none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

. . . quando i fatti, o i dati, o le testimonianze. .....
. . . al secolo decimo/ nono quando per dirne una o .....
. . . . . . . . . . . è che questo signore ha il .....
Egr. sig democratico (a senso unico) credo che lei .....
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
Molina di Quosa, 19 settembre
none_a
Pisa, 21 settembre
none_a
Pontasserchio
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
Circolo Arci Filettole
none_a
Vecchiano, 27 settembre
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
TITINO in Via Manzoni

5/8/2019 - 16:45

Uno sguardo molto indietro nel tempo in questo incontro speciale di Valdo: 

Arrivava alla latteria di Via Manzoni con la sua caratteristica camminatura dondolante; basco blu in testa, giacchetta super abbondante per la sua esile corporatura, babuccie ai piedi. 
Sempre disponibile per piccoli servizi che di norma erano gli acquisti di giornali in Piazza del Carmine o negli altri negozi della zona. 

Una sosta obbligata era anche con il posteggiatore di biciclette che aveva la sede accanto al cinema estivo dove poi sorse la Upim nel 1966. Era un uomo grasso e pacioccone che stava ben comodo su di una sdraio da spiaggia posizionata sul marciapiede esterno. 

Informato su tutti i pettegolezzi della zona e soprattutto sulla bontà dello spettacolo delle compagnia che si esibivano nel vicino Teatro Italia.
 
Titino si fermava a parlare volentieri con tutti, dal macellaio Rovini e da Pompilio il mitico negozio di alimentari. 

Anche con noi ragazzi fraternizzava  perché sapeva che poi avrebbe ricevuto le 10 lire per la recita a memoria di alcune preghiere.    

Ma se l’ascoltatore intendeva distrarsi o sorridere, si arrabbiava molto e di scatto se ne andava rinunciando all’offerta.

Era tutto sommato orgoglioso. 

Titino era ospite dell’Ospizio che a cavallo degli anni ’60 aveva sede in Corso Italia dove ora ci sono alcune banche.

Accanto negozi e bar ad un piano che hanno fatto posto al complesso San Domenico. 

Nella latteria spesso se ne stava in silenzio a guardare la televisione insieme a noi; il locale aveva il banco sulla sinistra entrando mentre nel centro e a destra erano posizionate le sedie per assistere agli spettacoli televisivi.

Era sempre piena la stanza; all’epoca poche famiglie avevano il televisore in casa.

Nel pomeriggio vedevamo la TV dei ragazzi e dopo cena c’erano i grandi che assistevano alle commedie, al film una volta alla settimana e soprattutto al Musichiere con Mario Riva.

Il Giovedì era un giorno speciale perché occorreva prenotare: c’era Mike Bongiorno con il suo Lascia e Raddoppia e bisognava accontentarci a volte anche di un posticino in piedi. 

Il grande televisore in bianco e nero era montato su una alta pedana in ferro e ben visibile da tutte le parti. 

In estate la latteria si movimentava alla sera con gli spettatori del cinema estivo Manzoni che numerosi venivano a gustare il buon gelato prodotto in maniera artigianale dalle due donne titolari dell’attività.

Ma Titino non poteva assistere alle proiezioni perché al tramonto era obbligato a ritornare al ricovero. 

Titino aveva uno sguardo dolce ma penetrante; sempre ben curato e gentile si faceva perdonare qualche sua sfuriata di troppo.


Non ricordo se per il trasferimento dell’Ospizio o per altri motivi, di Titino non si ebbero più notizie.

Così un altro caro personaggio tipico di Pisa ci ha lasciato in silenzio.

Ma il buon Titino resterà nei ricordi delle tante persone che lo hanno conosciuto.

    
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: