none_o

Riprendiamo con piacere la ricerca di storie e leggende del nostro territorio. Dopo Villa Alta e Ripafratta, approfondiamo questa volta i misteri dei fantasmi della Villa di Corliano.Sono numerose le ipotesi sui fenomeni paranormali che si manifesterebbero a Corliano; la  leggenda più conosciuta è quella del fantasma di Teresa Scolastica della Seta Gaetani Bocca che, secondo tradizione, si manifesterebbe solo nelle notti di luna piena...

Arpat Toscana
none_a
Alma Pisarum choir
none_a
Convocazione Assemblea ordinaria Soci
none_a
ARCI Migliarino-Sabato 18
none_a
mostrare un rosario che la falce e il martello
Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori di questo .....
Ma perché un fate una bacheca e ci schiodate dentro .....
l'unica certezza è la sentenza che dice che il comune .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
POSTE ITALIANE: a poste vita il PREMIO GOVERNANCE
di capital finance
none_a
A cura di Maini Riccardo
none_a
Libri ed altro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito .....
di Renzo Moschini
none_a
Dal 24 al 26 maggio
none_a
di Renzo Moschini
none_a
none_o
Nella Penisola Iberica i Sapiens sostituirono i Neanderthal prima di quanto si pensasse

17/2/2019 - 10:28

Nella Penisola Iberica i Sapiens sostituirono i Neanderthal prima di quanto si pensasse

Neanderthal ed esseri umani moderni si ‘sovrapposero’ per 5400 anni
Uomo moderno uscì dall’Africa 50mila anni prima di quanto ritenuto
I Sapiens raggiunsero l’Asia molto prima di 50mila anni fa
“Solo” 74mila anni fa l’Homo sapiens raggiunse l’Asia
Nessun legame tra scomparsa dei Neanderthal e nuove armi dei Sapiens
I Neanderthal seppellivano i loro morti
Ridisegnata la linea evolutiva dei Neanderthal in Europa
Cranio di 55mila anni fa colma lacuna nella migrazione dei Sapiens dall’Africa


Un nuovo studio della Grotta di Bajondillo (Malaga, Spagna), svolto da ricercatori spagnoli, giapponesi e statunitensi per conto dell’Università di Siviglia, ipotizza che gli esseri umani moderni (Homo sapiens), intorno ai 44mila anni fa, si siano sostituiti ai Neanderthal che vivevano in questo sito, anticipando quindi la loro presenza nell’Europa occidentale di qualche millennio rispetto a quanto ritenuto finora.

Distribuzione di siti archeologici in Europa occidentale con industrie aurignaziane vecchie più di 42mila anni, tra cui la grotta di Bajondillo. Le zone colorate in arancione indicano potenziali rotte di diffusione, favorite dal basso livello del mare. A sinistra, un cranio di Neanderthal e un attrezzo musteriano (dalla grotta di Bajondillo). A destra, un cranio umano moderno (Cro-Magnon) e un attrezzo aurignaziano, anch’esso rinvenuto nella grotta di Bajondillo. (Crediti: Università di Siviglia)


L’Europa occidentale è un’area chiave per comprendere meglio il periodo in cui i primi esseri umani moderni si insediarono nel Vecchio Continente, soppiantando i Neanderthal.

E’ tipico, infatti, di quest’area europea l’associazione delle popolazioni Neanderthal con i primi strumenti in pietra appartenenti alle industrie del Musteriano (dal nome del sito neandertaliano di Le Moustier, in Francia), mentre i primi esseri umani moderni vengono associati alle industrie aurignaziane più moderne (dal nome del sito francese di Aurignac).

Sulla base di queste associazioni, l’ultima sostituzione dei Neanderthal con i Sapiens in Europa occidentale solitamente veniva attribuita a circa 39mila anni fa.

Tuttavia, è noto anche che la regione iberica meridionale documenta una tardiva sopravvivenza del musteriano (e quindi dell’Uomo di Neanderthal) attribuibile a circa 32mila anni fa, in assenza di prove che rivelino qui il sorgere delle prime industrie Aurignaziane, trovate invece altrove in Europa.

In altri termini, questa parte della Penisola Iberica avrebbe ospitato gli ultimi Neanderthal.


Ma, allora, quanti millenni fa avrebbe avuto luogo questo avvicendamento di popolazioni?

Questo nuovo studio e la datazione della Grotta di Bajondillo ristabiliscono la sostituzione delle industrie musteriane con quelle aurignaziane, attribuendola a circa 45-43mila anni fa; ma sollevando però, nel contempo, degli interrogativi sulla sopravvivenza tardiva dei Neanderthal nella Penisola Iberica meridionale.

In breve, mentre nel resto d’Europa i Neanderthal stavano scomparendo sotto l’avanzata dei Sapiens, la loro presenza nella Penisola Iberica era ancora forte. Ma andò davvero così?

Indiscutibilmente saranno necessarie ulteriori ricerche per determinare se la nuova datazione di Bajondillo indichi una sostituzione più antica dei Neanderthal in tutta l’Iberia meridionale oppure implichi uno scenario di coesistenza (tutta, però, da provare) delle due popolazioni per qualche millennio.

Jimenez-Espejo, membro del Consiglio Nazionale Spagnolo per la Ricerca e co-autore dello studio, chiarisce intanto che l’acquisizione da parte dell’uomo moderno del sito di Bajondillo non è associabile ad un evento di grave raffreddamento, (i rigidi cambiamenti climatici conosciuti anche come Eventi di Heinrich).

“Questi eventi – dice il ricercatore – rappresentano condizioni climatiche più difficili e più variabili nell’Europa occidentale su scala millenaria ma, almeno in questa regione del Mediterraneo, non hanno influenzato la transizione dal Mousteriano all’ Aurignaziano”.

Il prof. Chris Stringer, antropologo britannico del Museo di Storia naturale e co-autore dello studio, dichiara: “La scoperta dell’ industria aurignaziana in un sito così piccolo come questa grotta vicina al mare può far ritenere che la costa mediterranea abbia potuto essere una comoda via di transito per gli esseri umani moderni che si andavano diffondendo in Europa e che quindi, a maggior ragione, si può supporre fossero sparsi in tutta l’Eurasia già più di 40mila anni fa”.

Rimarcando l’importanza delle regioni costiere per i movimenti di popolazioni, un altro co-autore, Arturo Morales-Muniz, suggerisce che le prove raccolte a Bajondillo ripropongono l’idea che lo Stretto di Gibilterra potrebbe essere stato una potenziale via di diffusione per i primi esseri umani moderni che migravano dall’Africa.

Fonte: Scritto da Leonardo Debbia il 11.02.2019
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/2/2019 - 15:29

AUTORE:
Ciccio

Ma siamo sicuri che ci sia stata l'evoluzione fino ad arrivare all'homo sapiens...no perché da quel che vedo siamo a dir poco trogloditi!