none_o

 
Si chiama Tappeto del mondo ed è il frutto del lavoro di tantissime donne che hanno aderito all'iniziativa dell'associazione i Colori della Pace di Stazzema, ovvero realizzare un tappeto coloratissimo. 

Si!
Certo che la mossa del cavallo di Enzo Rametti, .....
qualcuno sara' indottrinato ma lei e vicino al sacerdozio .....
Proibito ogni contraddittorio . Viva la demokrazia. .....
Il mio professore di filosofia ci diceva che l'ignoranza .....
Solidarietà
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
ANPI PROVINCIALE PISA
Il 25 aprile: diciamo no alla xenofobia ed al razzismo

19/4/2019 - 8:50

Il 25 aprile: diciamo no alla xenofobia ed al razzismo

 

All'insurrezione di Milano e di Torino del 25 aprile 1945 seguì, nei giorni successivi, la liberazionedel nord.

Ebbero fine la dittatura fascista e l'occupazione tedesca. L'Italia ritrovò l'unità perduta dopo l'8settembre del '43. Iniziò il percorso verso la Repubblica, verso la Costituzione, verso la democrazia.

Dal 1946, il 25 aprile è la "Festa della Liberazione". La più importante delle festività civili.

A Pisa, quest'anno, la dedichiamo al ricordo di Italo Bargagna, protagonista della Resistenza, Sindaco della Liberazione e della ricostruzione di una città devastata dalla guerra, membro dell'AssembleaCostituente, fondatore e Presidente provinciale dell'ANPI per 25 anni. Il 25 aprile dovrebbe essere la data in cui tutti ci riconosciamo. Il giorno sacro per tutti gli italiani.

Purtroppo dobbiamo assistere a manifestazioni che si caratterizzano con linguaggi, gesti, esposizioni disimboli esplicitamente fascisti. Ad una preoccupante intensificazione di atteggiamenti di xenofobia e di razzismo alimentati per miserevoli interessi elettorali. Dobbiamo assistere al tentativo di svilire il significato della Festa della Liberazione da parte di chi ha giurato sulla Costituzione ed avrebbe il dovere di tutelare i valori ed i principi su cui si fonda. Occorre l'impegno sinergico delle Istituzioni della Repubblica, delle forze associative, sindacali, politiche, di tutti coloro che hanno a cuore le sorti della democrazia per arginare questa deriva.

Prima chesia troppo tardi.

Bruno Possenti
19 aprile 2019
 
 

Fonte: -- ANPI PROVINCIALE PISA
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




26/4/2019 - 6:29

AUTORE:
Bernard Henry Levi

Grazie ai suoi caduti e al loro eroismo per aver dimostrato che l'agnello ebreo non sarebbe più stato sgozzato, che gli ebrei non sarebbero più stati trofei di caccia e carne da bruciare, e che era tempo per loro, spalla a spalla con i fratelli cristiani, di far sì che la libertà vincesse sull'inferno. Viva la Brigata ebraica, viva la libertà.

25/4/2019 - 23:08

AUTORE:
Abramo

..anche oggi la brigata partigiana ebraica di nuovo fischiata e contestata. I soliti antifascisti di maniera, tolleranti con i violenti che piacciono.