none_o

 
Si chiama Tappeto del mondo ed è il frutto del lavoro di tantissime donne che hanno aderito all'iniziativa dell'associazione i Colori della Pace di Stazzema, ovvero realizzare un tappeto coloratissimo. 

Si!
Certo che la mossa del cavallo di Enzo Rametti, .....
qualcuno sara' indottrinato ma lei e vicino al sacerdozio .....
Proibito ogni contraddittorio . Viva la demokrazia. .....
Il mio professore di filosofia ci diceva che l'ignoranza .....
Solidarietà
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
Una occasione mancata

21/4/2019 - 11:52

Una occasione mancata


Ha suscitato comprensibile sorpresa che i 30 anni di Federparchi, l’associazione rappresentativa dei parchi e delle aree protette –l’equivalente dell’ANCI per i comuni e dell’UPI per le province- siano stati liquidati con un brindisi tra pochi amici.
Tanto più che proprio in questi ultimi mesi per iniziativa del Gruppo di San Rossore e della Collana editoriale  dell’ETS sulle aree protette abbiamo dedicato un libro alla figura di Bino Li Calzi indimenticato e indimenticabile presidente del Parco dell’Etna e di Federparchi. Anche di Federparchi abbiamo così discusso alla Camera dei Deputati, alla Provincia di Pisa e a fine maggio lo faremo a Palermo.
E’ stata questa una bella occasione per una seria riflessione sulla allarmante situazione dei nostri parchi in crisi dai tempi della gestione Prestigiacomo da cui sta tentando faticosamente di uscire il ministro Costa dopo la stagione o meglio latitanza del ministro Galletti. Anche Federparchi da tempo non ha le carte in regola tanto che quando criticai qualche anno fa la sua sostanziale assenza da un dibattito che se la prese con la legge 394 anziché con una politica che se l’era messa sotto i piedi non rispettandola  e non attuandola. Per questa critica che mossi pubblicamente a Federparchi di cui ero stato tra i fondatori mi beccai addirittura un documento in cui fui definito nientepopodimeno che ‘traditore’.
Ecco questa Federparchi nel suo trentennale non trova di meglio che incontrare a cena 4° 5 amici avendo ignorato e disertato le iniziative dedicate a Li Calzi.
Noi continueremo ad incalzare, pungolare, Parlamento, governo, regioni, enti locali, ambientalismo perché tutti si ricordino che i parchi hanno bisogno di un presidente, un direttore, una personale adeguato e pure un bilancio con risorse indispensabili e soprattutto un piano.
Federparchi fu istituita anche per questo.

Fonte: Renzo Moschini
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: