none_o

Riprendiamo con piacere la ricerca di storie e leggende del nostro territorio. Dopo Villa Alta e Ripafratta, approfondiamo questa volta i misteri dei fantasmi della Villa di Corliano.Sono numerose le ipotesi sui fenomeni paranormali che si manifesterebbero a Corliano; la  leggenda più conosciuta è quella del fantasma di Teresa Scolastica della Seta Gaetani Bocca che, secondo tradizione, si manifesterebbe solo nelle notti di luna piena...

Arpat Toscana
none_a
Alma Pisarum choir
none_a
Convocazione Assemblea ordinaria Soci
none_a
ARCI Migliarino-Sabato 18
none_a
mostrare un rosario che la falce e il martello
Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori di questo .....
Ma perché un fate una bacheca e ci schiodate dentro .....
l'unica certezza è la sentenza che dice che il comune .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
POSTE ITALIANE: a poste vita il PREMIO GOVERNANCE
di capital finance
none_a
A cura di Maini Riccardo
none_a
Libri ed altro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito .....
di Renzo Moschini
none_a
Dal 24 al 26 maggio
none_a
di Renzo Moschini
none_a
none_o
A cura di Leonardo Debbia

24/4/2019 - 17:56

Evoluzione del volto umano: i 'residui ancestrali' dell' uomo moderno
 
Un precedente articolo sulla evoluzione del volto umano ha prodotto, in alcuni lettori, alcuni legittimi interrogativi che mi sembra opportuno riprendere per chiarirli con opportune osservazioni, cercando di rispondere e sviluppare alcuni aspetti.
  Qualcuno ha osservato che molte caratteristiche, sia fisiche che comportamentali, non sono affatto scomparse, ma che spesso possiamo ritrovarle, guardandoci attorno, in alcuni individui.
  Cominciamo col dire che la permanenza di questi caratteri è sporadica; interessa cioè degli individui singolarmente e in modo casuale. E questo ci può assicurare che, percentualmente, questi dati sono da considerarsi solo 'residui ancestrali'.
  In sostanza, dovrà passare ancora del tempo prima che scompaiano del tutto.

  Va sottolineato che esiste ancora l'errata convinzione che l'evoluzione sia stata un processo lineare, una sorta di staffetta di specie: una scompare e lascia il posto ad un'altra più evoluta e questo si ripete di tappa in tappa. Avanti così, dall' Australopithecus ad Homo abilis, da questi ad Homo erectus e avanti ancora finchè non si raggiunge l'Homo sapiens e l'uomo attuale.   
  Nella realtà, non è andata così, e le recenti scoperte, con fossili sparsi un po' ovunque nel mondo con specie diverse, lo dimostrano.
  In alcuni luoghi, specie diverse hanno convissuto per migliaia di anni.
  Oggi, gli antropologi, sulla base dei fossili rinvenuti, pensano un modello di evoluzione 'a cespuglio', cioè una ricerca continua di adattamenti, con cui le specie nascevano, cercavano il loro posto e molte, non adeguandosi ai cambiamenti, cessavano di esistere.
  Trattando poi dei caratteri fisici, c'è da chiedersi quanti ne sono rimasti oggi e quanti ne sono spariti. Prendiamo, ad esempio, il molare conosciuto come 'dente del giudizio': tanti individui, oggi, ne sono  sprovvisti. Dal punto di vista evolutivo, si tratta infatti di un carattere recessivo.
  Se prendiamo, invece, la capacità di cantare, si registra che negli umani moderni questa è aumentata. I nostri antenati non ne avevano necessità: emettevano suoni o fischi, e infatti i muscoli della laringe sono evolutivamente più giovani, ovviamente su una scala temporale ultramillenaria.
     
  Anche la capacità di comunicare è cambiata. L'allargamento del cranio ha fatto sì che le ossa si appiattissero, lasciando il compito all'osso sopraccigliare di svilupparsi e alle sopracciglia di potersi muovere per comunicare emozioni quali stupore, paura, timore.
  Il rimpicciolimento delle narici nei Sapiens è dovuto ai cambiamenti climatici e alle temperature divenute più fresche; mentre, laddove l'aria si manteneva più asciutta, nei deserti della fascia subequatoriale, quel carattere, essendo utile, permaneva.
  Tutte queste modifiche del volto hanno richiesto tempo. Centinaia di migliaia, milioni di anni.
  E allora... a questo punto. è lecito chiedersi come saremo tra migliaia di anni.
  Qualcuno ha provato ad immaginare crani più grandi (più capacità di comprensione), muscolature in diminuzione (meno lavori manuali), dentizioni modificate (cibi più diluiti o in pillole), corpi glabri e calvi, capacità visive, auditive, olfattive ridotte ecc. ecc.
  C'è di che sbizzarrirsi!
  Si entra, però, allora, in un campo dove la scienza lascia il posto alla fantasia.
 
 
 
                                                                                                 

Fonte: Leonardo Debbia
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




28/4/2019 - 9:13

AUTORE:
Lettore

Antonio Gramsci è sempre attualissimo anche dopo 82 anni dalla sua morte.

http://www.lavocedelserchio.it/vediarticolo.php?id=30321&page=0&t_a=82-anni-fa-moriva-antonio-gramsci-fondatore-del-partito-comunista-italiano-e-dell-unita

Cosi come Irene Tinagli ritorna alla politica dopo essere stata allontanata dal nostro Parlamento con una menzogna infamante ed il tutto per avere Ministre che credono nel rialzo del PIL causato dai condizionatori a tutto bordone e...l'altra del: quello lo dice lei a Pier Carlo Padoan e a Cottarelli; quindi si è "meritata" un avanzamento di carriere ministeriale.

ùhttp://www.lavocedelserchio.it/vediarticolo.php?id=30325&page=0&t_a=lascesa-dellincompetenza-in-politica

Ci vuole discernimento, sia nelle chiacchiere da bar come ho sentito li alla Casa del Popolo: la politica è una brutta cosa e dove entra rovina tutto: vedi il pallone...
Gesù di Nazaret faceva politica e quando scacciò dal Tempio "lorartri" non lo fece perchè si scaccolavano in pubblico.

De Gasperi, Nenni, Togliatti fecero la politica giusta per risollevare l'Italia dopo la guerra fascista e l'occupazione nazista.
Moro e Berlinguer si accordarono per far cessare le mille morti all'anno per mano delle br ed a Moro gli costò la vita far quella politica.

Poi nessuno può stabilire nel libero mondo nostro che non si può ascoltare la musica o che debba essere solo musica classica o che la lingua di Dante non possa subire giornalmente cambiamenti/aggiornamenti o che i cantori debbono esibirsi solo in quartine.
Bene i Luciano Taioli, Claudio Villa, il meraviglioso compositore/cantore Sergio Endrigo; ma poi son nati anche i Bitols&Rolli Stones; poi ancora son ritornati i Volo e... c'è posto per tutti; con più o meno invadenze.
Chi vivrà vedrà se la donna della foto n°8 recede e/o avanza verso la n°3.
Buon futuro!

27/4/2019 - 19:29

AUTORE:
uno stornellatore

È inusuale commentare un commento ad un commento che già commentato dalla redazione.
Il lettore ”troglodita” lamenta che un suo commento è stato in parte censurato e la redazione(?) commenta che gli “stornelli” che facevano parte dello scritto, non sono graditi al “giornale”…roba da sciocchi, snaturamento di una linea editoriale che si basa al 90% di chiacchere sterili di politica ripetuta allo stremo della sopportazione, non di allegra partecipazione!
Via le “frivolezze”e le “poesiole”, evviva la lotta di chi ha più sbrodolamento velenoso da versare sull’avversario (politico s’intende)!
Bel mi’ P_G.! non ti abbiamo perdonato la tua defezione dalla Voce, ma ora ti capiamo!
E noi che ci siamo camaleonticamente adattati alla foto del giorno (forse quel lavoro gratuito di tutti?) con i nostri stornelli, sempre diversi ogni volta, cosa siamo? Scribacchini di ultimo ordine?
Ma mi faccia il piacere…!

p.s cara redazione, facevate meglio a non far sapere niente, ma ormai è troppo tardi per rimediare!

27/4/2019 - 15:01

AUTORE:
Troglodita non evoluto

...infatti sono stato interrotto e solo adesso vedo che all'inizio c'è qualcosa che non va...potete correggere? grazie!
...Caro Leonardo, il tuo nome è di per sé storia, ti volevo ringraziare...

27/4/2019 - 9:07

AUTORE:
Evoluto troglodita

Carissimo Leonardo, il tuo nome che è di per sé storia, ti ho ringraziato per l'interesse che mi hai rivolto e ti ho risposto con gli stornelli tanto per scherzarci su ma evidentemente non sono stati graditi o capiti e non li hanno pubblicati.
Apprezzo molto e sempre lo studio e la passione degli scienziati e non di meno la divulgazione delle ricerche con relativi risultati perciò hai tutta la mia ammirazione...alla prossima!

Ndr, c'era solo l'intenzione di "non stornellare" su questo giornale anche le previsioni del tempo.
Con il dovuto rispetto per il lavoro gratuito di tutti. Ringrazio per la comprensione di chi è costretto a leggere (?) Il cirillico stolcherizzante/debordante che i lettori non vedono ed altro ancora.
Red 2.