none_o

Con l’introduzione dei mini bond, comincia a chiarirsi la strategia economica della lega per il futuro del paese.
L’Idea è quella di liquidare i crediti di imposta con titoli di credito, senza scadenza e interessi, invece che in valuta reale, cioè appioppare ai creditori, carta straccia, al posto del dovuto, in pratica trasferendo il debito dallo stato ai privati...

Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Le ragazze della squadra azzurra, ai mondiali in Francia, .....
Nel disegno dell'architetto Donati commissionato dalla .....
Sulla pista ciclabile aggiungo che finisce nel nulla, .....
Pisa, 21 giugno
none_a
San Giuliano Terme, 30 giugno
none_a
Pisa, 19 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
Prossima gita in bici della Fiab
none_a
Pontasserchio
none_a
Libero Culto
none_a
ARCI Migliarino- 15 giugno
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Il c.t. Bertolini: "Difesa top"
none_a
Val di Serchio
none_a
«Come fa a essere italiana?»
none_a
Trofeo di S. Ubaldo di Petanque
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Matteo Renzi:
“Luigi Di Maio è un uomo ridicolo, questo è il governo della recessione”

10/4/2019 - 14:26

Matteo Renzi: “Luigi Di Maio è un uomo ridicolo, questo è il governo della recessione”

 Ieri sera, dopo l’approvazione da parte del governo del Documento di economia e finanza, Matteo Renzi ha fortemente criticato la maggioranza: “Sul Def le chiacchiere stanno a zero. Vanno giù Pil e posti di lavoro. Vanno su le tasse e il debito. Perché noi eravamo la crescita, loro sono la recessione”.

L'ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi, torna a scagliarsi contro il governo. Ieri sera, dopo l'approvazione del Documento di economia e finanza, il senatore del Partito Democratico ha fortemente criticato l'attuale esecutivo con un lungo post su Facebook: "C'è un'immagine che adesso andrebbe recuperata – scrive Renzi – Di Maio che si affaccia dal balcone di Palazzo Chigi, la tragedia di un uomo ridicolo.

Nel giro di sei mesi hanno sfasciato i conti, abolito la crescita, bloccato la ripresa. Oggi, mogio mogio, lo stesso Di Maio non si affaccia nemmeno in sala stampa e cancella persino la TV". L'ex premier richiama la famosa foto del balcone di Palazzo Chigi, quando Luigi Di Maio esultò con gli altri ministri grillini per aver approvato un Def criticato da molti, con il vicepremier pentastellato che nei giorni successivi attaccò gli esecutivi precedenti guidati dal Pd, definendoli "gli aguzzini del popolo italiano".

 Oggi invece, scrive ancora il senatore fiorentino, "sua Maestà la Realtà fa irruzione nella storia del Governo del Cambiamento e mette a nudo l'incompetenza dei populisti. Ciò che stanotte è chiaro agli addetti ai lavori sarà nei prossimi mesi chiaro anche a tutti i cittadini". L'ex premier si riferisce al cambio di previsioni effettuato dal governo nel Def approvato ieri che, rispetto ai mesi scorsi, ha visto sensibilmente ridimensionate le stime di crescita.

La crescita del Pil ora è fissata allo 0,2% nel 2019 e allo 0,8% nei tre anni successivi, un passo indietro più che annunciato rispetto all'1% stimato a dicembre, mentre aumenterà anche il debito pubblico, passando dal 132,2% del Pil al 132,7%. Il commento di Matteo Renzi continua su Twitter, dove scrive: "Sul Def le chiacchiere stanno a zero. Vanno giù Pil e posti di lavoro. Vanno su le tasse e il debito".

 Infine, conclude ancora Matteo Renzi su Facebook, "ci aspettano mesi difficili. Siamo fuori da tutti i tavoli internazionali, dalla Libia alla Brexit. Ci aumenteranno le tasse. Allacciamoci le cinture. Poi, come al solito, toccherà a noi rimediare ai loro danni. E ricostruire tra le loro macerie. Perché noi eravamo la crescita, loro sono la recessione".

 

Fonte: Tommaso Coluzzi
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: