none_o

 

La ricostruzione e il racconto con tanti ricordi, la rivolta dell'acqua questa volta non portatrice di vita ma di morte. Il pianto di una Nazione e..."al posto del campanile una scala a chiocciola", quella di Giovanni Michelucci.
 

Officine di Comunità
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Continui pure su questa strada, speriamo che la porti .....
Macron insegna! in Francia ha battuto la destra e quando .....
Penso che se il Partito Democratico non uscirà dalla .....
Non cià (senza la "h") capito niente vero? e come .....
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Libri ed altro.
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
Libri ed altro
Le emozioni letterarie di Lily

18/4/2019 - 21:44


 
Spesso la settima arte o più semplicemente il cinema può riassumere momenti della tua vita. Folgorarti come sulla via di Damasco …

Un giorno ti soffermi pensierosa su ciò che hai visto e pensi che è tutta lì la tua vita. In sprazzi di luce, suoni ed immagini che ti passano davanti in una sera qualunque, in un momento che non è qualunque. È unico. Il primo segnale, neanche troppo mascherato, è arrivato da mia figlia. Lady Bird. Io e lei. Io e mia madre. A ruoli alterni io sono Lady Bird e sua madre. Spostarsi da una parte all‘altra mi fa capire meglio chi sono stata e chi sono adesso. Una figlia alla disperata ricerca di attenzione e una madre alla disperata ricerca di non essere inghiottita dalla fatica di ogni giorno. Avrei voluto essere capita di più e vorrei soffermarmi a capire di più. Poi Jim Jarmouch, “Patterson“…

Negli anni  80 adoravo questo regista, oggi il ritmo lento di questo suo film mi fa sbuffare mentre mia figlia osserva attenta lo schermo apprezzandone la bellezza. Cambiamenti generazionali. Poi quello che sei stato o che hai amato esce comunque fuori da qualche luogo e ti soffermi sulle immagini allungando il respiro e l‘attenzione. Il mondo ti invade, il particolare diventa centro di vita. Si allunga il piacere del tempo rilassato e coinvolgente. Patterson non possiede il cellulare perché il mondo panico ha bisogno del tuo sguardo empatico, del tuo ascolto sorridente, dei tuoi gesti possessori di un senso e di una direzione umana. Di te immerso nella vita che scorre, vivida come acqua che scivola lenta sulla pelle. Non mi serve, al momento, altro per essere felice.

“Quando sei piccolo impari le misure di lunghezza e larghezza. Quando sei grande il tempo”.

 Ho tralasciato “Cicatrici“ un film serbo non ancora uscito ma di cui conosco la verità. Cuciture sono quelle che tutti noi abbiamo sull‘anima. Quelle che ci permettono di sopportare le sofferenze e gli abbandoni. Già gli abbandoni … La vita è costellata di abbandoni. Un amico che è diventato dolorosamente estraneo, persone con cui hai condiviso pezzi di vita che non si ricordano neanche più che cosa ti ha legato a loro. E poi c’è anche qualcuno che invece se lo ricorda benissimo anche quando si sta penosamente dimenticando tutto. Perché forse la sua anima ha avuto più cuciture degli altri… Lechaim.

 
 

  

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: