none_o

La storia degli Usi Civici è lontana nel tempo, quando chi non era nobile o faceva parte della grande famiglia ecclesiastica doveva lottare ogni giorno per sopravvivere alla povertà. Poter sfruttare una parte della altrui proprietà per piccole attività come quella di caccia, di raccogliere legna o erba rappresentava un diritto importante per quelle comunità che è arrivato, con alterne vicende, fino ai giorni nostri. I tempi sono cambiati e anche le problematiche.
Una piccola storia può essere utile per capire.

Mi sono commossa leggendo che presto la Via dei Molini .....
Ora nel lago c'è anche l'azolla caroliniana. . . ! .....
Spett. / le Redazione,

torno a contattarvi per .....
In Francia e Inghilterra la circolazione di coltelli, .....
Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


MEGLIO UN GLAP OGGI CHE UN GLU GLU DOMANI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


CREDO NEGLI ESSERI UMANI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


Comunità di relazioni, giustizia, solidarietà sociale e sostenibilità

il "Pontile 102"
none_a
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Parte l'estate di Molina mon amour
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
San Giuliano Terme, 27 giugno
none_a
S'inarca la notte
remota sopra i nostri pensieri
di stelle cosparsi.
Fuliggine d'astri e millenni ;si posa
sul dorso di lucciole ignare
che vagano .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
di Bruno Pollacci
Ricordando Fausto Coppi

15/9/2019 - 20:06


Ricordando Fausto Coppi

Oggi è il 15 Settembre, ed in questo giorno, nel 1919, a Castellania (AL) nasceva Fausto Coppi, ciclista soprannominato “Il Campionissimo”, considerato uno dei più grandi e popolari atleti di tutti i tempi e fierezza assoluta dello Sport Italiano. Vinse cinque volte il Giro d'Italia (nel '40, '47, '49, '52 e '53) e due volte il Tour de France (nel '49 e nel '52) diventando il primo ciclista a vincere le due mitiche corse nello stesso anno.

Fù campione del Mondo di Ciclismo su Strada nel 1953 ed anche Campione del Mondo di Ciclismo su Pista per l'inseguimento, nel 1947 e nel 1949 e poi primatista dell'ora dal 1942 al 1956. Morì di malaria il 2 gennaio del 1960, a 40 anni. Questa mia opera realizzata a seppia è in suo omaggio e memoria.











Fonte: Bruno Pollacci Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri