none_o

La libertà e la democrazia  non sono mai da considerarsi valori acquisiti e scontati, perchè in  qualsiasi momento ed in ogni parte del mondo possono essere messi in  discussione e cancellati da chi intende il potere attraverso  l'assolutismo e la prepotenza della dittatura.

Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Alma Pisarum choir
none_a
Convocazione Assemblea ordinaria Soci
none_a
Quando si mostra un simbolo, sia religioso che laico, .....
mostrare un rosario che la falce e il martello
Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori di questo .....
Ma perché un fate una bacheca e ci schiodate dentro .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
POSTE ITALIANE: a poste vita il PREMIO GOVERNANCE
di capital finance
none_a
A cura di Maini Riccardo
none_a
Libri ed altro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Aspettativa
none_a
Marina di Pisa
none_a
Pontasserchio, 23 maggio
none_a
Sono aperte le iscrizioni
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito .....
none_o
Quando non c'era Burlamacco.
Tre per otto.. un franco e venti!

18/2/2019 - 20:39

 
C’era un proverbio de’ nnostri tempi, quand’érimo bamboretti che diceva: “Quando vien l’Epifania, tutte le feste se le porta via” e po’ an portato via anco le; beh! lassamo perde per un’entrà in polèmie; però doppo c’era un antro dittaggio che feniva meglio e ridava l’aire: “Ritorna ’l matto del carnovale; tutte le feste le fa tornare”.

 
Così ora ci risemo, i ggiorni caminino e lù ariva. O come si fa a stà a Viareggio e un sentì lo zurlo del carnovale col pizzicorino che ti piglia e ti nentra nel buzzo e un ti ce lo poi più levà? Ai voglia d’esse vecchio e sgangarato: vando senti zùmmene, urli di mascare, piffori e bande, il sangue accomincia a rimescolassi e se anco addosso è aggrumata la ruggine ti dai da fà per un paré un avvanzo di bottega e ti metti ne ’tu cenci e pigli la pruata per andà di lì se no accagli. Monti le scale, ch’en sempre più dure e ti butti ’ndel letto. Soffi nel lume e -bona notte- e un dormi; e un ti riesce sta fermo, ti rimugini e ti rimugini tiri le lenzola e ti tramuti di và e di là. Ti ci vole la pasticca per i catari e guardi drento la comodina se c’è il “zi beppe”. Ti senti picchià ill’ore nel cervello e l’occhi un ti si sérino neanco a ’ncollalli. Ti scuci la bocca da li sbavigli, ma un dormi. E chi s’addorme!

Ti vénghino tutte alla mente e neanco a fallo apposta écchiti sempre le ’ose più nogliose e brutte. Allora per buttà via il nero e ill’uccellacci che ti volino sula testa peggio de’ pellistrelli t’agguanti al matto del carnovale per fatti passà un popoino meglio velle du’ o tre ore che ti manchino pe’ aspettà che facci giorno. Mascare e piffori co’ una pattarùglia di gente che vano e vénghino in Piazza Grande. C’è il ballo in maschera e sona la Banda Cittadina. Mettévino i lampioncini di ’arte fatti a organino fra un platano e l’altro e lì dai e lì zuppa e ’nzacca, finché un ti si smoveva il sudore che t’appicciava i ppanni addosso e montavino su i ffumi di valche bicchieretto trincato a tutta gargana che ti faceva rifrange a mo’ d’aonco il baccalà marinato o la nzuppa co’ ccavoli neri che avevi mangiato a cena. Ora mi metto a sedé su i gguanciali e com’eno eno, ve li dio come mi venghino. Le zenzale un dano noia, i bbamboretti dela mi’ nipote un frignino più; il lavativo dela mi’ moglie s’è girata di là e russa e soffia come la pulenta vando bolle e io “me la godoo!”

Eccheli che arivino!   Noce; il Marchi Curzio il Caprili Bennardo Oé che fece il caro “Chi dorme un chiappa pesci”» co’ un mascherone che dormiva co’ la chiocca pendolone  la canna fra le mane. Lo buttonno fori del corso perché un ci aveva la banda sul caro. Lù andede al Comitato da Semme De Ranieri e ni disse: “Se ci mettevo sù la banda allora lu si svegliava e mi chiappava i pesci!” Manuele del Tofanelli che fece la “Poverèide” co’ la scimmia e l’ cane e chiedeva le palanche per l’ospidale e quando andede dala Billé che dava le maschere a nolo in via di Mezzo un si risolveva a trovà la maschera adatta. E la Billé nele faceva vedé di tutte le sorte: Arlecchini, ghàuli, pierò pagliacci e Domino   alla fine perse la pazienza e ni disse: “A Manuele o come ti voi immascherà e lu “A biscaro!” Allora prende la porte e va’ pur via che sei bello e mmascheratol”

Che gente! un ne nascin più!
 
Arivino le carozze co la gente che ridino e si bagnino co’ lo schizzetto del prefumo e si tirino il ciprio. Le signore tutte ammannite scendino dal Landò per andà al veglione al Regio Casino in via Regia co’ le scalinate che dano dala parte del Ponte Girante. Bamboretti che ridino, giovanotti che s’ingegnino `nela ’onfuisone a ballà e a rigirassi a forza d’occhiate. La via Garibaldi…   cordiandolie le carette de’ facchini con su le gente col naso tinto e la giacchetta arovesciata? Becchetto che pesca co’ la cerchiata fra la gente e trema dal freddo. Lu dice: — "Com’é bello andà a letto co’le   lenzola!” Brancate di confetti che volino per aria e gente che s’acchinino a raccattalli. I maccheroni mangiati nel vaso da notte   e po’ Carambambù, e Tonin di Burio. Mi pare di rivedello il Tofanelli Fernando vestito di nero che dirige la banda e fa da Sindao. Il Marchi è la Moglie di Tonin di Burio fatto da Noce, il Giorgi, accanto al prete che lo faceva il Puccetti   L’aglia e la cura del Giannotti. E i ’ccanti e i ssalti e le prese di giro per coglionà Lucca e Pedona.

“Giovanottino dal cappel di paglia è tutto il giorno che mi porti a cuglia. M’ate ferito il core e co’ un puntello me l’ate tiro fora”. Che Bellezza! “Galoppé, galoppé, galoppé; galoppé alla bersaglié” “Paura non abbian degli stiletti”; Che godio! Il Caro de’ mmatti da legga!
 
C’è anco l’ometto de’ bomboloni che te li vende per tre palanche che perchi un’ no sapesse eno vindici centesimi; belli caldi e scolati dall’olio che sa di fritto rifritto co’ un popò di zuccaro.

”A vell’uomo me ne date otto de’ bbomboloni. Vanto gostino?”

“Tre palanche — Tre per otto, un franco e venti!”

“Come sarebbe a di?”

“State a senti: Gostino no tre palanche l’uno; ne volete otto e allora un sapete fa neanco a contà? Tre palanche per otto, fano ventivattro palanche. Venti palanche é un franco! E ventivattro é un franco e venti! Ti ci voleva tanto a contà? Eppure io un sono stato a scola, ma di ’onto so fa”.

Tre per otto, un franco e venti! Eppure a ragione proprio lu   C’eno anco di velli che ti raccattino di velle scimmie che un ’entrino neanco nel giardino zologio di Roma. Carnevale viene una volta l’anno! Basta ride e divertissi! e po’…  alle dieci, t’attacca a sonà il Campanaccio della Chiesa Vecchia! a rompiti li zebedèi.   Tutti urlino e schiamazzino perché anco il Carnovale è fenito. Domattina la mi’ moglie anderà a piglià la cenere, e io per tempo, vaggo da i ffrati a piglià l’amaro per…   digerì…  

 
Tratto da “Acqua, rena e ‘gnoranza” di Don Carlo Francesconi con la dedica:

A tutti ve’ viareggini che discorévino e discorino così. L’abbiamo scritto ‘nsieme.

    
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




19/2/2019 - 15:29

AUTORE:
Pierrot

A Carnevale ogni scherzo vale,
ma quello dei pentastellati che han sostenuto il burattinaio per non perdere la poltrona mi pare più che altro uno scherzo da prete...penso che i grillini si siano dati la classica martellata sulle palle...chi vivrà vedrà!