none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

LA faziosità di qualcuno, abitante a MDA, è evidente .....
Innanzi tutto devo ringraziare tutti i vari commentatori .....
. . . quando i fatti, o i dati, o le testimonianze. .....
. . . al secolo decimo/ nono quando per dirne una o .....
Lista -Uniti per Calci-
none_a
di Guglielmo Maccione
none_a
PD struttura territoriale di Pisa
none_a
Intervista a Matteo Renzi
none_a
RICCARDO MAINI sempre Residente a MdA
none_a
di GIUSEPPE TURANI
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Vecchiano 5 Stelle
www.vecchianoa5stelle.it
none_a
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
San Giuliano Terme, 22 settembre
none_a
San Giuliano Terme, 25-26 settembre
none_a
Molina di Quosa, 19 settembre
none_a
Pisa, 21 settembre
none_a
Pontasserchio
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
none_o
Il Tappeto del Mondo di Sant'Anna di Stazzema

13/8/2019 - 8:02


Quest'opera, presentata in anteprima a Firenze in Regione Toscana, rappresenta l'espressione del lavoro delle donne e la loro capacità di fare gruppo.
 
Ieri, 12 agosto, anniversario dell'eccidio di Sant'Anna di Stazzema il Tappeto del Mondo è stato srotolato completamente, creando un percorso colorato da piazza della Chiesa all'Ossario, nel Parco nazionale della Pace di Sant'Anna di Stazzema. 

Settantacinque anni dopo l'eccidio nazifascista di Sant'Anna di Stazzema (Lucca), - era il 12 agosto 1944 quando 560 civili, tra i quali 130 bambini, furono uccisi in una fucilazione di massa, - è stato srotolato il tappeto del mondo. Realizzata con stoffe e lavori all'uncinetto inviati da ogni parte d'Italia e da altri 112 Paesi, l'opera "avvolge" la cerimonia di commemorazione in memoria delle vittime. Con i suoi 1.000 metri di lunghezza e i 6.000 pezzi che lo compongono, infatti, il tappeto accompagna i partecipanti alla cerimonia, lungo un percorso colorato, da piazza della Chiesa di Sant'Anna all'Ossario, nel Parco nazionale della Pace. "Abbiamo creato un network, si tratta di un lavoro che può durare all'infinito", affermano soddisfatti gli ideatori del progetto, nato all'interno dell'Associazione I Colori per la Pace. Dal palco, intanto, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ammonisce: "Chi dimentica è più debole, più esposto ai pericoli che, nel suo tempo, intolleranza, ostilità, violenza ripropongono". "Esemplari - ha aggiunto - la tenacia e la forza morale con cui la comunità di Sant'Anna ha saputo tenere vivo il ricordo, trasmetterlo ai più giovani, trasformare quella ferita profonda in un impegno di ricostruzione, di convivenza, di sviluppo democratico"

 

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




13/8/2019 - 8:31

AUTORE:
Luisella

Sono commossa e strabiliata, e sì perché ho percorso diverse volte quel sentiero, una Via Crucis che mette i brividi dalla Chiesa fino all'Ossario e mai c'è stata tanta una sentita partecipazione come in questi ultimi anni.
Grazie di cuore a tutti gli organizzatori e alle donne che come sempre dimostrano di avere una sensibilità particolare e una grande voglia di dire al mondo intero "ecco questo l'ho creato io con le mie mani perché voglio essere presente nel comune impegno di conservare la memoria e trasmettere alle generazioni future l'orrore incommensurabile della guerra"!