none_o


Guardati allo specchio! Il volto che vedi riflesso è il risultato di milioni di anni di evoluzione e riflette le caratteristiche più distintive, che utilizziamo per identificarci e riconoscerci.  E' il risultato che si è plasmato secondo i nostri bisogni, legati al mangiare, al respirare, alla vista, alla comunicazione.  Ma come si è evoluto nei millenni il volto che abbiamo, per arrivare a mostrarsi com' è oggi?

Conad City e Pubblica Assistenza di Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Per chi non lo sapesse, da martedi il comune comincerà .....
Francesco T è Primo? ed Ultimo sono io!
Si perchè .....
Caro lettore, ho fatto anc'io quello che mi consiglia, .....
Caro Francesco T, lettore e scrittore del Forumm VdS. .....
Vecchiano, 26 aprile
none_a
Pisa, 28 aprile
none_a
Pontasserchio
none_a
FIAB-Pisa
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Per una Pasquetta partigiana
none_a
San Giuliano Terme
none_a
di Fabrizio Manfredi
none_a
CAMPIONI D’ITALIA!!! #W8NDERFUL!!!
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Sogno San Giuliano:
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Parco Regionale MSRM
none_a
San Giuliano Terme
Il successo del progetto Oli-ndo a San Giuliano Terme

9/2/2019 - 15:52

L'assessora Daniela Vanni: “Più che raddoppiata la raccolta dell’olio esausto”

 

Fino al 2016, nel comune di San Giuliano Terme si raccoglievano e riciclavano circa 3000 kg/anno di olio esausto.

Dal 2017, con l’introduzione della raccolta aggiuntiva nelle scuole con Oli-ndo, il dato è salito a circa 6200 kg/anno.

 

L’amministrazione comunale di San Giuliano Terme due anni fa introdusse uno dei progetti legati all’ambiente di maggior successo nella sua storia: Oli-ndo.

 

“Tutto nasce a fine 2016 – commenta l’assessore all’ambiente, Daniela Vanni –, quando decidemmo analizzando i dati dei conferimenti di rifiuti ai centri di raccolta, riscontrando un’anomalia: troppo scarsa la quantità di olio vegetale esausto conferito ai centri di raccolta per i circa 32.000 abitanti del nostro comune.

Proprio da noi che siamo stabilmente sopra il 75% di raccolta differenziata.

Era evidente che alcuni cittadini, non conoscendo i danni che questo rifiuto può fare, lo smaltivano in maniera non corretta: magari nel lavello della cucina, nel wc, o peggio ancora su suolo o nelle acque dei nostri fossi.

Tutti comportamenti assolutamente dannosi per l’ambiente.

Il problema era farlo sapere a tutti.

Visto che si parlava di comportamenti sostenibili e quindi di qualità del nostro futuro, pensammo di farci aiutare da chi il futuro lo rappresenta: i bambini.

Nacque così, a fine 2016, la collaborazione con la società Eco-Rec srl, che a Montescudaio gestisce un impianto di recupero dove questo rifiuto viene trasformato in biodiesel.

Portammo così in tutte le scuole primarie del territorio il contenitore azzurro battezzato Oli-ndo, nella cui pancia dovevano essere raccolte le bottiglie di plastica contenenti questo particolare rifiuto.

Incontrando poi personalmente tutte le classi di tutte le scuole primarie del territorio, spiegammo a bambini, insegnanti e personale Ata quale fosse il nostro obiettivo comune: “catturare” e riciclare tutto l’olio di scarto delle nostre cucine”.

 

“E non è l’unico valore aggiunto di questo progetto – aggiunge il sindaco Sergio Di Maio –. Intorno a Oli-ndo si è infatti raccolta una comunità: i bambini sono stati uno stimolo eccezionale, coinvolgendo genitori, nonni, zii e vicini di casa in una gara virtuosa per intercettare questo rifiuto che troppo spesso veniva disperso in fognatura o nell’ambiente. Merito sia della premialità abbinata al progetto, sia di un costante impegno dell’assessorato all’ambiente e dell’ufficio rifiuti che periodicamente sono andati nelle scuole a incontrare bambini e insegnanti per coinvolgerli in questo grande obiettivo ambientale”.

Ulteriore stimolo di questa “caccia al rifiuto” sono stati i premi: ogni scuola, in funzione del quantitativo di olio raccolto, riceve infatti un premio in risme di carta erogato direttamente dell’azienda che recupera il rifiuto.

Inoltre, l’amministrazione ha creato una sorta di campionato tra le scuole, per cui le prime tre classificate in termini di olio pro-capite raccolto nell’anno scolastico, ricevono premi in materiale didattico (300€ di materiale didattico per la scuola prima classificata).

Proprio in questi giorni, l’assessore all’ambiente e il personale dell’ufficio rifiuti stanno nuovamente incontrando i circa 1.400 bambini che frequentano le primarie del comune di San Giuliano Terme: un’occasione per mantenere vivo Oli-ndo e consegnare i premi, ma anche per lanciare nuovi progetti e affrontare con i piccoli i grandi temi dell’ambiente.

 

“Quest’anno lanciamo ai bimbi due nuove sfide - prosegue Vanni -, chiedendo loro di aiutarci a raccogliere a scuola anche pile esauste e toner e cartucce delle stampanti.

Una comodità in più per i cittadini di San Giuliano Terme, che così potranno conferire questi rifiuti anche presso le scuole del territorio. Negli incontri di quest’anno giochiamo poi con i bambini sui temi della raccolta differenziata e in particolare sui comportamenti e le piccole scelte quotidiane che ci possono aiutare a ridurre di tanto la nostra produzione di rifiuti”.

 

Un bilancio tutto positivo dunque, sia dal punto di vista materiale che della crescita di consapevolezza ambientale di un territorio.

 

“L’amministrazione ringrazia tutti i bambini, gli insegnanti e il personale delle nostre scuole per la preziosa collaborazione.

Un grazie speciale alle scuole di Mezzana, Madonna dell’Acqua e Pappiana che quest’anno si sono classificate ai primi tre posti della graduatoria di Oli-ndo”.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




9/2/2019 - 20:13

AUTORE:
Mirabel

Bene benissimo, e se anche noi cittadini possiamo usufruire di questa opportunità dateci delle dritte precise che non mancheremo di farne buon uso.
Grazie a chi si occupa di questo delicato problema e buon lavoro!