none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . si fanno proposte al contrario?
Velocizzare .....
Ma se il Serchio facesse una piena seria con tutto .....
E' APPENA USCITO IL SOLE
SIAMO IN DIVERSI CHE PARLIAMO .....
. . . qui se c'è qualcuno che scappa mi pare che tu .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
di Renzo Moschini
Tutela e gestione del mare

30/4/2019 - 12:40

Tutela e gestione del mare


Tra le questioni ambientali che in questo momento stanno sfidando e incalzando le politiche degli stati il mare, la sua tutela e gestione è senz’altro tra quelle più drammatiche. Inquinamento, pesca, navigazione, erosioni richiedono ormai sul piano legislativo, normativo, progettuale, gestionale, dei controlli politiche nuove non più rinviabili.
Se la sfida non esclude nessun soggetto è evidente che in particolare essa riguarda aree e territori protetti come parchi e tra questi  le aree marine protette che coprono circa l’11% mari dell’UE.

Una superfice più che raddoppiata negli ultimi sei anni. Ora però è il complesso delle politiche ambientali che deve essere ripensato perché  assuma quei connotati non meramente difensivi, di argine agli effetti negativi derivanti da politiche economiche e sociali invasive. Le nuove politiche ambientali e non solo quelle del mare infatti devono sempre più diventare di proposta, innovazione, cambiamento.
Politiche possibili solo se le istituzioni e quindi la politica a tutto i livelli dallo stato agli enti locali sapranno giocare una partita che finora non li ha visti scendere in campo come avrebbero dovuto ma che spesso li ha visti ritagliarsi un ruolo inadeguato e spesso rinunciatario.
E questo ha riguardato specialmente il mare   particolarmente nel nostro paese.
Basti ricordare che già l’avvio della gestione della legge sui parchi 394 che per la prima volta riguardava anche coste e aree marine vide il ministero della Marina mercantile rivendicare un ruolo ‘separato’ a cui fummo costretti con referendum a sottrargli. Ricordo le polemiche in Commissione affari costituzionali della Camera con Calogero Mannino allora ministro. Ma  peggio ancora con il ministro Ronchi il quale negò l’affidamento della gestione delle aree protette marine confinanti con parchi terrestri all’ente parco se regionale che veniva infatti gestito separatamente.

Si disse che così era previsto dalla legge ma si trattava di balla pura e semplice come fu presto dichiarato dalla Corte dei Conti. Anche in questo caso il ministro se ne infischiò. Del resto la riserva marina della Meloria prevista già dalla legge del 91 da affidarsi al Parco di San Rossore ha visto la  luce di recente ma ancora non senza problemi. D’altronde quando con legge furono affidati anche alle Regioni compiti fino a quel momento riservati esclusivamente allo Stato, con i piani regionali costieri ben poco ne seguì.
Certo anche per responsabilità delle stesse regioni di cui Roma ben poco però si preoccupò a conferma che la leale collaborazione poco interessava e poco continua ad interessare a tutti i livelli con i risultati che sono  sotto gli occhi di tutti.
Ecco perché come abbiamo ribadito recentemente nell’incontro tenutosi a Marina di Pisa ora sul  mare, e non solo perché sta diventando sempre più una porcilaia, dobbiamo riuscire finalmente riuscire a svegliare istituzioni e politica.
Renzo Moschini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: