none_o

Riprendiamo con piacere la ricerca di storie e leggende del nostro territorio. Dopo Villa Alta e Ripafratta, approfondiamo questa volta i misteri dei fantasmi della Villa di Corliano.Sono numerose le ipotesi sui fenomeni paranormali che si manifesterebbero a Corliano; la  leggenda più conosciuta è quella del fantasma di Teresa Scolastica della Seta Gaetani Bocca che, secondo tradizione, si manifesterebbe solo nelle notti di luna piena...

Arpat Toscana
none_a
Alma Pisarum choir
none_a
Convocazione Assemblea ordinaria Soci
none_a
ARCI Migliarino-Sabato 18
none_a
Quando si mostra un simbolo, sia religioso che laico, .....
mostrare un rosario che la falce e il martello
Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori di questo .....
Ma perché un fate una bacheca e ci schiodate dentro .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
POSTE ITALIANE: a poste vita il PREMIO GOVERNANCE
di capital finance
none_a
A cura di Maini Riccardo
none_a
Libri ed altro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito .....
di Renzo Moschini
none_a
Dal 24 al 26 maggio
none_a
di Renzo Moschini
none_a
none_o
A cura di Leonardo Debbia-
Nel volto umano è scritta la storia dell'umanità

20/4/2019 - 11:47



Nel volto umano è scritta la storia dell'umanità
 
 
Guardati allo specchio! Il volto che vedi riflesso è il risultato di milioni di anni di evoluzione e riflette le caratteristiche più distintive, che utilizziamo per identificarci e riconoscerci.
  E' il risultato che si è plasmato secondo i nostri bisogni, legati al mangiare, al respirare, alla vista, alla comunicazione.
  Ma come si è evoluto nei millenni il volto che abbiamo, per arrivare a mostrarsi com' è oggi?
  Otto, tra i massimi esperti sull'evoluzione del volto umano, tra cui l' antropologo William Kimbel, direttore dell'Istituto delle origini umane presso l'Università dell'Arizona (ASU) e docente di Storia naturale e ambientale nella Scuola di Evoluzione umana e di Cambiamento sociale della Virginia M. Ullman Foundation, hanno svolto una ricerca i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Ecology & Evolution, raccontandoci una storia durata oltre quattro milioni di anni.
 
  Quando, all'incirca 4,5 milioni di anni fa, i nostri antenati assunsero la posizione eretta e iniziarono a camminare con un'andatura chiaramente bipede, la struttura scheletrica  dell'individuo era ormai ben formata.
  Gli arti e le dita erano diventati più o meno lunghi, ma si era sviluppata l'architettura funzionale della locomozione bipede.
  Sono, però, il cranio e i denti a fornire una ricca varietà di cambiamenti che possono essere rintracciati nel tempo, descrivendo la storia dell'evoluzione della nostra specie.
  I fattori primari della struttura mutevole del nostro viso includono un cervello in crescita e i necessari adattamenti alle esigenze respiratorie ed energetiche; ma soprattutto, i cambiamenti subentrati nella mascella, nei denti e nel viso hanno risposto ai cambiamenti nella dieta e nel comportamento alimentare.
  Riprendendo e riadattando il pensiero del filosofo tedesco Ludwig Feuerbach, “Siamo quello che mangiamo”. Siamo così come siamo in virtù dell'alimentazione che abbiamo seguito.
  Sicuramente la dieta ha svolto un ruolo essenziale, nel nostro percorso, per poter spiegare i cambiamenti evolutivi della forma del viso.
  I nostri primi antenati si nutrivano di cibi vegetali duri, che richiedevano muscoli forti e mascelle robuste per poter masticare. Le loro facce erano quindi larghe e prominenti, con ossa tozze, adattate alle inserzioni muscolari.
  Mentre l'ambiente mutava verso condizioni più asciutte e le grandi foreste iniziavano a diradarsi, specialmente negli ultimi due milioni di anni, le prime specie di Homo adottarono alcune abitudini adattative, come usare strumenti per ammorbidire gli alimenti o tagliare la carne.   Le mascelle e i denti cambiarono, avendo a che fare con nuove fonti di cibo, più facile da assumersi, e il viso divenne quindi gradualmente più delicato, acquistando un aspetto più appiattito e lineamenti più addolciti.
  Tuttavia, i cambiamenti del volto non furono dovuti solo a fattori puramente meccanici.
  Dopotutto, il volto umano svolge un ruolo molto importante nell'interazione sociale, quando si vogliano esprimere emozioni e comunicare con gli altri.
  Alcuni di questi cambiamenti furono senza dubbio guidati, perciò, dal contesto sociale, sfidati dall'ambiente e sempre più influenzati da fattori culturali.
  Con il trascorrere del tempo, la capacità di assumere diverse espressioni facciali servì a favorire la comunicazione non verbale.
  Le grandi sporgenze sopraccigliari sono tipiche di alcune specie estinte del nostro stesso genere Homo, come Homo erectus e l'Uomo di Neanderthal.
  Quali funzioni avranno giocato queste strutture nei cambiamenti adattativi del volto?
  Anche le grandi scimmie africane hanno forti arcate sopraccigliari, che i ricercatori ipotizzano  possano aiutare a comunicare dominio o aggressività.
  E' logico concludere che simili funzioni sociali abbiano influenzato la forma facciale dei nostri antenati e dei loro parenti estinti.
  Ovviamente, lungo il cammino evolutivo verso l'aspetto attuale della nostra specie, insieme ai denti canini grandi e affilati, sono andate perdute le pronunciate creste sopraccigliari, forse mentre evolvevamo per diventare meno aggressivi e più cooperativi nei contesti sociali.
  “Siamo un prodotto del nostro passato”, afferma Kimbel. “Comprendere il processo attraverso cui siamo diventati umani ci spinge a guardare alla nostra anatomia con un certa meraviglia e a  chiederci quali parti differenti della nostra anatomia ci raccontino meglio il percorso storico compiuto verso la modernità”.
 
 
 
                                                                                             
 

Fonte: Leonardo Debbia
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




22/4/2019 - 11:43

AUTORE:
giò

Sono d'accordo con quanto esposto, ma aggiungo che l'evoluzione funzionale a precise esigenze e adattamenti utili alla specie, non sono progressivi e ultimativi, in un crescendo inarrestabile ed una conquista definitiva di risultati definitivamente acquisiti....

intendo dire che ad ottimi risultati, possono sovrapporsi ulteriori sviluppi che portano fuori strada e comportano regressi improvvisi con ritracciamento e perdita di quanto ottenuto di buono, che comportano ripartente da livelli superati da tempo e riconquista affannosa delle posizioni perdute....

non è un caso che che i gruppi di ominidi conosciuti siano numerosi e inspiegabile il successo dell'homo sapiens sapiens, quando altri erano in vantaggio evolutivo evidente....

Su tutto domina il principio della varianza, ossia dell'introduzione progressiva di caratteri diversi e divergenti da quelli dominanti e maggiormente diffusi, che introducono ulteriori chanches e modelli evolutivi alternativi, utili a far fronte ad emergenze e cambiamenti repentini di paradigmi ambientali, con i quali la natura si attrezza a reagire alle nuove sfide, con soluzioni adeguate ....

La diversità intesa come strategia complessiva di vita, sistema di adattamento e progresso, carta fondamentale e risorsa insostituibile e preziosa se non esiziale per l'esistenza di ogni forma di vita....

20/4/2019 - 17:26

AUTORE:
Andalù

Sicuramente quanto è fin qui esposto non è frutto di immaginazione o fantasia ma il risultato di studi comprovati, tuttavia se ben si osservano le centinaia di migliaia di persone odierne si ritrovano nei tratti del viso ecc le caratteristiche che dovrebbero essere scomparse ormai da molto tempo...zigomi pronunciati arcate sopracciliari prominenti bazze e menti esageratamente sporgenti nasi camusi...e lì non c'è che l'imbarazzo della scelta, dentature vampiresche e animalesche espressioni bestiali e ferine, posture scimmiesche e infine comportamenti brutali e disumani...insomma si va dalle stelle alle stalle in un baleno...perciò mi chiedo se tutta questa lunghissima evoluzione c'è davvero stata oppure esiste qualche anello mancante o addirittura c'è stato qualche salto o distrazione nel processo evolutivo!