none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

. . . quando i fatti, o i dati, o le testimonianze. .....
. . . al secolo decimo/ nono quando per dirne una o .....
. . . . . . . . . . . è che questo signore ha il .....
Egr. sig democratico (a senso unico) credo che lei .....
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
Molina di Quosa, 19 settembre
none_a
Pisa, 21 settembre
none_a
Pontasserchio
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
Circolo Arci Filettole
none_a
Vecchiano, 27 settembre
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Maria Teresa Meli-Corriere della Sera
L’INTERVISTA: Renzi: «Non mi occupo del Pd, un errore non cercare di sfiduciare Salvini»

21/7/2019 - 12:45

Renzi: «Non mi occupo del Pd, un errore non cercare di sfiduciare Salvini»
L’ex leader Matteo Renzi dal Montana dove è stato invitato per una conferenza con leader e big della Silicon Valley, commenta: «Invece lo hanno fatto con Faraone...»

 Matteo Renzi è in Montana, nel Parco di Yellowstone, dove è stato invitato per una conferenza con leader politici e big della Silicon Valley. Tema: il futuro della società nel tempo della rivoluzione tecnologica.


Senatore Renzi, secondo lei si andrà alla crisi di governo?

«Più che una crisi di governo sembra una crisi di nervi. I due vicepremier hanno preso in ostaggio un Paese con le loro bizze adolescenziali. Noi facevamo le riforme, questi si fanno i dispetti».

Non crede che si vada ad elezioni?

«No. Vivono per le poltrone. Ci vuole dignità a lasciare un incarico. E la dignità è come il coraggio di don Abbondio: chi non ce l’ha, non può darsela. Il dramma è che il mondo corre veloce e l’Italia è ferma. Qui in America si discute di intelligenza artificiale, in Italia si parla del destino di Toninelli. E Toninelli con l’intelligenza, artificiale e non, non c’entra nulla».


L’opposizione che dovrebbe fare?

 «Farsi sentire di più. Io sono impegnato nella battaglia culturale contro il governo e le fake news. Facciamo formazione politica: starò alcuni giorni di agosto con gli Under 30, in una scuola che finanzio anche personalmente mettendo un mese del mio stipendio. Abbiamo prenotato per 100 ragazzi, siamo a 500 risposte. C’è fame di educazione e buona politica».


Chi parteciperà alla scuola come docente?

«Parole d’ordine: merito e talento. E poi sarà una scuola che punterà molto sulle donne: la responsabile è la professoressa Bonetti. E la prima lezione sarà quella della sindaca di San Lazzaro, in prima fila contro le cementificazioni, appena riconfermata con oltre l’80%: Isabella Conti è sindaca, avvocata, politica. Non se ne parla molto ma sono tantissime le donne di qualità in questo Paese: dobbiamo lavorare per rimuovere gli ostacoli alla loro affermazione. Del resto siamo stati i primi (e gli ultimi) a fare un governo con parità di genere».


Nicola Zingaretti l’accusa di fare «regolamenti di conti sul passato», in Sicilia Faraone è stato commissariato e la mozione di sfiducia proposta da Boschi e Ascani è stata respinta dal segretario. Che succede nel Pd? 

«Non mi occupo più del Pd. E suggerisco al segretario di occuparsi dell’altro Matteo, non di me. Non ho conti da regolare sul passato: i conti sul passato li ha regolati l’Istat quando ha mostrato che con le nostre leggi di bilancio l’Italia è cresciuta. Con quelli di prima, come Monti e Letta, e con quelli di ora come Salvini e Di Maio, no. Sono in pace col passato. E anzi sono felice che la fatturazione elettronica — tanto criticata quando la proponemmo alla Leopolda — abbia salvato l’Italia dalla procedura di infrazione. Le chiacchiere stanno a zero, il recupero dall’evasione invece cresce».


Renzi, scusi l’insistenza: perché il commissariamento in Sicilia o le polemiche sulla mozione di sfiducia a Salvini? 

«Io credo che se il ministro dell’Interno va in delegazione a Mosca con gente che chiede rubli ai russi e poi si rifiuta di venire in Parlamento l’opposizione abbia il dovere — non il diritto — di fare una mozione di sfiducia. Cosa altro deve fare un ministro per avere una mozione di sfiducia? Poi se i grillini lo salvano di nuovo, problema loro. Ma almeno noi facciamo opposizione!

Aver perso l’attimo per formalizzare la sfiducia a me è sembrato stravagante. E chi dice: “così si compattano”, non capisce che Lega e Cinque Stelle si compattano per le poltrone non per noi. Che poi il Pd Nazionale sfiduci Faraone e non Salvini è un errore. Ma io conosco Davide Faraone, so che è una roccia e che continueremo a lavorare insieme».


Lei pensa davvero di poter ridurre il suo impegno alla battaglia contro le fake news?

«Non è una battaglia di serie B, è la sfida più grande che c’è. I populisti non hanno idee. Le prendono a prestito dagli algoritmi in Rete. E costruiscono potenti narrazioni a senso unico. Non siamo provinciali: accade così in tutto il mondo. È Trump che attacca le deputate dem, è Johnson che attacca l’Europa, è lo stesso stile dal Sud America al Sud Est asiatico.

Chi viaggia per il mondo sa che siamo in presenza di un metodo. Da noi la Bestia di Morisi e Casaleggio hanno sdoganato l’aggressione contro di me e contro i miei: emblematico il caso delle banche. Ci hanno accusato di tutto e poi scopriamo che le leggi Salva banche le fa il governo Conte nel silenzio interessato degli addetti ai lavori.

Ecco perché la battaglia contro le fake news è innanzitutto una battaglia di educazione, di civiltà.

Ai ragazzi va chiesto di studiare: se uno vale uno, non studia più nessuno. E in nome del reddito di cittadinanza si insegna la pigrizia anziché l’impegno».


Renzi, lei continua a girare per conferenze in tutto il mondo. Come è vista l’Italia?

 «Non è vista. Moavero Milanesi è un ministro imbarazzante: ha più cognomi che idee.

Non sappiamo la nostra posizione sul Venezuela, sulla Libia, sul futuro dell’Europa, sui rapporti Cina-Usa, sulla Brexit. Il premier scrive lettere ai giornali per ricordare a se stesso di essere il premier. Lo dice sempre, sono il presidente del Consiglio: quasi non ci crede neanche lui. E Salvini è isolato a livello internazionale. Quanto agli investitori: non credono al governo, purtroppo.

Del resto come fai a credere a Di Maio che quindici giorni fa attacca i Benetton dicendo che il loro ingresso in Alitalia farebbe precipitare gli aerei e oggi plaude agli stessi Benetton? Il video delle frasi di Di Maio è diventato virale in Rete. Ma purtroppo lo vedono anche all’estero. E dicono: non ci fidiamo di voi. Un peccato, perché l’Italia ha tutto per essere protagonista.

Abbiamo una bellissima macchina ma il pilota non sa guidare. E così sfumano tante occasioni per le nostre imprese e per il nostro Pil».



Fonte: Maria Teresa Meli
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: