none_o

Poche righe, molto concrete, che non lasciano spazio ad altre interpretazioni o strumentalizzazioni.
Liliana Segre, la senatrice a vita sopravvissuta all'olocausto e oggetto, nelle ultime settimane, di numerosi attacchi sul web, ha declinato in maniera netta la proposta, partita dal mondo del giornalismo e poi ripresa anche da diversi esponenti politici, di essere candidata al ruolo di Presidente della Repubblica. 

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
. . non al Carroccio
6000 sardine 200 scorfani 100 gallinelle e il caciucco .....
"Questo è il segnale che se tutti ci muoviamo, forse .....
nonostante i primi giorni del governo giallorosso lo .....
Le squadre di Val Di Serchio
di Marlo Puccetti
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Enti di Promozione Sportiva
none_a
Val di Serchio
none_a
Val di Serchio
none_a
Cs campionato petanque
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Alla cassa di un supermercato una signora anziana sceglie un sacchetto di plastica per metterci i suoi acquisti.
La cassiera le rimprovera di non adeguarsi .....
MILANO CON IL TURBO
Il governo fa finta di avere sponsorizzato le Olimpiadi

25/6/2019 - 13:53

MILANO CON IL TURBO
Il governo fa finta di avere sponsorizzato le Olimpiadi, ma non è vero. Non ha fatto niente. (Torino 2006: Carla Bruni consegna bandiera al carabiniere)
di G.T. | 25/06/2019

 Dietro l’assegnazione a Torino delle olimpiadi invernali 2006 c’era la regia dell’Avvocato. Questa volta non c’era più e la sindaca Appendino, stupidamente si è ritirata. Forse dimenticando che la cerimonia d’apertura del 2006 (meravigliosa) è risultata essere lo spettacolo tv più visto in quell’anno: alcuni miliardi di spettatori, tre Emy Awards vinti.
L’idiozia grillina (ispirata dal santone demente di Sant’Ilario) fa dei danni nemmeno immaginabili.
Ma si sono fatti avanti Milano e Cortina. Con una strategia precisa. Per trovare i voti necessari a vincere hanno organizzato tre squadre: gli istituzionali, gli atleti e gli imprenditori. Ognuno di questi gruppi ha lavorato ai fianchi i propri referenti nel comitato olmpico e alla fine si è vinto.
Il significato politico di questa vittoria è semplice: in questo momento Milano ha il turbo. Da più parti si parla del sindaco Sala come di un personaggio destinato a un ruolo nazionale: sarebbe un errore. Sala è un ottimo sindaco della città oggi trainante in Italia e quello deve fare. Conta molto di più, oggi, essere a capo di Milano che non ministro dell’Agricoltura.
Vinte le olimpiadi invernali, adesso bisogna farle. Sull’organizzazione delle gare non ho alcun dubbio. Quando Mattarella ha detto che gli atleti in Italia si troveranno bene, ha detto il giusto: Milano è una grande città ospitale e Cortina ancora di più. La sfida vera si giocherà sulla cerimonia d’apertura, sullo spettacolo che lancia le olimpiadi.
Di solito gli atleti sfilano in uno stadio. Ma a Milano San Siro ha un’aria un po’ trista. Allora la capitale lombarda potrebbe rompere la tradizione e organizzare la sfilata e lo spettacolo direttamente in città, in mezzo alle strade, magari partendo dalla “nuova Milano” raccolta intorno a piazza Gae Aulenti, con adunata finale in piazza Duomo, cuore e simbolo della città.
Torino nel 2006 scelse come motivo della manifestazione “il ferro e il fuoco”. Milano potrebbe scegliere Leonardo da Vinci.
Ma decideranno gli organizzatori. Una cosa è chiara: su questo evento Milano si gioca molte cose. Deve dimostrare di essere una città ormai internazionale.
Quanto ai 5 stelle e soci è bene che stiano zitti. Ricordiamo bene quando Milano e Cortina decisero di partecipare alla gara: fate come volete, ma non cvi daremo nemmeno un soldo, sprezzanti e stupidi, come sempre.
Adesso le due città hanno vinto e allora c’è la corsa a fare i padrini. In realtà, il governo è stato un padre degenerato, un vero mascalzone.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




29/6/2019 - 12:56

AUTORE:
Bruno della Baldinacca

...durela; ma unlo vedi che siemo iette a scrivessi e leggessi, 'nsennò voi che democratio e Giò, maanco Urtimo e la Vichia un fussino 'ntervenuti?
Eppoi, improperi 'ontro di me dai fascistelli nostrali (che te non leggerai mai finchè unti fai un giornale x conto tuo) gliè robba di tutti i giorni.
Ripeto: nissuni rompe 'ollioni a Moavero Milanesi e tutti cianno da ridì su: Maria Elena Boschi e Matteo Renzi perchè non si son dimessi doppo che Berlusconi Sirvio, Leonardo Bertelli da Migliarino, Matteo Sarvini, Bersani Pierluigi, Giorgia Meloni, Nico Stumpo, D'Alema Massimo, Di Battista et Di Maio& votarono no alle riforme che avrebbano portato la Nostra Italia al pari della Germania e Francia e 'nvece fra tutti avete vorsuto mettella sotto la Grecia e al pari dei paesi di Visegrad; 'ndove viene arestata una capitana eroa, così come mi fenno a me ghiecimila euri di murta perchè mi trovonno per la 12esima vorta in un mese a ripulì la Via dei Pini marzagrata dalle discarie paesane e le povere caate a randa delle 42 "operatrici sensuali" ner cuore der Nostro Parco.


Fra 30 anni si vede siuramente che ho ragione io e torto te (sempre siuramente)

...e ner frattempo vedi di pilliattela con i vorta gabbana vecchi 'omunisti che glièn doventati pentaleghisti con un ghieci % in più in tutte le sezioni elettorali della provincia pisanese.
...massisà, a voartri 'nteressa perde come fe' Ingroia: che fe' fori 4 partiti in una botta sola e poi con l'emmepiddi, artiolo 1, Consenso dalemiano, Podemos civatiano ed altri ammennicoli, la garanzia di non contare mai una sega la avete garantita al limone.
Stammi bene, bona!

piesse, il tutto rimane negli annali archiviata sulla VdS, quindi quando farai auting, ti sarà utilissima come specchio.
nb, già il generale, il prof, il medico e tanti altri forummisti/collaboratori dissero a suo tempo di non scrivere più...poi man mano son tutti dico tutti ritornati a scrivere e collaborare al loro giornale; fuor che un sangiulianese che dopo 79 mail fatte fuori dal vaso ebbe un avviso di ricorso alla polizia postale ed il sig. C.....ni smisse.

29/6/2019 - 11:13

AUTORE:
Leonardo Bertelli Migliarino

Te l' ho già detto altre volte, quando intervieni, fallo nel merito delle questioni, non girandoci attorno senza costrutto.
Se vuoi fare il fine commentatore o il "giornalista" , fallo in modo corretto e coerente, non di parte.
E non pubblicare solo quello che ti pare.
Il coglione sono io che mi ci perdo, tanto so già che non pubblicherai nulla. E anche appellarsi al resto della redazione mi pare tempo perso...

28/6/2019 - 0:10

AUTORE:
BdB

Il mondo autarchico dei nostri padri contadini è finito negli anni /60.
Ed anche la politica comunista degli stati poveri è finita malamente.
Non è eresia dire che non si vive più di solo pane e lavoro.
Tre paia di vacche per tirare a stento un aratone Martinelli è cosa vista e superata da più di mezzo secolo.
100 canali TV che trasmettono h24 e che in pochi guardano perchè è elemento superato dagli smartpon sempre più potenti ed interattivi e che smuovono miliardi di euro ogni minuto che passa; sia nel mondo della cultura che delle arti e dei saperi e chi ora va a scuola, poi farà un lavoro che ancora non esiste (cit mr).

Quindi, lascia perdere il conte Mascetti è guarda il mondo reale e ti accorgi che facendo funzionare quella "lista" fatta dal governo Renzi/Alfano, non prevedeva il taglio delle pensioni dei lavoratori come è avvenuto con il governo degli incapaci e...non siamo anche a niente!
Poi nessuna Wikipedia del cavolo spenderà un pagina per Moavero Milanesi, ma titillera' le menti malleabili sui vari Nardella, Sala e il Filippo Penati di turno

27/6/2019 - 22:33

AUTORE:
Leonardo Bertelli Migliarino

Bruno, le supercazzole le faceva meglio il conte Mascetti. Cosa c' entra 'sta lista con le Olimpiadi e lo scritto di Turani ? Nulla !

27/6/2019 - 19:51

AUTORE:
BdB

Votate pure per gli incompetenti Salvini, Di Maio, Bersani, Civati, D'Attorre& ma fate almeno il confronto con Renzi.

Il governo Renzi ha voluto:

✓ le Universiadi a Napoli;
✓ la capitale della cultura a Matera;
✓ il G7 a Taormina;
✓la Apple a Napoli;
✓ il rilancio di Pompei;
✓ il rilancio della Reggia di Caserta;
✓ i musei archeologici a Reggio Calabria;
✓ i musei archeologici a Taranto;
✓ la Napoli Bari.
...e la variante appenninica andavano completate o no?
...e l'expo di Milano caro giovane Bertelli andava dato retta a Grillo?
Così chi ci compra il debito pubblico e ci permette di pagare 16 milioni di pensionati più tre milioni di quattordicesime istituite dal governo Renzi per i pensionati più poveri, ora ci ritenevano inaffidabili ed investivano altrove.
...e così la decrescita felice prospettata dal bibitaro era la vostra panacea.

27/6/2019 - 15:32

AUTORE:
Leonardo Bertelli Migliarino

Immagino che G.T., l' autore dello scritto, sia Giuseppe Turani.
Ora, da buon giornalista di economia, quale si ritiene, dovrebbe anche sapere che organizzare le Olimpiadi, estive o invernali che siano, ha un costo, enorme, per tutta la collettività.
Chi vuole può " godersi " lo studio dell' Università di Oxford fatto nel 2012.
Comunque, a farla breve, partendo da una cifra x di spesa , mediamente aumenta del 176 %. Si va dal + 796 % di Montreal (1976 ) al + 4 % di Pechino ( 2008 ).
E nel mondo non esistono altri progetti che subiscono variazioni come le olimpiadi.
Nel 2011, l' allora P.d.C. Monti disse di No alla candidatura di Roma per le olimpiadi del 2020, e fu elogiato da tutti. Hanno fatto lo stesso le due sindache di Roma e Torino, e sono state massacrate mediaticamente. Cosa avrebbero dovuto fare con i bilanci che si ritrovano ? Roma ha 13 MILIARDI DI EURO di debiti, Torino sta ancora pagando per le olimpiadi del 2006.
Va bene il detto, " tanto paga Pantalone " ?
Chiara Appendino, comunque un gol l' ha fatto. Per 75 milioni di euro ha assicurato alla città di Torino le Final Eight di tennis, e per 5 anni non per 15 giorni.
P.s. per la redazione : anche questo è tutto pubblico, basta cercarlo...