none_o

 

 


Questa volta Finalmente domenica! la scrive Bruno Ferraro, il nostro inviato speciale a Auckland, nel caso ci fosse qualche appassionato/a velista tra i lettori e le lettrici di questa rubrichetta o, se non ci fosse, per gli amanti di spiagge e di isole vulcaniche.

Qualcuno sostiene che la Boschi è in realtà un anziano .....
. . . e giornalisti.
Non sempre sono Da-Cordo con .....
. . . . . . . . . . . . 1 perchè Renzi è un bagliniano. .....
Tanti saluti da parte di Franca al caro Sergio Mattarella. .....
La Mossa del cavallo
none_a
MdS Editore
none_a
Siamo nuovamente aperti, per voi!
none_a
Sabrina Banti
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Misericordie d'Italia
none_a
Triste evento a Pontasserchio
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


di Marlo Puccetti
none_a
BRUNO FIORI, PRESIDENTE PISA OVEST
none_a
Si presentava alla gara con ben 27 atlete.
none_a
PISA OVEST
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Buona sera a tutti,
dopo il COVID 19, riprendiamo da dove eravamo rimasti, al 17 Febbraio 2020, quando all'imbrunire nella sede dell'ASBUC di Vecchiano .....
di Pino Vincenzo
La Waterloo del governo e gli strepiti di Calenda che non sa far di conto

9/8/2019 - 23:50


La Waterloo del governo e gli strepiti di Calenda che non sa far di conto

«Nel voto sulla Tav sono riusciti nel capolavoro: sfiduciare Giuseppe Conte perché era a favore, sfiduciare Danilo Toninelli perché era contro, sfiduciare il governo perché una maggioranza non c’era.

Maestri...» dichiara un senatore leghista a proposito della strategia pentastellata.
Una Waterloo per richiamare un precedente storico che dia l’idea della disfatta.
Due esponenti del governo che presentano due orientamenti opposti, che votano mozioni antitetiche, ce n’è abbastanza per dichiarare morto e sepolto questo governo.
Eppure c’è nel Pd chi blatera su strategia parlamentare inadeguata perché non evidenzierebbero abbastanza la rottura che si è consumata.
Occorreva far passare la mozione cinque stelle con l’uscita dell’aula dei senatori Pd, secondo costoro, per rendere ancora più dirompente il quadro politico.
Oltre a non saper fare di conto perchè con i 51 senatori Pd in meno la mozione sarebbe passata 130 a 110, questo voto avrebbe snaturato il Pd.

Nel senso che il Pd non avrebbe dovuto ribadire col voto quello che è il suo orientamento proTav e permettere che in Parlamento passasse una posizione non rappresentativa della maggioranza delle forze politiche, cosa abbiamo visto impossibile ed assurda.
Costoro non si rendono conto che un fatto di questo genere avrebbe ringalluzzito i cinque stelle che si sarebbero fatti forti di questo pronunciamento ma, e questo è il fatto più grave, avrebbe trascinato il Parlamento in una bagarre che ne avrebbe delegittimato la funzione.
Insomma un casino infernale che avrebbe trascinato nella crisi non solo il governo ma anche l’istituto parlamentare.
Bene ha fatto il Pd a mio avviso a scegliere la strada maestra della chiarezza delle sue posizioni in materia di Tav, formalizzandole in un voto, e non lanciarsi in una sorta di anatema del tipo “lasciamoli litigare tra di loro”. Facendo diventare così il Parlamento cosa loro e trascinandolo nella crisi che ormai incombe sul governo. Accentuando la crisi istituzionale in cui versa il paese.
In tutto questo non riesco a capire i rimproveri acidi di Calenda e le sue contorsioni a proposito del voto.
Ma se uno si dichiara Europeo non vota e non sostiene la Tav? Verrebbe da chiedergli.
Diciamo la verità questo atteggiamento di Calenda con la matita rosso e blu su tutto quello che avviene all’interno del Pd comincia a dare fastidio, specie come nella fattispecie della Tav dove ha torto marcio.
Un consiglio. A fare il bastian contrario ci si ritrova assieme a Zanda e a qualche altro. Il Pd nell’occasione del voto sulla Tav ha dimostrato grande compattezza e linearità, altro che spaccatura, caro Carlo.
Ed ha evidenziato maggiormente la crisi di governo. Peccato che queste cose ce li riconoscano altri come si diceva al’inizio.


E siamo rientrati nel gioco politico visto che la mozione che è passata è quella del Pd, sostenuta dal centro destra

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/8/2019 - 0:27

AUTORE:
Buo

Il problema è proprio il cervello. C'è chi usa il proprio e chi usa e ragiona con quello del capetto di turno. Tanti elettori Pd sono speculari a quali della Lega : senza Capo non ragionano.

10/8/2019 - 11:40

AUTORE:
Exx

Non passa giorno che su questo giornale non compaiano articoli critici sul Partito Democratico da parte di appartenenti allo stesso partito.
Di fronte alla crisi di governo servirebbe una unità che molti di costoro non hanno ancora capito. Servirebbe usare meno la pancia e di più il cervello.