none_o

 
Si chiama Tappeto del mondo ed è il frutto del lavoro di tantissime donne che hanno aderito all'iniziativa dell'associazione i Colori della Pace di Stazzema, ovvero realizzare un tappeto coloratissimo. 

Si!
Certo che la mossa del cavallo di Enzo Rametti, .....
qualcuno sara' indottrinato ma lei e vicino al sacerdozio .....
Proibito ogni contraddittorio . Viva la demokrazia. .....
Il mio professore di filosofia ci diceva che l'ignoranza .....
Solidarietà
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
Parco Regionale MSRM
I Guardiaparco bloccano due cacciatori di frodo

13/4/2019 - 13:45

I Guardiaparco bloccano due cacciatori di frodo

Per i due bracconieri procedimento penale e sequestro di fucili, munizioni e selvaggina

I Guardiaparco del Corpo di vigilanza del Parco Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli hanno colto in flagrante due bracconieri a caccia di frodo nella palude del lago di Massaciuccoli. Si tratta di un 57enne residente a Torre del Lago e di un 63enne residente a Massarosa, molto conosciuti nell’ambiente venatorio, sorpresi a caccia degli anatidi che in questo periodo primaverile migrano verso il nord Europa. Decisivo, dopo l'attività di indagine e di monitoraggio, è stato l'appostamento all'alba nella torretta di avvistamento antincendio posizionata in prossimità della riserva integrale di Punta Grande.

Gli ufficiali hanno posto sotto sequestro un fucile semiautomatico calibro 12, un fucile a pompa calibro 12, un registratore con altoparlante per il richiamo degli uccelli, diverse munizioni del tipo “subsound” utilizzabili anche per armi silenziate, e diversi anatidi abbattuti, tra cui marzaiole e mestoloni. I due cacciatori utilizzavano strumenti non consentiti dalla legge da trent’anni, come registratori per il richiamo degli uccelli e munizioni in piombo non consentite nella zona di protezione speciae del Massaciuccoli. Sono stati denunciati per l’esercizio venatorio in periodo di chiusura generale e i relativi provvedimenti sono stati inviati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lucca per gli adempimenti di competenza. Adesso li aspetta il procedimento penale.

L’area del Massaciuccoli ricade nel territorio del Parco Regionale e la caccia è consentita nell'area contigua, mentre l’area palustre è sottoposta a vincolo paesaggistico per la conservazione e tutela dell'avifauna, come da decreto ministeriale confermato dalla Comunità Europea.



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: