none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

. . . quando i fatti, o i dati, o le testimonianze. .....
. . . al secolo decimo/ nono quando per dirne una o .....
. . . . . . . . . . . è che questo signore ha il .....
Egr. sig democratico (a senso unico) credo che lei .....
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
Molina di Quosa, 19 settembre
none_a
Pisa, 21 settembre
none_a
Pontasserchio
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
Circolo Arci Filettole
none_a
Vecchiano, 27 settembre
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Pino Vincenzo
La Waterloo del governo e gli strepiti di Calenda che non sa far di conto

9/8/2019 - 23:50


La Waterloo del governo e gli strepiti di Calenda che non sa far di conto

«Nel voto sulla Tav sono riusciti nel capolavoro: sfiduciare Giuseppe Conte perché era a favore, sfiduciare Danilo Toninelli perché era contro, sfiduciare il governo perché una maggioranza non c’era.

Maestri...» dichiara un senatore leghista a proposito della strategia pentastellata.
Una Waterloo per richiamare un precedente storico che dia l’idea della disfatta.
Due esponenti del governo che presentano due orientamenti opposti, che votano mozioni antitetiche, ce n’è abbastanza per dichiarare morto e sepolto questo governo.
Eppure c’è nel Pd chi blatera su strategia parlamentare inadeguata perché non evidenzierebbero abbastanza la rottura che si è consumata.
Occorreva far passare la mozione cinque stelle con l’uscita dell’aula dei senatori Pd, secondo costoro, per rendere ancora più dirompente il quadro politico.
Oltre a non saper fare di conto perchè con i 51 senatori Pd in meno la mozione sarebbe passata 130 a 110, questo voto avrebbe snaturato il Pd.

Nel senso che il Pd non avrebbe dovuto ribadire col voto quello che è il suo orientamento proTav e permettere che in Parlamento passasse una posizione non rappresentativa della maggioranza delle forze politiche, cosa abbiamo visto impossibile ed assurda.
Costoro non si rendono conto che un fatto di questo genere avrebbe ringalluzzito i cinque stelle che si sarebbero fatti forti di questo pronunciamento ma, e questo è il fatto più grave, avrebbe trascinato il Parlamento in una bagarre che ne avrebbe delegittimato la funzione.
Insomma un casino infernale che avrebbe trascinato nella crisi non solo il governo ma anche l’istituto parlamentare.
Bene ha fatto il Pd a mio avviso a scegliere la strada maestra della chiarezza delle sue posizioni in materia di Tav, formalizzandole in un voto, e non lanciarsi in una sorta di anatema del tipo “lasciamoli litigare tra di loro”. Facendo diventare così il Parlamento cosa loro e trascinandolo nella crisi che ormai incombe sul governo. Accentuando la crisi istituzionale in cui versa il paese.
In tutto questo non riesco a capire i rimproveri acidi di Calenda e le sue contorsioni a proposito del voto.
Ma se uno si dichiara Europeo non vota e non sostiene la Tav? Verrebbe da chiedergli.
Diciamo la verità questo atteggiamento di Calenda con la matita rosso e blu su tutto quello che avviene all’interno del Pd comincia a dare fastidio, specie come nella fattispecie della Tav dove ha torto marcio.
Un consiglio. A fare il bastian contrario ci si ritrova assieme a Zanda e a qualche altro. Il Pd nell’occasione del voto sulla Tav ha dimostrato grande compattezza e linearità, altro che spaccatura, caro Carlo.
Ed ha evidenziato maggiormente la crisi di governo. Peccato che queste cose ce li riconoscano altri come si diceva al’inizio.


E siamo rientrati nel gioco politico visto che la mozione che è passata è quella del Pd, sostenuta dal centro destra

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/8/2019 - 0:27

AUTORE:
Buo

Il problema è proprio il cervello. C'è chi usa il proprio e chi usa e ragiona con quello del capetto di turno. Tanti elettori Pd sono speculari a quali della Lega : senza Capo non ragionano.

10/8/2019 - 11:40

AUTORE:
Exx

Non passa giorno che su questo giornale non compaiano articoli critici sul Partito Democratico da parte di appartenenti allo stesso partito.
Di fronte alla crisi di governo servirebbe una unità che molti di costoro non hanno ancora capito. Servirebbe usare meno la pancia e di più il cervello.