none_o

Evoluzione del volto umano: i 'residui ancestrali' dell' uomo moderno
Un precedente articolo sulla evoluzione del volto umano ha prodotto, in alcuni lettori, alcuni legittimi interrogativi che mi sembra opportuno riprendere per chiarirli con opportune osservazioni, cercando di rispondere e sviluppare alcuni aspetti...

ASBUC Migliarino
none_a
ARPAT Toscana
none_a
Conad City e Pubblica Assistenza di Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Ho bell inteso, forse per pesca le seppie a fine ottobre .....
. . . . la graduatoria. .
Fanno le cose perbene e .....
O uno ma mi vorresti di che hanno già fatto la graduatoria .....
Per chi non lo sapesse, da martedi il comune comincerà .....
none_a
Agrifiera, 27 e 30 aprile
none_a
Calci, 3 maggio
none_a
Pontasserchio, 24 aprile
none_a
di Bernard Dika
none_a
“Cene a teatro”
none_a
Bagno Gorgona e Fortino, 4 maggio
none_a
Vecchiano, 26 aprile
none_a
ASD PISA BOCCE
none_a
PISA OVEST
none_a
CAMPIONI D’ITALIA!!! #W8NDERFUL!!!
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
Parco delle Alpi Apuane
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
San Giuliano Terme
La "Prima" di MusikArte a Villa Poschi

24/3/2019 - 15:01


Inaugurato nella splendida cornice di Villa Poschi il VI Festival Internazionale MusikArte.


A introdurre i temi e le eccezionali novità sono stati gli organizzatori della manifestazione, ormai pervenuta ad una notorietà di livello nazionale, le associazioni Fanny Mendelssohn, con la direttrice artistica Sandra Landini, Dimore Storiche, con il vice presidente per la Toscana Agostino Agostini, La Voce del Serchio con il presidente Sandro Petri, RossiStewart con Giuseppina Salemi.


Nutritissima la presenza istituzionale, dal Sindaco di San Giuliano Sergio Di Maio, che ha inaugurato materialmente quella che è stata definita una grande opera per la cultura e il turismo del territorio, agli assessori Paolo Pesciatini di Pisa e Anna Lupetti di Calci, come anche quella degli sponsor,  dal direttore di Confcommercio Pisa Federico Pieragnoli, a Piero Lomi della Sezione Soci di Unicoop Firenze e tanti altri, da Fondazione Pisa a Banca di Lajatico, a Mercatopoli, che contribuiscono, insieme con le amministrazioni comunali, a rendere possibile far vivere questo gioiello della cultura.


E poi finalmente è stato il momento della protagonista, la musica.


In una sala gremitissima e raccolta, già dalle prime battute Linda Hedlund e Claude Hauri  hanno dimostrato immediatamente il loro altissimo grado di professionalità e bravura soprattutto nell' interpretazione della Sonata di Do maggiore di Ravel, dove si sono dimostrati fini cesellatori del fraseggio e delle sonorità, il tutto supportato da una forte e costante  intesa interpretativa.


Molto raffinata l' esecuzione  delle altre composizioni in programma che hanno confermato lo straordinario talento di questi artisti .


Al termine, applausi prolungati ed entusiasti, a rimarcare l'assoluta qualità di un appuntamento unico.


Per concludere con gusto la serata, il ristorante Le Arcate di Villa Poschi ha offerto una degustazione molto gradita.


E già ci si proietta al prossimo concerto, il 29 marzo, presso l'Hotel Bagni di Pisa di San Giuliano, un'altra perla dell'architettura e della storia di questo fantastico territorio.


Gli organizzatori ricordano l'assoluta necessità di prenotare per questo e gli altri concerti, per i quali è sempre previsto il tutto esaurito.

 

Foto di Sonia Golemme

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




25/3/2019 - 9:57

AUTORE:
Ladygodiva

La serata è stata piacevolmente attraente come di consueto, l'ambientazione la bravura dei musicisti e la ricchezza della degustazione è diventata ormai una garanzia...la Sonata in Do maggiore per violino e violoncello di Ravel mi ha lasciata perplessa, come del resto ci aveva annunciato Claud Hauri nella sua simpatica spiegazione, e devo dire che è andata oltre le mie aspettative perché nell'esecuzione del brano mi sembrava di cogliere i bronci le pacificazioni le rinunce gli scontenti i riavvicinamenti le punzecchiature le battutine le divisioni le riconciliazioni i disaccordi e gli accomodamenti quotidiani "del gatto e della volpe" che ci perseguitano senza sosta giorno dopo giorno...e l'emozione, quella vera, è arrivata nella seconda parte!