none_o

 
 
 

Una conversazione con il filosofo Sebastiano Maffettone riscritta in forma di lettera. Il Coronavirus ha aumentato la consapevolezza della nostra fragilità. L’idea della vulnerabilità e della morte dell’intera umanità è distruttiva, ma può farci recuperare l’idea che siamo esseri umani che appartengono alla stessa specie.

Ultimo. . . sei il meglio! Poi mi domando come fa un .....
. . . . . . . . . . . . Noi siamo velli di BONA UGO .....
COMUNICATO STAMPA FORUM TOSCANO
REGIONE TOSCANA. .....
Mettetevela la mascherina, magari esteticamente ci .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Matteo Renzi:
“Luigi Di Maio è un uomo ridicolo, questo è il governo della recessione”

10/4/2019 - 14:26

Matteo Renzi: “Luigi Di Maio è un uomo ridicolo, questo è il governo della recessione”

 Ieri sera, dopo l’approvazione da parte del governo del Documento di economia e finanza, Matteo Renzi ha fortemente criticato la maggioranza: “Sul Def le chiacchiere stanno a zero. Vanno giù Pil e posti di lavoro. Vanno su le tasse e il debito. Perché noi eravamo la crescita, loro sono la recessione”.

L'ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi, torna a scagliarsi contro il governo. Ieri sera, dopo l'approvazione del Documento di economia e finanza, il senatore del Partito Democratico ha fortemente criticato l'attuale esecutivo con un lungo post su Facebook: "C'è un'immagine che adesso andrebbe recuperata – scrive Renzi – Di Maio che si affaccia dal balcone di Palazzo Chigi, la tragedia di un uomo ridicolo.

Nel giro di sei mesi hanno sfasciato i conti, abolito la crescita, bloccato la ripresa. Oggi, mogio mogio, lo stesso Di Maio non si affaccia nemmeno in sala stampa e cancella persino la TV". L'ex premier richiama la famosa foto del balcone di Palazzo Chigi, quando Luigi Di Maio esultò con gli altri ministri grillini per aver approvato un Def criticato da molti, con il vicepremier pentastellato che nei giorni successivi attaccò gli esecutivi precedenti guidati dal Pd, definendoli "gli aguzzini del popolo italiano".

 Oggi invece, scrive ancora il senatore fiorentino, "sua Maestà la Realtà fa irruzione nella storia del Governo del Cambiamento e mette a nudo l'incompetenza dei populisti. Ciò che stanotte è chiaro agli addetti ai lavori sarà nei prossimi mesi chiaro anche a tutti i cittadini". L'ex premier si riferisce al cambio di previsioni effettuato dal governo nel Def approvato ieri che, rispetto ai mesi scorsi, ha visto sensibilmente ridimensionate le stime di crescita.

La crescita del Pil ora è fissata allo 0,2% nel 2019 e allo 0,8% nei tre anni successivi, un passo indietro più che annunciato rispetto all'1% stimato a dicembre, mentre aumenterà anche il debito pubblico, passando dal 132,2% del Pil al 132,7%. Il commento di Matteo Renzi continua su Twitter, dove scrive: "Sul Def le chiacchiere stanno a zero. Vanno giù Pil e posti di lavoro. Vanno su le tasse e il debito".

 Infine, conclude ancora Matteo Renzi su Facebook, "ci aspettano mesi difficili. Siamo fuori da tutti i tavoli internazionali, dalla Libia alla Brexit. Ci aumenteranno le tasse. Allacciamoci le cinture. Poi, come al solito, toccherà a noi rimediare ai loro danni. E ricostruire tra le loro macerie. Perché noi eravamo la crescita, loro sono la recessione".

 

Fonte: Tommaso Coluzzi
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: