none_o


Guardati allo specchio! Il volto che vedi riflesso è il risultato di milioni di anni di evoluzione e riflette le caratteristiche più distintive, che utilizziamo per identificarci e riconoscerci.  E' il risultato che si è plasmato secondo i nostri bisogni, legati al mangiare, al respirare, alla vista, alla comunicazione.  Ma come si è evoluto nei millenni il volto che abbiamo, per arrivare a mostrarsi com' è oggi?

ARPAT Toscana
none_a
Conad City e Pubblica Assistenza di Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Per chi non lo sapesse, da martedi il comune comincerà .....
Francesco T è Primo? ed Ultimo sono io!
Si perchè .....
Caro lettore, ho fatto anc'io quello che mi consiglia, .....
Caro Francesco T, lettore e scrittore del Forumm VdS. .....
Vecchiano, 26 aprile
none_a
Pisa, 28 aprile
none_a
Pontasserchio
none_a
FIAB-Pisa
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Per una Pasquetta partigiana
none_a
San Giuliano Terme
none_a
di Fabrizio Manfredi
none_a
CAMPIONI D’ITALIA!!! #W8NDERFUL!!!
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Sogno San Giuliano:
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Parco Regionale MSRM
none_a
Abruzzo, vince il centrodestra. Crollo M5s, centrosinistra sopra il 30%

11/2/2019 - 8:40

Abruzzo, vince il centrodestra. Crollo M5s, centrosinistra sopra il 30%

Netta affermazione di Marco Marsilio, Lega primo partito. Il centrosinistra con Legnini è la seconda forza. I grillini sotto il 20%, dimezzano i voti rispetto a un anno fa

Il centrodestra ha vinto nettamente le elezioni in Abruzzo. Il centrosinistra è vivo. Il Movimento 5 Stelle è crollato. Sono queste le tre sentenze della tornata elettorale regionale che giungono dall’Aquila, Pescara, Teramo e Chieti.

 Distacco netto rispetto agli avversari da parte di Marco Marsilio del centrodestra che arriva vicino al 49%. Dietro di lui, con oltre il 31%, il candidato del centrosinistra Giovanni Legnini.

Sotto la quota simbolica del 20% la candidata del Movimento 5 Stelle Sara Marcozzi. Un dato che fa impressione se paragonato alle elezioni politiche di un anno fa, quando i Cinque Stelle da queste parti ottennero quasi il 40% dei voti.
Il quadro è apparso subito chiaro con numeri impossibili da raggiungere già dai primi instant poll. Poi le prime proiezioni non hanno fatto altro che dare conferme via via che arrivavano i dati reali dagli scrutini. L’Abruzzo ha un nuovo presidente sbalzando il governo regionale uscente del centrosinistra di Luciano D’Alfonso, la cui elezione a senatore lo scorso 4 marzo alle politiche e le sue conseguenti dimissioni da governatore, ha determinato le consultazioni anticipate. Secondo il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, il voto dell’Abruzzo ha confermato che “il centrodestra è la maggioranza naturale fra gli elettori”. Un voto “importante per il futuro della politica italiana”, ha detto.
In casa centrosinistra si guarda al risultato del progetto politico, con 7 liste (Legnini Presidente, Abruzzo Insieme, Avanti Abruzzo, Abruzzo in Comune, +Abruzzo, Progressisti per Legnini, Centristi per l’Europa-Solidali e popolari) e il Pd. “Siamo oltre il 30%, vorrei ricordare che l’anno scorso il centrosinistra in Abruzzo il centrosinistra compreso Leu ha conseguito un risultato del 17,6%, abbiamo avuto 14 punti in più ma non è stato sufficiente.

Si tratta di un punto di partenza e oltre il 30% ottenuto in due mesi, mi sembra un risultato importante”, ha detto Giovanni Legnini.
La botta più forte è arrivata per il Movimento 5 Stelle, che, tramite le parole di Sara Marcozzi, lascia intendere già quale sarà la linea difensiva, aggrappandosi ai voti di lista: “Non abbiamo nulla da rimproverarci. Ci è stata confermata la fiducia di 5 anni fa. La debacle è del Pd e di Forza Italia. E’ successo quello che dicevamo da anni”. La verità è un’altra: i grillini, dopo il voto di un anno fa, avevano riposto grande fiducia nel fatto che l’Abruzzo potesse diventare la prima regione italiana a guida M5s.

Undici mesi dopo, nonostante lo sforzo di Di Maio e Di Battista, si ritrovano in crisi profonda.

E i rapporti di governo con Lega, già a livelli minimi, rischiano un ulteriore deterioramento.



Fonte: Stefano Cagelli
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: