none_o

Servono forse convegni interminabili, ospiti illustri e location spaziali per ottenere partecipazione e divertimento? Servono mezzi illimitati, spazi dedicati, progetti faraonici per riunire persone e Associazioni per un progetto comune di alto livello? Talvolta, come è successo questo sabato, basta un piccolo spazio ed una piccola occasione per ottenere risultati eccellenti e oltre ogni aspettativa. 

Come spesso succede nessuno ci aveva pensato ( nemmeno .....
sicuramente la strizza in emilia romagna l'hanno sia .....
. . . . . . . . . . . . . per nascondere la strizza. .....
Salvini era al governo nel posto che voleva, si è .....
L'Associazione "La Voce del Serchio" ed MdS Editore
none_a
Abbracci e baci, il contesto emotivo influenza la gestualità sociale
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Volterra, 9 febbraio
none_a
Poste Italiane
none_a
Pisa, 31 gennaio
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Pisa
none_a
FIAB Pisa
none_a
Con le “De Soda Sisters”
none_a
Presentazione libro-24 gennaio
none_a
CSI Pisa
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
CSI -Centro Sportivo Italiano
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
Nella notte fredda e bianca
la Befana un poco arranca
urge ormai di farsi l'anca
e per questo sembra stanca.

Befanotto suo marito
è davvero inviperito
dice: .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
di Moschini
none_a
Scuola Primaria “Cesare Battisti” di Metato
UN ANNO DI SCUOLA: RISPETTARE LA NATURA PER AMARE NOI STESSI.

20/6/2019 - 0:21

UN ANNO DI SCUOLA: RISPETTARE LA NATURA PER AMARE NOI STESSI.
Alla Scuola Primaria “Cesare Battisti” di Metato, il progetto didattico di educazione ambientale e di educazione alla convivenza civile ha preso spunto all’inizio dell’anno scolastico dai tragici fatti che hanno colpito l’ambiente naturale ed antropico del Monte Serra. Le notizie del maestoso incendio hanno dilagato sulla stampa e sulle emittenti televisive locali ed hanno catturato anche l’attenzione degli alunni che da tempo sono impegnati nella salvaguardia dell’ambiente più o meno circostante la scuola.
“È la Natura che diventa il grande libro da sfogliare e leggere soprattutto attraverso l’osservazione diretta della realtà per facilitare la riflessione critica sulle conoscenze e la costruzione autonoma delle competenze da parte del bambino”, dicono le insegnanti Bronzini Lucilla, Cecchetti Elena, De Caprio Elvira, Forti Francesca, Senatore Anna Rita e Trassinelli Lucia.
In un primo momento di lavoro a scuola, i bambini hanno immaginato e creato alcune storie per dare le loro soluzioni fantastiche al grido di dolore della Terra. Poi, le lezioni si sono spostate sul Monte Serra ancora “convalescente”, dalla grave ferita causatagli dall’uomo, e i giovani studenti hanno esplorato i luoghi devastati dall’incendio e messo a dimora piantine di alloro donate per la circostanza dal Circolo Legambiente Pisa.

Le piante provengono dal “Boschetto” di San Marco, una aula didattica a cielo aperto ricca di biodiversità vegetale tipica della macchia mediterranea e della piana pisana, ecologicamente due sistemi molto produttivi.

Coadiuvati dai Vigili del Fuoco, dagli operatori volontari forestali e con il supporto dell’assessore all’ambiente del Comune di Calci, gli alunni hanno completato la loro missione lanciando sul Monte Pisano i tanti semi della frutta di stagione, raccolti a casa e consapevolmente non finiti nella spazzatura.
Con questi semplici gesti le classi seconde di Metato hanno voluto contribuire, nel loro piccolo, a far tornare vivo, fresco, giovane il Monte Serra perché, per loro, gli alberi rappresentano una delle componenti principali del paesaggio, le foreste sono i polmoni del nostro pianeta, ogni singolo grande albero è la città in cui vivono numerose famiglie di uccelli, di scoiattoli e migliaia di insetti.
La protezione dell’ambiente è una questione che riguarda il benessere e lo sviluppo di tutti gli uomini, comprese le generazioni future. “Proteggere”, lo sanno bene gli alunni metatesi, non significa solamente conservare uno stato di fatto, ma soprattutto adoperarsi attivamente per creare le migliori condizioni di vita possibili… oggi e domani.
 
L’insegnante Anna Rita Senatore
dell’Istituto Comprensivo “Gereschi”
di Pontasserchio
 
 
 

Fonte: Anna Rita Senatore
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




20/6/2019 - 9:06

AUTORE:
Vigilatore

Leggo immagino e sogno...penso che se tutte le classi delle nostre scuole medie avessero partecipato alla piantagione di nuovi alberelli il Monte Serra sarebbe adesso un quasi bosco e le sue pareti riarse e abbruttite sarebbero un pullulare di vita vegetativa e di speranza...grazie comunque ragazzi siete esemplari, e quindi non è detto che qualche altro progetto scolastico continui anche il prossimo autunno.
le ferite lentamente si rimarginano ma mi raccomando occhi aperti perché il caldo è già arrivato e con lui la siccità che insieme ai piromani mette sempre paura!