none_o

 
 
 

Una conversazione con il filosofo Sebastiano Maffettone riscritta in forma di lettera. Il Coronavirus ha aumentato la consapevolezza della nostra fragilità. L’idea della vulnerabilità e della morte dell’intera umanità è distruttiva, ma può farci recuperare l’idea che siamo esseri umani che appartengono alla stessa specie.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Angori Sindaco-Questa mattina un evento tragico a Marina di Vecchiano
none_a
Notizie dal Comune
none_a
Mettetevela la mascherina, magari esteticamente ci .....
Il negazionismo di alcuni politici è assimilabile .....
. . . . . . . . . . . . . per interesse fazioso o .....
A parte che in questo momento le cuffie sono uno strumento .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Festival MusikArte
Splendida esibizione di un duo tra i migliori al mondo nella bomboniera di Villa Rita

7/4/2019 - 15:41

 
Di fronte al consueto folto e appassionato pubblico del Festival si è tenuto il terzo concerto di una rassegna che sta dimostrando sempre più di poter crescere in un contesto unico.

Merito di chi sapientemente sa offrire esperienze ed emozioni che uniscono le qualità musicali di esecutori straordinari alla storia, alle bellezze e alle eccellenze del territorio, curate da una efficace comunicazione, da Fanny Mendelssohn, a Dimore Storiche, alla Voce del Serchio, a RossiStewart. 

Non ha fatto eccezione l'evento di Villa Rita ad Uliveto Terme.

Ad apertura della serata Valentina Bertini Assessore alle politiche sociali e pari opportunità ha portato i saluti del Comune di Vicopisano, mentre Rita Cilotti, proprietaria della Villa, ha descritto alcune delle particolarità del bellissimo ambiente.

Poi l'attenzione è stata tutta per la musica, con la pianista Teresa Kaban  che ha dimostrato da subito la sua predilezione per Chopin.

Particolarmente sentita e stata l'esecuzione della Fantasia Improvviso op.66 e della Polacca op.53 dove la pianista ha dato sfoggio del suo raffinato gusto musicale facendo emergere ogni singola nota senza mai tralasciare il filo conduttore.


Veramente interessante l' esecuzione dei  brani di Dobrzynski e Wieniawski magistralmente  eseguiti in duo con il flautista Henryk Blazej artista quest'ultimo che ha dimostrato  una cura del suono e del fraseggio supportata da una forte personalità musicale.

Grandi applausi e richiestissimi i bis, completati a tarda sera, per i pochi rimasti, da una scatenata mini esibizione pianistica a quattro mani.

Non è stata da meno la degustazione che ha chiuso la serata, con due grandi interpreti delle produzioni del territorio, Tiziana Sani della Fattoria Uccelliera di Lorenzana, che ha proposto il ventaglio completo della sua produzione vinicola, con la quale sta conquistando molti mercati esteri, e Stefano Busti, punto di riferimento per una straordinaria offerta di formaggi di qualità, in grado di esaltare le caratteristiche locali.


Una nota speciale ha aumentato la soddisfazione degli organizzatori.

Si è parlato spesso di come il Festival abbia ormai superato i confini regionali, ma per la prima volta ci sono stati spettatori dall'estero.

Due ragazzi di Zurigo, venuti a conoscenza dei concerti, hanno voluto essere presenti, assicurando per l'anno prossimo di tornare a Pisa in questo periodo per ripetere l'esperienza. Che è unica, si sa!

Prossimo appuntamento il 13 aprile al Palazzo dei Dodici.

Purtroppo, come già riportato in diverse occasioni, questo concerto molto particolare ha i posti totalmente esauriti. 


  


  

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: