none_o


Il 16 luglio 1969 il lancio dell’Apollo 11, una delle più grandi imprese di esplorazione spaziale mai avvenute. Mezzo secolo tra storie, ricordi e promesse di ritorni

Arpat Toscana
none_a
ASBUC Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Leggo sul Fatto Quotidiano, tramite la sezione giornali .....
Da cosa l'ha 'ndovinato il nome Bruno?
Sicuramente non è la segnaletica di una volta l'ho .....
In quanto a segate Ultimo non lo batte nessuno. Chiede .....
"Io lo vedo così"
none_a
"Io lo vedo così" (il mondo)
Una nuova Rubrica per tutti
none_a
Incontrati...per caso
di Valdo Mori
none_a
Dio arriverà all'alba - Alda Merini
none_a
  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Migliarino
none_a
Migliarino, 3 luglio
none_a
Milano e Cortina hanno vinto
none_a
di Fausto Bomber
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di GIUSEPPE TURANI
GLI UTILI IDIOTI

20/3/2019 - 13:27

      GLI UTILI IDIOTI


Non esistono meriti di Salvini sull'immigrazione. Ogni volta che arriva una nave viola almeno una decina di trattati internazionali.

 “Utile idiota” è una brutta espressione, che non avrebbe nemmeno dovuto essere inventata. Però si usa. Di solito designa quelli che, per ignoranza o distrazione, favoriscono il nemico.

Oggi l’utile idiota più diffuso (anche a sinistra) si dibatte dentro un mantra demente: Salvini è quello che è, ma sull’immigrazione sta facendo bene. Anzi, sta facendo quello che non ha fatto Renzi.

Il che è un po’ come dire che Mussolini era quello che era, ma i treni arrivavano in orario.
In sono un’anima candida e quindi ricordo quando le navi militari italiane, dopo aver imbarcato i migranti ripescati in mare, trasmettevano in varie lingue un messaggio standard: “Benvenuti a bordo. Questa è una nave della marina Militare italiana. Questo è territorio della Repubblica italiana. Qui siete al sicuro. Nessuno può farvi del male. I nostri uomini passeranno subito da voi con cibi e vestiario. E i medici subito dopo. Fra poche ore sarete sbarcati a terra”.
Capisco che quella era un’Italia troppo buona e che qualcosa andava cambiato. Ma attribuire il merito del calo degli sbarchi a Salvini? Una follia. La verità è che Salvini non sta facendo niente.
TUTTO MERITO DI MINNITI
Chi ha ridotto gli sbarchi del 90 per cento è stato Minniti, il ministro dell’interno del governo Gentiloni. Minniti, una vita a collaborare con i servizi segreti, calabrese chiuso e tosto, non ha detto una sola parola, non ha fatto nemmeno un tweet. Ha preso un aereo di Stato e è volato in Libia. Non so che cosa ha fatto e, forse, nemmeno lo voglio sapere. Il giorno dopo gli sbarchi sono scomparsi.
Salvini che cosa ha fatto di più? Niente. Ha minacciato il pericolo di un’invasine inesistente, ha continuato a dire che avrebbe chiuso i porti (cosa che non ha mai fatto, ci sono trattati internazionali). Ha promesso chiusura totale delle frontiere, ma è una palla: nessuno ci è mai riuscito, figurarsi lui. Prima che gli immigrati, blocchi l’ingresso della droga, se ne è capace: non ci prova nemmeno perché sa che non sa come si fa.
In compenso, ogni volta che arriva una nave, si esibisce in numeri da circo, proibendo questo e quello. “Il foglio”, meticolosamente, ha calcolato che ogni volta viola almeno una decina di trattati internazionali. E infatti se gli amici grullini non lo salveranno concedendogli l’immunità, sarà processato e condannato a Catania per sequestro di persona.
LE BUFALE SULL’IMMIGRAZIONE
I fan (anche di sinistra, purtroppo) di Salvini sognano un’immigrazione zero e la chiusura totale delle frontiere. Ma si tratta di due cretinate senza alcuna possibilità di avverarsi: qualcosa filtra sempre. Gli americani tentano da anni di chiudere con il Messico, ma non ci riescono: passa la droga e passano gli immigrati. Solo un paese totalitario al suo interno riesce a sprangare le frontiere. Ma se un paese è appena appena un po’ libero, filtra sempre qualcosa. Si tratta, ovviamente, di controllare e di fare in modo che il qualcosa rimanga qualcosa e niente di più.
In conclusione, i meriti di Salvini sono esattamente pari a zero. Spiace solo che il Pd, che ha avuto Minniti e che rappresenta l’opposizione, sull’immigrazione abbia ancora le idee confuse. Continuerà a pagarne il prezzo.
Aggiungo, perché i fan di Salvini capiscano, che l’Italia nel prossimo mezzo secolo ha bisogno di almeno 12-13 milioni di immigrati. L’immigrazione zero che lui propaganda, senza essere capace di ottenerla, è quindi la bestialità del secolo.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




22/3/2019 - 23:27

AUTORE:
Nessuno

Visto che sei buono perché non li vai tu ad aiutare nei sui paesi di origine evitandogli tutti quei pericoli cui vanno incontro nel deserto la spesa per la traversata, il pericolo di annegare ecc.
Tutte cose evitabili se i buonisti lo facessero.

22/3/2019 - 19:40

AUTORE:
LdB..

Secondo l'Unhcr nel 2018 sono arrivati in Europa circa 120 mila persone, di cui 23 mila in Italia.
Nel triennio 2014/2017, periodo peggiore, sono arrivate in italia circa 550 mila persone, un terzo dei quali poi dirottato in altri paesi.
Secondo il Viminale invece, nel 2018, ne sono arrivati in italia 17 mila, 12 mila dei quali ricollocati in altri paesi europei.
Come vedi il mio punto di vista è un po' più articolato.
Sai qual è la costante in tutto questo calvario, per i migranti intendo, che il resto d' Europa fa finta di niente e poi ti criticano se alzi un po' la voce. Vedi un po' te.

22/3/2019 - 16:33

AUTORE:
Nemo

...vai pure da dove son venuti loro che...qui son cosi agevolati. Vai dalla parte opposta del deserto e li il tiket, anche gli Italiani non lo pagano.

22/3/2019 - 15:40

AUTORE:
Nessuno

Ho visto un cittadino italiano pagare 140 €uro di tiket per esami clinici.
Ho visto un immigrato non pagare nulla.......

21/3/2019 - 23:31

AUTORE:
Osservatore 1

Questa cifra è 490.000 (quattrocentonovantamila).

Questa è 49 (quarantanove).

Se per te gli zeri non contano nulla, il n° 49 non cambia e hai ragione; dal tuo punto di vista però!

21/3/2019 - 23:16

AUTORE:
LdB

Quello che ha fatto Minniti va bene perché, dice Osservatore 1, fu fatto per salvare l' Italia.
Anche Salvini dice che lo fa per salvare il suo Paese. Quindi se non esiste differenza perché tante polemiche ?
L'unica cosa certa è che i migranti continueranno a partire e a morire. In un campo di concentramento o in mezzo al mare.
E il 26 maggio l'ipocrisia Europea si autocelebra.

21/3/2019 - 17:37

AUTORE:
Osservatore 1

....fu fatto per salvare l'Italia dalla completa capitolazione. Due navi al giorno, quattordici a settimana, sessanta al mese, settecentotrenta l'anno che scaricavano senza una meta precisa i migranti sulle nostre coste non erano sopportabili ed a tutto c'è un limite come disse Mauro.

21/3/2019 - 11:55

AUTORE:
LdB..

Il sig. Turani dà, giustamente, il merito della diminuizione degli sbarchi dei migranti all' ex ministro Minniti. Ma lo sa il sig. Turani cosa avviene in Libia ? I " disperati " sono tenuti in veri e propri campi di concentramento, dove violenze e abusi sono prassi quotidiana. E questo avviene perchè vari governi europei, tra cui il nostro, foraggiano i libici, loro stessi trafficanti di persone, affinchè non partano barconi dai loro porti.
A questo è dovuto, principalmente, il perchè della diminuzione degli sbarchi da noi. Ci fa sentire meglio ? Io non credo, ma, come si dice..." lontano dagli occhi, lontano dal cuore ", e nella definizione " utili idioti " ci siamo dentro tutti, lei compreso.
Resta da dire che degli immigrati abbiamo bisogno, più di quanto si creda, altrimenti senza forza lavoro il nostro stato sociale, così come lo conosciamo oggi, ce lo possiamo scordare. Quasi vent'anni di crescita zero, nel prossimo futuro si faranno sentire.

21/3/2019 - 9:23

AUTORE:
Asdrubale

...."chi viene in Italia mi dia garanzie di onestà, serietà, grande disponibilità ad integrarsi e a rispettare la nostra cultura senza alcuna pretesa di modificare le nostre tradizioni culturali e religiose al loro modo di vita."

Gentile Annibale, ma le garanzie di onestà, serietà, e disponibilità ad integrarsi...ecc dovremmo chiederlo prima agli Italiani, che non sono certo il fiore all'occhiello d'Europa e nel mondo in queste virtù di civiltà.
Il nostro Ministro dell'Interno pontifica: prima gli italiani... ecco
se si vuole in casa nostra ospiti che non ci "rubano le posate", sarebbe logico che i "padroni di casa" siano almeno credibili con se stessi.

20/3/2019 - 16:56

AUTORE:
Osservatore 1

La fuga dal lavoro manuale della terra avvenne con l'arrivo dei trattori e delle mietitrebbie.
Milioni di contadini emigrarono nelle città.
Fabbriche, servizi e lavori statali maanche dentisti piloti, e venditori/ aggiustatori di automobili che prima non esistevano.
Per esperienza diretta bisognava adeguarci subito alla "loro religione" lavorare la metà e pretendere il doppio di stipendio, come loro, i nativi di città e tutto quel che ne conseguiva in adeguamento.
Fu una ricchezza per tutti e se non fosse avvenuta quella migrazione, ora più di metà popolazione Italiana o era già morta di fame o ci avveniva come "laggiù" dove fuggono per fame.

20/3/2019 - 15:26

AUTORE:
ANNIBALE

Perché dobbiamo continuare a farci prendere per i fondelli da personaggi illustri (?) che hanno la possibilità di scrivere e pontificare senza essere valutati?.
Dice con vanto Giuseppe Turani “chi ha ridotto gli sbarchi del 90%?” Minniti, bene, peccato che il PD non abbia capito che era l'unico politico di sinistra con un minimo di capacità gestionale che doveva essere tutelato ed assecondato.
Grande bufala affermare che i fan di Salvini sognano un’immigrazione zero e la chiusura totale delle frontiere. Non è così, e turlupinare la gente con queste false, ripeto false, argomentazioni fa parte di un giornalismo inattendibile ed almeno per me inaccettabile. Quando il sig. Giuseppe Turani aggiunge, “perché i fan di Salvini capiscano, che l’Italia nel prossimo mezzo secolo ha bisogno di almeno 12-13 milioni di immigrati. L’immigrazione zero che lui propaganda, senza essere capace di ottenerla, è quindi la bestialità del secolo” spara cavolate a beneficio di una sinistra credulona ed assatanata di vendetta nei confronti della Lega.
Se Minniti ha ridotto gli sbarchi del 90% è stato un ministro con gli attributi, se Salvini riesce ad ottenere gli stessi o migliori risultati di Minniti è un ministro razzista privo di sentimenti umanitari.
Ma ci rendiamo conto di cosa si tenta di somministrare agli italiani?.
Forse sarebbe bene capire chi è un apolide, migrante/immigrato, immigrato regolare/irregolare, clandestino, profugo profugo/interno, rifugiato, richiedente asilo, beneficiario di protezione umanitaria, protezione sussidiaria.
Non credo personalmente che l'illustre scrittore abbia ben chiaro tutte queste differenze.
Gli italiani sono un popolo ospitale e disponibile nei confronti di chi ha realmente bisogno di protezione. Se per incrementare la popolazione, evito accuratamente di dire la nostra razza, abbiamo bisogno di 12-13 milioni di immigrati gradirei ardentemente che chi viene in Italia mi dia garanzie di onestà, serietà, grande disponibilità ad integrarsi e a rispettare la nostra cultura senza alcuna pretesa di modificare le nostre tradizioni culturali e religiose al loro modo di vita.
Non posso accettare che venga tolto il crocifisso dalle aule delle scuole o non fare il presepe o non cantare le canzoni di Natale o non fare lezioni di musica nelle scuole perché “disturba” alcune famiglie di etnia e religione non cattolica.
Accettare questi condizionamenti significa rinunciare alle propria identità di popolo sovrano.