none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Caro sig. Gio' la facevo migliore. E invece è solo .....
Hai ragione, sono un bischero a confondermi ancora .....
IDV Toscana
none_a
di David Barontini portavoce M5S di Cascina
none_a
Il nostro é un ordinamento garantista non giustizialista
none_a
“Magari che ci metta lo zampino il coronavirus…”
none_a
Umberto Mosso‎ #SEMPREAVANTI Pistoia e provincia.
none_a
di Renzo Moschini, ex parlamentare
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Calci
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
Libreria la Feltrinelli
Due giorni con Gramsci, a Pisa: un dibattito e uno spettacolo teatrale

9/4/2019 - 15:05

Due giorni con Gramsci, a Pisa:
un dibattito e uno spettacolo teatrale
 
Due appuntamenti per discutere e riflettere a partire dalla figura di Antonio Gramsci. Si svolgeranno giovedì e venerdì prossimi a Pisa. La due giorni è promossa da Teatro Rossi Aperto, CGIL Pisa e CGIL Toscana, ANPI Pisa, ARCI Pisa, Istituto Gramsci Toscano e dal collettivo fiorentino di promozione di iniziative culturali I Commissari del Popolo.
Il professor Angelo d’Orsi, allievo di Norberto Bobbio e ordinario di Storia del pensiero politico all’Università di Torino, presenterà il suo ultimo libro su Gramsci e sarà protagonista di uno spettacolo teatrale che ripercorrerà la vita e il pensiero dell’intellettuale comunista.
 
Il primo incontro si svolgerà alla Libreria la Feltrinelli, in Corso Italia 50, giovedì prossimo (11 aprile) alle ore 17,00 e sarà l’occasione per discutere di “Lavoro, cultura e popolo: inattualità e necessità di Gramsci” a partire dall’ultimo libro di Angelo d’Orsi Gramsci. Una nuova biografia (Feltrinelli, 2018). Con d’Orsi interverranno Maurizio Brotini, Segretario della CGIL Toscana e Fabio Dei, docente di Antropologia culturale all’Università di Pisa. Coordinerà il dibattito Dario Danti, insegnante del Liceo “Dini” di Pisa.
 
Il secondo appuntamento si svolgerà al Teatro Rossi Aperto, via del Collegio Ricci n.1, venerdì (12 aprile) alle ore 21,30. Si tratta di uno spettacolo teatrale “Un Gramsci mai visto. Il pensatore rivoluzionario fra teatro, musica e poesia” ideato da Angelo d’Orsi e da “I Commissari del Popolo”, interpretato dallo stesso d’Orsi con le musiche de “La Serpe d’Oro”. Dalla Sardegna a Torino, dalla Russia al ritorno in Italia fino al carcere, con la stesura dei Quaderni e delle Lettere, lo spettacolo passa in rassegna le vicende, gli incontri e i pensieri di Antonio Gramsci, sempre arricchiti da musica e canto.
 
_____________________________________________________
 
SCHEDE DELLE DUE INIZIATIVE
 
Lavoro, cultura e popolo: inattualità e necessità di Gramsci
 
Pisa, giovedì 11 aprile 2019, ore 17:00, presso la libreria laFeltrinelli (corso Italia n. 50).
Intervengono: Angelo d’Orsi, autore, Università di Torino, Maurizio Brotini, Segreteria CGIL Toscana, Fabio Dei, Università di Pisa. Coordina: Dario Danti, insegnante.
 
Nell’occasione sarà rappresentato il libro Gramsci. Una nuova biografia di Angelo d’Orsi, Feltrinelli, 2018.
 
Angelo d’Orsi: allievo di Norberto Bobbio e Ordinario di Storia del pensiero politico all'Università di Torino. Autore di oltre trenta volumi, di centinaia di saggi e articoli. Da anni studia la vita e il pensiero di Antonio Gramsci: il suo ultimo libro è “Gramsci. Una nuova biografia”. Dirige la Bibliografia Gramsciana Ragionata (Viella, 2008), “Historia Magistra”, rivista di storia critica, e “Gramsciana”, rivista internazionale di studi su Antonio Gramsci.
 
Maurizio Brotini: membro della Segreteria di CGIL Toscana e del Direttivo Nazionale della CGIL, con incarichi, fra gli altri, sulle politiche per la cultura, l'istruzione, l'immigrazione, i diritti di cittadinanza e la legalità.
 
Fabio Dei: insegna Antropologia culturale all'Università di Pisa. Tra i suoi libri più recenti, "Antropologia della cultura materiale" (con P. Meloni, Carocci, 2015) e, per Il Mulino, "Antropologia culturale" (2016) e "Cultura popolare in Italia. Da Gramsci all'Unesco" (2018).
 
Dario Danti: insegnante di storia e filosofia presso il Liceo Scientifico Statale “U. Dini” di Pisa.
______________________
 
Un Gramsci mai visto
Il pensatore rivoluzionario fra teatro, musica e poesia
 
Pisa, venerdì 12 aprile, ore 21:30, Teatro Rossi Aperto (via del Collegio Ricci n. 1)
Spettacolo teatrale ideato dai Commissari del Popolo e Angelo d’Orsi
 
Angelo d’Orsi, autore e interprete
Musiche a cura de “La Serpe d’Oro”
 
Perché uno spettacolo su Gramsci? E perché no!?
In tempi come questi, in cui tutti noi abbiamo bisogno di una bussola per uscire da questa lunga “notte della repubblica”, è ora di riscoprire le parole, le idee e gli insegnamenti di questo straordinario personaggio: l’educatore, il militante rivoluzionario, il dirigente politico, il pensatore a tutto campo.
Lo spettacolo serve proprio a questo: far conoscere e apprezzare Antonio Gramsci al di fuori delle cerchie specialistiche.
Niente di meglio, dunque, di una narrazione teatrale, che vede Angelo d’Orsi, autore del recente volume Gramsci. Una nuova biografia (Feltrinelli, 2018), che racconta Gramsci in prima persona, in cinque appassionanti monologhi, intervallati da momenti di musica e canti popolari di lotta interpretati dal gruppo La Serpe d’Oro, in un puntuale contrappunto tra parole e suoni, sospeso tra evocazione e filologia.
Dalla Sardegna a Torino, dalla Russia al ritorno in Italia fino al carcere, con la stesura dei Quaderni e delle Lettere, seguiremo le vicende, gli incontri e i pensieri di Antonio, sempre arricchiti da musica e canto.
 
 
Angelo d’Orsi: è stato allievo di Norberto Bobbio e Ordinario di Storia del pensiero politico all'Università di Torino. Oltre alla storia delle idee e delle culture e dei gruppi intellettuali, si dedica a questioni di metodologia e di storia della storiografia. È autore di oltre trenta volumi, di centinaia di saggi e articoli. Da anni studia la vita e il pensiero di Antonio Gramsci: il suo ultimo libro è Gramsci. Una nuova biografia (Feltrinelli, 2018). Dirige la Bibliografia Gramsciana Ragionata (Viella, 2008), “Historia Magistra”, rivista di storia critica, e “Gramsciana”, rivista internazionale di studi su Antonio Gramsci.
 
La Serpe d’Oro: fondato nel 2013, il gruppo si dedica alla canzone popolare toscana, in una prospettiva di dialogo tra la riscoperta e vivificazione del repertorio. Del 2017 è il disco d’esordio, Toscani randagi, che contribuisce, unitamente all’instancabile attività da vivo tra osterie, piazze e teatri, nel consolidare la fama del gruppo a livello regionale e non solo. Del 2017 è anche il debutto scenico con il recital Maledetta Toscana, realizzato con la supervisione di Giacomo Verde e il supporto di Arca Azzurra Teatro. Formazione: Andrea Del Testa - mandolino, voce; Jacopo Crezzini - contrabbasso, voce; Pamela Larese - voce, fisarmonica; Igor Vazzaz - voce, chitarre, ghironda
 
I Commissari del Popolo: collettivo fiorentino di recentissima costituzione, propone iniziative culturali sui temi della storia, della filosofia e dell’arte, è attualmente impegnato a portare lo spettacolo “Un Gramsci mai visto” ovunque sia possibile replicarlo.
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: