaio mette 'a monti la purucca
Febbraio grandi e piccoli 'mbaucca
Marzo libera .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Gaiole in Chianti
Inzuppate i cantuccini nel vinsanto? E' proibito, ora è scritto anche sulla bottiglia

8/2/2019 - 18:03


Inzuppate i cantuccini nel vinsanto? E' proibito, ora è scritto anche sulla bottiglia

L'iniziativa di una azienda vinicola di Gaiole in Chianti che considera il gesto di intingere i biscotti quasi un insulto ai produttori

I cantuccini e il simbolo sulle etichette del vinsanto

Gaiole in Chianti (Siena), 8 febbraio 2019 - Cantuccini e vinsanto sono un binomio unico, che caratterizza come pochi la Toscana. Sorseggiare il prezioso vino, la cui nascita si perde nella notte dei tempi, accompagnato dai biscotti tipici, carichi di mandorle, è il top per ogni pranzo o cena toscana che si rispetti. Ma c'è un gesto che i puristi non digeriscono: quello di inzuppare il cantuccino nel vinsanto, e che pure tanti compiono.
Si tratta, secondo gli esperti e i produttori di vino, di due elementi che sì vanno consumati insieme ma separati. Inzuppare il biscotto nel vino altera in qualche modo il vino stesso, altera quei profumi per ottenere i quali i produttori lavorano anni. E dunque c'è chi, proprio tra i produttori, si fa portavoce del "divieto di inzuppo". Sì, da oggi c'è anche questo simbolo: il divieto di intingere il cantuccino nel vino.
E appare sulle bottiglie dell'azienda "Rocca di Montegrossi", a Gaiole in Chianti, in provincia di Siena. L'azienda, sulla sua pagina Facebook, lo scrive anche in inglese: "Do not dunk #biscotti in our Vin Santo!", "Non inzuppare i biscotti nel vinsanto", per farlo capire anche ai tanti estimatori esteri. "Questa operazione non s'ha da fare", ribadisce ancora sui social l'azienda in un altro post. Una decisione, quella del "divieto di inzuppo", che già crea il partito dei pro e dei contro. Chi ha ragione?



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




8/2/2019 - 20:59

AUTORE:
Manna & Giulebbe

Io dico invece, siccome l'inzuppo l'abbiamo fatto al ristorante anche ier sera ch'era il mi' compreanno, ch'è di molto bono e rilassante, quasi una puppa per vecchi.
Sostengo pertanto e difendo a gran voce la libertà di gustarmi le due leccornie come meglio credo e più m'aggrada: ecché!

8/2/2019 - 18:40

AUTORE:
Sangiulianese

Il problema però è che questo vale solo per gli autentici passiti o vin santi. Purtroppo il più delle volte vengono spacciati per passiti i famigerati vini "liquorosi" che, al prezzo di 4 o 5 euro infestano tutti i supermercati. Se si fa seccare per mesi l'uva , si fa stare in piccoli caratelli per 7 o più anni, non si può pretendere che il costo sia quello.

8/2/2019 - 18:18

AUTORE:
passante

E sti cazz....i ?