none_o

Evoluzione del volto umano: i 'residui ancestrali' dell' uomo moderno
Un precedente articolo sulla evoluzione del volto umano ha prodotto, in alcuni lettori, alcuni legittimi interrogativi che mi sembra opportuno riprendere per chiarirli con opportune osservazioni, cercando di rispondere e sviluppare alcuni aspetti...

ASBUC Migliarino
none_a
ARPAT Toscana
none_a
Conad City e Pubblica Assistenza di Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Ho bell inteso, forse per pesca le seppie a fine ottobre .....
. . . . la graduatoria. .
Fanno le cose perbene e .....
O uno ma mi vorresti di che hanno già fatto la graduatoria .....
Per chi non lo sapesse, da martedi il comune comincerà .....
none_a
Agrifiera, 27 e 30 aprile
none_a
Calci, 3 maggio
none_a
Pontasserchio, 24 aprile
none_a
di Bernard Dika
none_a
“Cene a teatro”
none_a
Bagno Gorgona e Fortino, 4 maggio
none_a
Vecchiano, 26 aprile
none_a
ASD PISA BOCCE
none_a
PISA OVEST
none_a
CAMPIONI D’ITALIA!!! #W8NDERFUL!!!
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
Parco delle Alpi Apuane
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
PD, UN PARTITO SENZA VOGLIE
Dopo gli anni rivoluzionari di Renzi, scelta la normalità, la quiete.

18/3/2019 - 16:21

Primo Piano
PD, UN PARTITO SENZA VOGLIE
Dopo gli anni rivoluzionari di Renzi, scelta la normalità, la quiete.

Leggo continuamente di proteste di elettori e iscritti Pd contro il nuovo segretario Pd, Nicola Zingaretti. Errore. È stato eletto con una larghissima maggioranza e con buone ragioni. Dopo i lunghi anni renziani durante i quali il Pd era stato chiamato a sfidare il mondo, con Zingaretti è stata scelta la quiete, la normalità.
Laura Betti e il poeta Franco Fortini, canterebbero di un partito “senza voglie” e di “voglie senza sbagli”: via la vocazione maggioritaria, i poveri saranno protetti, i ricchi un po’ redarguiti, con i 5 stelle si vedrà (mica sono tutti cattivi), i sindacati abbracciati come bravi compagni di viaggio, nessuno sarà escluso, tutti avranno un posto vicino al comandante in capo.
La rivoluzione, se quella renziana questo voleva essere, è finita. Non a caso lo stesso Renzi ha inaugurato uno dei suoi periodi Zen: che accada quello che deve accadere.
Il popolo Pd ama soprattutto due cose: stare insieme e sentirsi un po’ migliore rispetto al resto del mondo. Zingaretti, con la sua faccia bella larga, e le sue frasi spesso prive di alcun significato, è l’immagine plastica di tutto ciò. Vecchi compagni stanno tornando a casa, i programmi sono vaghi e mai definitivi, netti. La prossima settimana, probabilmente, ci sarà anche il sorpasso sui 5 stelle.
Aveva dunque ragione Prodi: senza alleanze larghe non si vince in Italia. Lui ha vinto due volte contro Berlusconi, poi non l’hanno lasciato governare, ma questa è un’altra storia.
Inutile girarci intorno: quello di Zingaretti sarà un Pd vincente, che tornerà sugli spalti e che farà da onorevole competitor al centrodestra salviniano. Salvo poi frantumarsi nei momenti decisivi (ad esempio sulla possibile alleanza con i 5 stelle).
Il Pd di Zingaretti chiede solo di esistere e di non essere dimenticato.
E l’idea di cambiare l’Italia, di farne una moderna democrazia competitiva? Ma questa era la rivoluzione renziana, archiviata. C’è ancora chi pensa a queste cose?

Fonte: GIUSEPPE TURANI
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




19/3/2019 - 0:32

AUTORE:
LdB

Caro Filippo, chi le scrive sa che lei non è un comune mortale come il sottoscritto. Probabilmente è uno di quelli, il cognome lo attesterebbe, che contano, o credono di contare, nel Pd, vicino all' area renziana.
Di sicuro c'è che quello che scrive non corrisponde al vero.
Mi spiego : lei parla dello staff di Zingaretti e fa un parallelo con il famoso Giglio Magico fiorentino di Renzi. Purtroppo per lei non è così, le bastava consultare Democratica, non c'è un giglio magico Romano.
Dello staff di Zingaretti fanno parte : Paola de Micheli, piacentina, già sottosegretario con Renzi e Gentiloni, Marina Sereni, umbra, già vice presidente del Pd e vice presidente della Camera fino al 2018.
Enzo Amendola, napoletano, già sottosegretario governo Renzi e Gentiloni 2016/2018, Andrea Martella, veneto, non è stato candidato alle ultime politiche.
Ed eccolo, un romano, Marco Miccoli, anche lui fuori dalla lista delle ultime elezioni politiche.
Il paradosso è che glielo fa notare uno che non fa parte del Pd.
Tanti cari saluti.

18/3/2019 - 20:31

AUTORE:
Matteo Orfini

In questi anni ho riportato il Pd nelle periferie più lontane, nella baraccopoli di San Ferdinando, sulla Sea Watch e in tutti quei luoghi dove il Pd deve tornare ad essere per ricomporre una frattura emotiva con chi soffre di più. Non ho sostenuto Zingaretti e non entrerò in maggioranza perché temo che sommatorie di ceto politico, coalizioni costruite a tavolino o sui giornali, rischino di portarci a festeggiare sconfitte onorevoli come in Abruzzo e Sardegna. Ma al Pd continuerò a dare una mano. Non perdiamo l'ambizione di costruire un grande Pd che è l'unico modo per tornare a vincere. Buon lavoro a Nicola Zingaretti, a Paolo Gentiloni, e a tutti noi.

18/3/2019 - 20:24

AUTORE:
‎Filippo

Zingaretti sta formando il suo staff e, com’è logico questo è composto da persone che sono state al suo fianco nella sua carriera politica e di amministratore. Quindi risultano per la quasi totalità romane. È giusto, è normale ed è, come dicevo, logico.
Quello che non è logico è stata l’invenzione del concetto di giglio magico attribuita a Renzi il quale, come tutti quelli prima di lui e quindi anche dopo di lui, si era circondato di persone che lo avevano affiancato nella sua carriera politica e di presidente di provincia e sindaco.
Molti dei concetti utilizzati per attaccare Renzi facevano parte di una narrativa che puntava unicamente a screditarlo, che non aveva alcuna base logica. Vorrei sentire il commento di Bersani che criticava uno staff che proveniva da un’area di cento chilometri ora che ce n’è uno che viene da alcuni quartieri di una singola città.
La cosa che invece un po’ non mi convince è la presenza nello staff del segretario di persone che non sono iscritte al PD e che erano state candidate con altri partiti. Spero che, nonostante tutto, riescano a dare un indirizzo specifico alle politiche del partito e a spiegarci quale idea di Italia hanno, quale futuro vogliono per il paese. È poco importante che sia più di sinistra di quello che vorrei io, spero che sia coerente, fattibile, concreto e innovativo. Buon lavoro!